Formazione 10 Novembre 2020 08:00

Formazione ECM, la ricetta di Di Falco (Agenas): «Semplificazione, qualità e tecnologia»

Il nuovo Direttore dell’Ufficio formazione e supporto al programma nazionale ECM dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali: «Passare dalla “competenza perché devo” alla “competenza perché lavoro sull’esito”»

Formazione ECM, la ricetta di Di Falco (Agenas): «Semplificazione, qualità e tecnologia»

È arrivato a Roma da pochi giorni e ha ancora lo sguardo spaesato mentre cammina tra i corridoi della sede dell’Agenas, proprio alle spalle di via Veneto. «Ho pochi minuti, poi devo scappare a prendere il treno per Padova, dove mi aspetta la mia famiglia per il weekend». Incontriamo Achille Di Falco alla fine della sua prima settimana come Direttore dell’Ufficio formazione e supporto al programma nazionale ECM dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.

Non si sono dubbi che in Agenas i fascicoli sul tavolo, in questi giorni di frenesia, siano altri, ma «per noi la formazione ECM è cruciale, e dobbiamo lavorare per semplificare tutto il processo, come abbiamo fatto in Veneto». Sono le parole di Domenico Mantoan, fresco di nomina come Direttore generale Agenas. E in effetti l’obiettivo dell’ufficio di Di Falco è replicare su scala nazionale quanto fatto a casa, quando era Direttore della Formazione e Sviluppo delle Professioni sanitarie prima a Padova e poi all’Azienda Zero di Regione Veneto.

«SEMPLIFICARE IL PERCORSO FORMATIVO»

Insomma, Di Falco sa di che parliamo quando affrontiamo il tema dell’Educazione continua in medicina. E la strada da percorrere appare abbastanza chiara: «Intanto dobbiamo trovare delle modalità di semplificazione del percorso formativo facendo molta attenzione alla dimensione qualitativa», spiega ai nostri microfoni.

E semplificazione va spesso a braccetto con tecnologia: «Le video-conferenze in questi mesi hanno consentito di rispettare le regole necessarie ad evitare i pericoli della pandemia e di stare al contempo molto vicini ai nostri professionisti, che in questo momento hanno particolarmente bisogno di implementare i loro ambiti di conoscenze».

«DALLA FAD NON TORNEREMO INDIETRO»

E poi c’è la formazione a distanza, che veniva sfruttata da molti medici e professionisti sanitari già prima dell’emergenza; ma dal momento che tutti gli eventi residenziali sono stati annullati, la FAD ha dimostrato in questo frangente tutte le sue potenzialità. «Un passo avanti dal quale difficilmente torneremo indietro», il commento di Di Falco.

«Ci sarà l’effetto del nuovo telefonino. All’inizio ci si trova in difficoltà, ma quando si inizia a conoscere lo strumento ci si accorge che ci aiuta. E anche i provider si sono accorti che la dimensione online può offrire degli elementi di maggior interazione con il professionista. Ma ancora una volta – puntualizza – non si tratta di girare un interruttore, ma di lavorare sulla dimensione qualitativa della formazione online».

FORMAZIONE ECM, DI FALCO: «SVILUPPARE LE COMPETENZE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI ESITI DI SALUTE»

Semplificazione e qualità quindi i fari che illumineranno il percorso della formazione ECM nei prossimi mesi, che necessariamente si intersecherà con la riforma del sistema in corso. Riforma che tra gli obiettivi ha anche un nuovo approccio del professionista all’aggiornamento continuo. Secondo Di Falco, questo dovrà liberarsi dall’«obbligo per la prosecuzione della carriera» e convincersi della necessità di «sviluppare le competenze per il raggiungimento di esiti di salute dei cittadini».

OBIETTIVI E OFFERTA FORMATIVA

«Da una parte – spiega Di Falco – dovremo sviluppare obiettivi chiari collegati all’assistenza ai pazienti; dall’altra, fare in modo che gli stakeholder del settore della formazione colleghino a questi obiettivi l’offerta formativa. In questo modo vi sarebbe maggiore soddisfazione da parte dei professionisti nel percorrere strade legate a questi obiettivi che rivedono poi nella loro organizzazione e negli esiti».

«Quando riusciremo a passare dalla “competenza perché devo” alla “competenza perché lavoro sull’esito” – conclude Di Falco – la formazione potrà rientrare in una dimensione di sviluppo dei nostri professionisti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
Contagi Covid 100 volte più alti, picco previsto fra 7-21 giorni
I contagi aumentano vertiginosamente. Rispetto a luglio di un anno fa abbiamo 100 volte in più di casi e ricoveri 5 volte superiori. Per Sebastiani (Cnr) picco fra 7-21 giorni
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi