Salute 26 Agosto 2022 12:42

Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»

Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»

Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»

Nel tentativo di tamponare una gravissima carenza di personale medico, la Calabria ha deciso di rivolgersi agli specializzandi. Dopo aver annunciato, tra mille polemiche, il reclutamento di quasi 500 medici cubani, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, ha pubblicato una manifestazione pubblica di interesse per reclutare giovani specializzandi da tutta Italia. «È certamente una decisione positiva, a cui spero aderiscano molti specializzandi. Tuttavia, credo che anche questa misura non risolva i problemi di carenza dell’organico della sanità calabrese», commenta a Sanità Informazione Federica Viola, presidente di Federspecializzandi.

L’avviso per gli specializzandi riguarda tutte le strutture sanitarie calabresi

Nella nota della Regione Calabria si spiega che «l’avviso riguarda posti per tutti gli ospedali e per tutte le strutture sanitarie calabresi: da Catanzaro a Polistena, da Cosenza a Locri, da Lamezia Terme a Crotone, da Vibo Valentia a Gioia Tauro». E continua: «Cerchiamo specializzandi in medicina e chirurgia d’accettazione d’urgenza, pediatria, anestesia e rianimazione, chirurgia generale, medicina interna, geriatria, malattie dell’apparato cardiovascolare, ginecologia e ostetricia, diagnostica, ortopedia e traumatologia, nefrologia, oncologia, malattie dell’apparato respiratorio, chirurgia vascolare, chirurgia toracica, psichiatria, e neuropsichiatria infantile».

Con reclutamento degli specializzandi, Occhiuto ha accolto una richiesta di Anaao Giovani

Nei giorni scorsi Anaao Giovani, ribadendo l’assoluta contrarietà all’arruolamento di medici cubani mediante agenzie interinali, ha formalmente avanzato al Governatore una serie di proposte, tra cui la pubblicazione di una manifestazione di pubblico interesse cui gli specializzandi possono aderire. Tra le altre proposte: lo sblocco immediato delle assunzioni degli specializzandi attualmente pendenti; l’istituzione della Scuola di specializzazione di medicina d’emergenza urgenza nell’unica facoltà di medicina calabrese; la riattivazione dell’osservatorio regionale della Formazione medico specialistica.

Federspecializzandi: «Per gli specializzandi scelta non facile»

«Speriamo che questa nostra manifestazione possa essere presa in considerazione da tanti giovani medici provenienti dalla nostra Regione e da tutto il Paese. Siamo pronti ad ospitare nei presidi sanitari calabresi tanti professionisti competenti, motivati, che hanno voglia di darci una mano e di mettersi in gioco», dice Occhiuto. Federspecializzandi auspica che siano in molti gli specializzandi che risponderanno a questa chiamata. «Non è una scelta facile per gli specializzandi a causa anche della cattiva fama e probabilmente anche dei pregiudizi sulla sanità calabrese», ammette Viola. «Sono anni che leggiamo sui media notizie che non rendono la sanità calabrese attrattiva come si vorrebbe. Non è una questione di stipendio – continua – che è uguale ovunque. Anzi, credo che la Calabria sia una regione in cui la qualità della vita sia meno dispendiosa che in altre parti d’Italia. Ma se si vuole rendere davvero attrattiva la sanità c’è bisogno di interventi strutturali, in primis in ambito sanitario, ma anche sui collegamenti, i trasporti e il resto degli altri servizi».

CIMO-FESMED ricorre al Tar contro il decreto di assunzione dei medici cubani

Nel frattempo vanno avanti le polemiche per la decisione di reclutare medici cubani. Il sindacato dei medici Federazione CIMO-FESMED ha deciso di ricorrere al Tar per bloccare il decreto del presidente della Regione Calabria. «L’utilizzo della procedura dell’accordo quadro per l’affidamento di prestazioni di somministrazione di manodopera è in generale vietato dalla legge se non per il tramite delle Agenzie a ciò autorizzate, e in ogni caso è vietato per l’esercizio di funzioni dirigenziali quali quelle che spettano ai medici», commenta il presidente della Federazione CIMO-FESMED e vicepresidente CIDA Guido Quici. «Inoltre – aggiunge – la Regione Calabria, prima di adottare una soluzione estemporanea come quella di rivolgersi a Cuba, ha del tutto ignorato la possibilità di assumere i medici specializzandi degli ultimi anni di formazione, come previsto dalla legge».

Occhiuto: «Ricorrere ai medici cubani è stato necessario»

Per Occhiuto rivolgersi a Cuba è stata una decisione «utile e necessaria». Dopo aver provato tutte le possibilità «interne» per risolvere la carenza del personale medico «questa è l’unica strada rimasta per tenere aperti gli ospedali della Regione». Ma è una soluzione di emergenza che «non esclude la ricerca di personale da assumere in pianta stabile, attività che non si ferma. E non si fermerà fino a quando non avremo risolto la questione. Chi mette in contrapposizione le due cose sbaglia strada».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Medici cubani in Calabria, cosa è successo?
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha siglato un accordo con il governo cubano per assumere poco meno di 500 medici a tempo indeterminato per far fronte alla gravissima carenza di personale. Una scelta, quella di Occhiuto, che ha sollevato un polverone di polemiche
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
Elezioni, CIMO-FESMED: «No a slogan o promesse irrealizzabili. Proposte concrete per salvare SSN»
«Le domande sono numerose, e le risposte di certo non semplici – commenta Guido Quici, Presidente CIMO-FESMED-. Ma ci auguriamo che trovino spazio nei programmi elettorali di tutti gli attori in campo, in attesa del dibattito pubblico organizzato dall’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria in programma per il prossimo 14 settembre»
Medici ex specializzandi, tribunali, politica ed Europa: cosa cambia dopo la sentenza della Corte Ue
La senatrice Daniela Sbrollini e l’avvocato Marco Tortorella hanno approfondito i risvolti della storica pronuncia su prescrizione, rivalutazione monetaria e adeguatezza delle borse in un webinar in esclusiva per i medici tutelati da Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi