Salute 23 Giugno 2023 13:31

Assistenza domiciliare integrata, Enrichens (Agenas): «Pon Gov Cronicità 2018-2023 precursore di Pnrr e Dm77»

Il Project Manager del Pon Gov Cronicità, Francesco Enrichens di Agenas: «Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali»

In Italia quasi un italiano su 4 è over 65, più precisamente il 24% della popolazione. E mentre l’aspettativa di vita cresce, aumenta pure la diffusione di patologie cronico-degenerative e della fragilità sociale. Far fronte all’invecchiamento della popolazione e, soprattutto, prendersi cura nel modo più adeguato dei cittadini anziani è la principale sfida che il Sistema Sanitario Nazionale è chiamato ad affrontare. «Il primo passo – spiega Francesco Enrichens, Project Manager del Pon Gov Cronicità, in un’intervista a Sanità Informazione – è evitare l’ospedalizzazione e per farlo è necessario intervenire sul territorio con azioni di prevenzione, riabilitazione e assistenza».

Pnrr e assistenza domiciliare

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, in particolare alla Missione 6, dedicata esclusivamente alla Sanità, pone importanti obiettivi che mirano proprio in questa direzione. In particolare, oltre a prevedere la creazione di Case e Ospedali di Comunità, punta ad incrementare l’assistenza domiciliare offerta agli anziani. Il Piano prevede un aumento delle prestazioni rese in assistenza domiciliare fino a prendere in carico, entro la metà del 2026, almeno il 10% della popolazione di età superiore ai 65 anni (in linea con le migliori prassi europee), rispetto all’attuale in media tra le diverse regioni italiane di poco inferiore ai 5 punti percentuali.

L’assistenza domiciliare integrata

Ad assistere l’anziano direttamente a casa sua dovranno essere professionisti di vario genere che, proprio in virtù della multidisciplinarità delle loro competenze (mediche, sanitarie e sociosanitarie), offriranno un’assistenza domiciliare cosiddetta “integrata” (Adi). «Grazie al Pnrr – continua Enrichens – ci sarà finalmente un approccio sistemico, regolato dal Dm 77 che, a sua volta, rappresenta la pietra miliare della riorganizzazione di tutto il Sistema Sanitario Nazionale, non solo a livello territoriale, ma globale». Precursore del Pnrr, nell’ambito dell’assistenza domiciliare integrata (Adi) è senza dubbio il progetto Pon Gov Cronicità 2018-2023 “Sostenere la sfida alla cronicità con il supporto dell’ICT”, realizzato dal Ministero della Salute con il coordinamento tecnico-scientifico di Agenas.

Il ruolo del Pon Gov Cronicità

«Grazie al Pon Gov Cronicità, avviato già un anno prima che scoppiasse la pandemia da Covid-19, coloro che operano nelle Regioni, nelle Aziende, ma anche nei Comuni, nell’ambito dell’assistenza sociosanitaria, hanno messo a punto e condiviso delle buone pratiche. Tra i punti cardine di queste “buone pratiche”, insieme alla telemedicina, ci sono: la “presa in carico globale”, i PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali), la gestione delle fragilità nei pronti soccorso e di tutte le fragilità cosiddette “speciali” che afferiscono alla salute mentale, alla neuropsichiatria infantile, ai Sert e alla medicina penitenziaria. Ma un pilastro altrettanto importante è proprio l’assistenza domiciliare che, all’interno del Pnrr, trova un importante incremento: 800mila persone in più assistite a domicilio. Quindi, l’esperienza derivata dal Pon Gov Cronicità rappresenta un substrato importante sia per la costruzione del Pnrr, sia per la stesura e l’implementazione del Dm77».

L’ICT per l’ADI

«Fulcro della riorganizzazione dei servizi territoriali, ADI compresa, sono le nuove tecnologie e in particolare l’implementazione delle l’ICT (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) delle centrali operative territoriali», aggiunge Enrichens. L’informatica in sanità offre supporto in tutte gli aspetti connessi alla pratica sanitaria, dalla prevenzione, alla diagnosi, fino a terapia, assistenza ed agli aspetti amministrativi correlati. «Altro tassello fondamentale – continua Enrichens – sarà un utilizzo adeguato della figura emergente dell’infermiere di famiglia e di comunità. Inoltre, sarà altrettanto necessario continuare a mantenere una conoscenza adeguata dei bisogni di salute dei singoli individui, per la loro presa in carico, ma anche della famiglia dei pazienti e della comunità in generale che, insieme – conclude l’esperto – rappresentano un indiscutibile supporto per il nostro Sistema Sanitario Nazionale».

 

 

Articoli correlati
Insediato CTS dell’Osservatorio buone pratice di integrazione socio sanitaria
Si è insediato ieri in Anci, presso la Sala della Presidenza, il Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio delle buone pratiche di integrazione socio sanitaria (OISS) promosso da Federsanità Anci in convenzione con Agenas
Transitional care e ICT: componenti fondamentali per lo sviluppo, stato dell’arte in Italia, fattori critici di successo
PON GOV Cronicità | Il Transitional Care con l'utilizzo dell'ICT è una metodologia di presa in carico del paziente che vedrà una rapida evoluzione grazie al PNRR
di Marco Simonetti, Pasquale Falasca e Gabriele Nube
Il rapporto sulla qualità degli outcome clinici di Agenas e Aiop, prevale l’eterogeneità
L’area gravidanza e parto è la sola nella quale sono le strutture di diritto pubblico ad ottenere una valutazione migliore
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...