Contributi e Opinioni 14 Novembre 2022 16:05

Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo

La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio

Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo

La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio.

Nel caso di evento danno consequenziale a vaccinazione si prospettano due possibili strade percorribili per la tutela del danneggiato: l’azione di indennizzo e l’azione di risarcimento danni.

Parimenti, per il ristoro dei danni da vaccinazione anti Sars-CoV-2 le tutele ex lege azionabili sono quella indennitaria, disciplinata dalla L. 210/1992, e quella risarcitoria.

Le predette azioni possono essere promosse alternativamente e/o cumulativamente al ricorrere di determinati presupposti, atteso il netto discrimen esistente tra l’indennizzo e il risarcimento.

Nel presente contributo si procederà all’indagine e disamina delle tutele previste dalle normative vigenti e delle novità specificamente introdotte in materia di vaccino anti Covid-19 relativamente alla posizione del Ministero della Salute in caso di danni conseguenti alla vaccinazione de qua.

La tutela indennitaria è disciplinata dalla legge n. 210 del 1992, e coesiste nel nostro ordinamento con la parallela forma di tutela di tipo risarcitorio, differenziandosene nettamente in quanto non richiede, ai fini della propria corresponsione, la sussistenza di profili di colpa né l’illiceità del fatto. Il danno indennizzabile, infatti, non è imputabile ad una condotta colposa assunta da un soggetto coinvolto nella procedura vaccinale bensì sorge, anche da fatto lecito, per il mero manifestarsi della menomazione irreversibile causa diretta della vaccinazione inoculata.

Ai sensi dell’art. 1 comma 1 della L. 210/92 l’indennizzo è corrisposto a «chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria italiana, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge».

La normativa vigente in ambito di riconoscimento delle indennità previste per danni permanenti da vaccinazione è stata recentemente integrata per ricomprendere in maniera specifica anche la casistica dei vaccini anti Covid-19, cd. “anti Sars-CoV-2”.

Nell’ambito della tutela indennitaria spettante per i danni causati dal vaccino anti Covid, infatti, tema molto dibattuto – fino all’introduzione del comma 1 bis all’art. 1 della L. 210/1992 avvenuta ad opera dell’art. 20 del D.L. 4/2022 convertito in L. 28 marzo 2022, n. 25 – è stato quello dell’applicabilità della legge 210/92 solo ai casi di obbligatorietà vaccinale e/o anche a quelli della cd. vaccinazione raccomandata.

I vaccini anti Covid-19, infatti, sono sussumibili nell’alveo della vaccinazione “fortemente raccomandata”, salvo i casi in cui è stata stabilita obbligatoriamente

Ferma la piena applicabilità della L. 210/1992 a tutti i casi in cui il vaccino anti Covid è stato reso obbligatorio ex lege, la tutela risarcitoria è prevista anche per le categorie non obbligate eventualmente colpite.

Ai sensi e per gli effetti del disposto di cui al comma 1 bis dell’art. 1 della L. 210/1992, introdotto con il D.L. 27 gennaio 2022, n. 4 infatti, «l’indennizzo di cui al comma 1 spetta, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla presente legge, anche a coloro che abbiano riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione anti Sars-CoV-2 raccomandata dall’autorità sanitaria italiana».

Ebbene, lo Stato è obbligato a risarcire il danno subito dal soggetto che si è sottoposto ad un vaccino, non rilevando all’uopo l’obbligatorietà o meno dello stesso.

Il danno, infatti, è pienamente risarcibile anche se originato dalla somministrazione di un vaccino, sic et simpliciter, solo fortemente raccomandato dal quale è scaturito un serio pregiudizio alla salute che sia stato accertato e adeguatamente valutato in sede medico-legale.

Orbene, l’intervento modificativo apportato in materia dal legislatore, giusta D.L. 4/2022 art. 20 c.1, era auspicabile atteso che la formulazione originaria della L. 210/1992 (come detto, più volte censurata in sede di legittimità costituzionale per il discrimen arrecato ai soggetti danneggiati da eventi avversi conseguenti a “vaccinazione raccomandata”) non avrebbe permesso al giudice adito per l’indennizzo dei danni da vaccino anti Covid-19 dalle categorie per le quali lo stesso era solo fortemente raccomandato di estendere automaticamente l’ambito applicativo della norma anche al nuovo vaccino, ma avrebbe richiesto, appunto, una pronuncia d’incostituzionalità della medesima legge alla Corte Costituzionale (C.Cost. n. e n. 268/2017), come avvenuto in passato per altre vaccinazioni fortemente raccomandate.

Il legislatore, quindi, con l’introduzione del comma 1 bis all’art. 1 della L. 210/92 (art. 20 del D.L. 4/2022 cd. “Decreto Sostegni Ter” convertito in L. 28 marzo 2022, n. 25) ha definitivamente avvalorato i principi di diritto enucleati dalla citata giurisprudenza della Corte Costituzionale.

Con l’emanazione della disposizione de qua, pertanto, l’indennizzo è stato normativamente riconosciuto non soltanto in caso di “obbligo vaccinale”, ma anche alla platea che, pur non essendo obbligata, ha seguito le raccomandazioni ministeriali sottoponendosi all’inoculazione del “vaccino raccomandato”.

È lecito che lo Stato garantisca l’erogazione di un equo indennizzo anche ai soggetti non obbligati alla vaccinazione, poiché è lecito affermare (come affermato dalla più illustre giurisprudenza) che anch’essi si siano sottoposti alla somministrazione in ragione di esigenze collettive di solidarietà sociale e non solo, quindi, per un mero beneficio personale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Sulla responsabilità penale del pediatra
Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa