Salute 10 Novembre 2020 10:05

«Epidemia in rapido peggioramento in tutto il Paese». Sale il livello di rischio in 5 regioni

Con un’ordinanza del ministro Speranza da mercoledì 5 regioni entreranno in zona arancione e la PA di Bolzano in zona rossa. L’invito è di ridurre i contatti drasticamente

«Epidemia in rapido peggioramento in tutto il Paese». Sale il livello di rischio in 5 regioni

Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria diventano regioni arancioni e la provincia autonoma di Bolzano entra in zona rossa. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza nella serata di ieri, dopo l’esame dei dati elaborati dalla Cabina di regia. I provvedimenti per le regioni entreranno in vigore da mercoledì 11 novembre.

Gli ultimi riferimenti si basano sui dati del periodo 26 ottobre – 1 novembre, che riportano persone che hanno probabilmente contratto l’infezione nella prima parte dello scorso mese. I rilevamenti non sono positivi: «L’epidemia in Italia è in rapido peggioramento su tutto il territorio nazionale». La maggior parte delle regioni è compatibile con uno scenario 3, ma con una velocità di trasmissione così elevata che quelle che si accostano allo scenario 4 sono in rapido aumento.

«Tutte le regioni – si legge – sono classificate a rischio alto di una epidemia non controllata e non gestibile sul territorio o a rischio moderato con alta probabilità di progredire a rischio alto nelle prossime settimane». L’incidenza cumulativa è passata a 523,74 per 100mila abitanti tra il 19 ottobre e il 1 novembre. I casi sintomatici sono aumentati a 129,238 (contro i 54mila della prima parte di ottobre) secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità. L’Rt calcolato sui casi sintomatici è pari all’1,72, singolarmente anche nella maggior parte delle regioni si supera l’1,5. Per 9 regioni è stata segnalata l’allerta nella resilienza dei servizi sanitari territoriali.

RITARDI NELLA TRASMISSIONE DI DATI 

La criticità nel riportare i dati con tempestività si rileva ancora, così come quella nella completezza degli stessi. Anche la scorsa settimana i ritardi sono stati importanti per il sistema di monitoraggio. Questa, secondo il documento Iss, è un’ulteriore prova della «generale criticità di resilienza diffusa su tutto il territorio nazionale e dovuta alla gravità della situazione epidemiologica». Come conseguenza questo può portare ad una sottostima della velocità di trasmissione e dell’incidenza.

Resta stabile la percentuale di casi rilevati con contact tracing di casi positivi, al 19,5%; al 35,1% quella dei casi rilevati alla comparsa dei sintomi e stabile al 27,4% quella dei casi rilevati tramite screening. Resta un importante 18% di nuovi positivi di cui non è riportato il motivo di accertamento diagnostico. In alcune regioni, inoltre, l’80% dei nuovi casi non è riconducibile a catene di trasmissione già note: questa settimana sono 74,967 contro i 49.511 della settimana precedente.

«NECESSARIA RIDUZIONE DELLE INTERAZIONI FISICHE»

«Si conferma – si legge ancora – che è necessaria una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone in modo da alleggerire la pressione sui servizi sanitari. È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile».

Per le Regioni/PA classificate a rischio moderato con una probabilità elevata di progredire a rischio alto nel prossimo mese, data l’elevata trasmissibilità e la probabilità elevata di un imminente passaggio alla classificazione di rischio alto, «si raccomanda di considerare di anticipare rapidamente le misure previste per il livello di rischio alto ed il corrispondente scenario».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?
Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero
Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio
Conferenza Regioni, Fedriga: «In arrivo linee guida per riaperture»
Il nuovo presidente della Conferenza delle Regioni Fedriga parla di un documento con linee guida per "tornare alla normalità" con cautela. Interessate ristorazione, palestre, piscine, strutture termali, cinema e spettacoli dal vivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM