Lavoro 14 Aprile 2021 16:10

Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni

La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico

Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni

L’approvazione della legge Gelli sulla responsabilità professionale, nel lontano 2017, era stata accolta con entusiasmo da parte di tutti gli attori in causa. Medici e professionisti sanitari in primis, ma anche pazienti e strutture. L’obiettivo della legge era (ed è), infatti, quello di ridurre il contenzioso, garantire un sistema risarcitorio più efficace e rivedere le polizze assicurative, da sempre tasto dolente della professione medica, soprattutto di alcune specializzazioni.

In questi anni non c’è stato un congresso che non abbia riservato una sessione (sempre partecipatissima) alle novità introdotte dalla legge. I convegni dedicati esclusivamente alla responsabilità professionale erano organizzati in tutta Italia con cadenza quasi settimanale. C’era una fame di informazioni e una voglia di cambiamento che solo una pandemia avrebbe potuto far passare in secondo piano. E infatti.

Il decreto sulle assicurazioni

Dall’approvazione della legge Gelli, dal lontano 2017, sono passati quattro anni ma alcuni suoi decreti attuativi, che la renderebbero (appunto) attuabile in ogni suo comma, non vedono ancora la luce. Ostaggio della Conferenza Stato-Regioni, in particolare, è il “Regolamento per la determinazione dei requisiti minimi delle polizze assicurative per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private e per gli esercenti le professioni sanitarie”.

Il decreto, quindi, che va proprio a regolare le polizze assicurative. Quel tasto dolente di quella professione medica che da oltre 13 mesi viene elogiata per gli sforzi compiuti nella lotta al Covid-19 e a cui vengono promessi (più a parole che con i fatti) ricompense e riconoscimenti. Quella professione medica che chiede a gran voce maggiori tutele soprattutto per il periodo emergenziale, sempre più bersaglio di ricorsi e cause promossi da pazienti Covid e parenti delle vittime che (giustamente) cercano giustizia. E questo decreto attuativo della Legge Gelli potrebbe quantomeno chiarire alcuni aspetti fondamentali relativi alla responsabilità professionale di chi esercita una professione sanitaria.

Eppure le Regioni ne stanno ostacolando l’iter di approvazione, nonostante il parere favorevole di tutti i Ministeri competenti (Salute, Sviluppo economico ed Economia), della Federazione degli Ordini dei Medici e degli altri enti coinvolti (strutture sanitarie e assicurazioni, soprattutto). Il pomo della discordia sarebbe, da quanto si apprende, l’introduzione di un meccanismo di bonus-malus che legherebbe la prevenzione del rischio clinico all’obbligo di aggiornamento continuo di medici e professionisti sanitari.

Assicurazioni e formazione ECM

Si tratta dei commi 7 e 8 dell’art.3, che prevedono uno sconto sulla polizza assicurativa per coloro che, nel corso del triennio precedente, abbiano ottenuto almeno il 70% dei crediti ECM richiesti. Al contrario, in caso di mancato assolvimento dell’obbligo formativo e di sinistro, l’assicurazione può rivalersi sul professionista o sulla struttura sanitaria in cui opera. Da qui l’opposizione delle Regioni, nonostante anche la Commissione nazionale ECM abbia dato parere favorevole al testo. Il timore delle Regioni, infatti, sarebbe quello di non riuscire ad esercitare il controllo sulla formazione del personale sanitario, rischiando quindi di rimetterci da un punto di vista economico e tralasciando quelli che sono gli obiettivi della norma: non solo coprire eventuali responsabilità sanitarie, ma anche prevenirle, educando gli assicurati ad una migliore gestione del rischio e tutelando la sicurezza dei pazienti.

Senza dimenticare, infine, che mai come quest’anno è emersa l’importanza di una formazione e di un aggiornamento costante del personale sanitario, che andrebbero sempre evidenziati e incentivati. Pena il possibile aumento di seguaci di gruppi Facebook e manifestazioni in cui si mettono in dubbio vaccini, evidenze scientifiche e validità di farmaci. Anche questo, quindi, rientra tra gli obiettivi del testo: riconoscere premi assicurativi meno onerosi a chi rispetta quello che è comunque (lo ricordiamo) un obbligo di legge.

Sono passati quattro anni dal lontano 2017, quando la legge Gelli è stata approvata tra gli entusiasmi di tutti gli attori coinvolti. Nel frattempo, senza retorica, il mondo è cambiato. O forse no.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
Azienda sanitaria paga 300mila euro senza aspettare la Ctu. La Corte dei Conti si rivale sui medici
Su Sanità Informazione la storia del dottor M. Lui e tre colleghi rischiano di dover pagare di tasca propria un totale di 250mila euro. L’Avvocato Gangemi (C&P): «I medici dell’equipe non sono stati neanche interpellati per chiedergli cosa fosse successo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco