Formazione 14 Ottobre 2020

Riforma del sistema ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ecco gli obiettivi da raggiungere»

Dalla qualità dei corsi di formazione all’introduzione di un sistema premiante per i professionisti che si aggiornano, il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici delinea le direttive che la Commissione ECM sta seguendo per riformare la formazione continua

Premiare i professionisti che rispettano l’obbligo formativo, puntare sulla qualità dei corsi di formazione e valorizzare l’aggiornamento sul campo. Sono queste le tre direzioni intraprese dalla Commissione nazionale per la formazione continua che in questo concitato 2020 si sta occupando anche della riforma del sistema ECM.

LA RIFORMA DEL SISTEMA ECM

A delinearne lo scheletro è Roberto Monaco, segretario della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici: «Da una parte deve essere valorizzato il quotidiano del singolo professionista che tutti i giorni si aggiorna per poter garantire una prestazione di salute ottimale ai pazienti – spiega a Sanità Informazione –. Dall’altra dobbiamo fare in modo che ci sia una sorta di certificato di qualità di questa formazione. Dobbiamo garantire ai cittadini una formazione del personale sanitario di alto livello, e questo possiamo farlo grazie ai corsi, alle simulazioni, ad un aggiornamento sempre nuovo, che sia al passo con i tempi».

Quindi, Monaco sposa la proposta del direttore generale del Co.Ge.APS Enrico De Pascale di introdurre un meccanismo che possa premiare i professionisti sanitari che risultino in regola con gli ECM: «Sono pienamente d’accordo. I medici vogliono aggiornarsi, ma il problema è che tante volte le ore previste per la formazione devono essere dedicate all’assistenza per far fronte alla carenza di personale. Ma questo non è ammissibile, significherebbe abbassare il nostro grado di formazione. Invece dobbiamo volere una formazione continua sempre più forte. E per raggiungere questo risultato – conclude – un sistema premiante sarà sicuramente un aiuto importante».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...