Contributi e Opinioni 14 Novembre 2022 16:05

Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo

La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio

Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo

La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio.

Nel caso di evento danno consequenziale a vaccinazione si prospettano due possibili strade percorribili per la tutela del danneggiato: l’azione di indennizzo e l’azione di risarcimento danni.

Parimenti, per il ristoro dei danni da vaccinazione anti Sars-CoV-2 le tutele ex lege azionabili sono quella indennitaria, disciplinata dalla L. 210/1992, e quella risarcitoria.

Le predette azioni possono essere promosse alternativamente e/o cumulativamente al ricorrere di determinati presupposti, atteso il netto discrimen esistente tra l’indennizzo e il risarcimento.

Nel presente contributo si procederà all’indagine e disamina delle tutele previste dalle normative vigenti e delle novità specificamente introdotte in materia di vaccino anti Covid-19 relativamente alla posizione del Ministero della Salute in caso di danni conseguenti alla vaccinazione de qua.

La tutela indennitaria è disciplinata dalla legge n. 210 del 1992, e coesiste nel nostro ordinamento con la parallela forma di tutela di tipo risarcitorio, differenziandosene nettamente in quanto non richiede, ai fini della propria corresponsione, la sussistenza di profili di colpa né l’illiceità del fatto. Il danno indennizzabile, infatti, non è imputabile ad una condotta colposa assunta da un soggetto coinvolto nella procedura vaccinale bensì sorge, anche da fatto lecito, per il mero manifestarsi della menomazione irreversibile causa diretta della vaccinazione inoculata.

Ai sensi dell’art. 1 comma 1 della L. 210/92 l’indennizzo è corrisposto a «chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge».

La normativa vigente in ambito di riconoscimento delle indennità previste per danni permanenti da vaccinazione è stata recentemente integrata per ricomprendere in maniera specifica anche la casistica dei vaccini anti Covid-19, cd. “anti Sars-CoV-2”.

Nell’ambito della tutela indennitaria spettante per i danni causati dal vaccino anti Covid, infatti, tema molto dibattuto – fino all’introduzione del comma 1 bis all’art. 1 della L. 210/1992 avvenuta ad opera dell’art. 20 del D.L. 4/2022 convertito in L. 28 marzo 2022, n. 25 – è stato quello dell’applicabilità della legge 210/92 solo ai casi di obbligatorietà vaccinale e/o anche a quelli della cd. vaccinazione raccomandata.

I vaccini anti Covid-19, infatti, sono sussumibili nell’alveo della vaccinazione “fortemente raccomandata”, salvo i casi in cui è stata stabilita obbligatoriamente

Ferma la piena applicabilità della L. 210/1992 a tutti i casi in cui il vaccino anti Covid è stato reso obbligatorio ex lege, la tutela risarcitoria è prevista anche per le categorie non obbligate eventualmente colpite.

Ai sensi e per gli effetti del disposto di cui al comma 1 bis dell’art. 1 della L. 210/1992, introdotto con il D.L. 27 gennaio 2022, n. 4 infatti, «l’indennizzo di cui al comma 1 spetta, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge, anche a coloro che abbiano riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione anti Sars-CoV-2 raccomandata dall’autorità sanitaria italiana».

Ebbene, lo Stato è obbligato a risarcire il danno subito dal soggetto che si è sottoposto ad un vaccino, non rilevando all’uopo l’obbligatorietà o meno dello stesso.

Il danno, infatti, è pienamente risarcibile anche se originato dalla somministrazione di un vaccino, sic et simpliciter, solo fortemente raccomandato dal quale è scaturito un serio pregiudizio alla salute che sia stato accertato e adeguatamente valutato in sede medico-legale.

Orbene, l’intervento modificativo apportato in materia dal legislatore, giusta D.L. 4/2022 art. 20 c.1, era auspicabile atteso che la formulazione originaria della L. 210/1992 (come detto, più volte censurata in sede di legittimità costituzionale per il discrimen arrecato ai soggetti danneggiati da eventi avversi conseguenti a “vaccinazione raccomandata”) non avrebbe permesso al giudice adito per l’indennizzo dei danni da vaccino anti Covid-19 dalle categorie per le quali lo stesso era solo fortemente raccomandato di estendere automaticamente l’ambito applicativo della norma anche al nuovo vaccino, ma avrebbe richiesto, appunto, una pronuncia d’incostituzionalità della medesima legge alla Corte Costituzionale (C.Cost. n. e n. 268/2017), come avvenuto in passato per altre vaccinazioni fortemente raccomandate.

Il legislatore, quindi, con l’introduzione del comma 1 bis all’art. 1 della L. 210/92 (art. 20 del D.L. 4/2022 cd. “Decreto Sostegni Ter” convertito in L. 28 marzo 2022, n. 25) ha definitivamente avvalorato i principi di diritto enucleati dalla citata giurisprudenza della Corte Costituzionale.

Con l’emanazione della disposizione de qua, pertanto, l’indennizzo è stato normativamente riconosciuto non soltanto in caso di “obbligo vaccinale”, ma anche alla platea che, pur non essendo obbligata, ha seguito le raccomandazioni ministeriali sottoponendosi all’inoculazione del “vaccino raccomandato”.

È lecito che lo Stato garantisca l’erogazione di un equo indennizzo anche ai soggetti non obbligati alla vaccinazione, poiché è lecito affermare (come affermato dalla più illustre giurisprudenza) che anch’essi si siano sottoposti alla somministrazione in ragione di esigenze collettive di solidarietà sociale e non solo, quindi, per un mero beneficio personale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...