Contributi e Opinioni 12 Ottobre 2022 10:24

Sulla responsabilità penale del pediatra

Una recente sentenza si è espressa sulla responsabilità penale del pediatra: non trattenere il minore per accertamenti è omicidio colposo

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Sulla responsabilità penale del pediatra

L’omissione di accertamenti può trasformarsi in un grave reato. È quanto stabilisce la sentenza n.36044/2022 della Corte di Cassazione, che affronta il tema della responsabilità penale del pediatra. Un tema estremamente delicato che proviamo qui ad approfondire.

I fatti

L’evento che ha dato inizio ai tre gradi di giudizio è il decesso di un bambino toscano di dieci anni, affetto sin dalla nascita da gravi patologie. A quanto risulta dagli atti, il piccolo soffriva di una marcata e progressiva cifoscoliosi (curvatura laterale ed in avanti della colonna vertebrale), di siringomielia (fistole di liquido lungo il canale spinale) e di un ritardo nello sviluppo psicomotorio connesso a problemi genetici (delezione del cromosoma 12).
Questo quadro clinico ha portato il bambino ad avere ripetuti interventi chirurgici e, probabilmente, a seguito di questi, ad un severo restringimento del canale tracheale in conseguenza di una intubazione post arresto cardio-circolatorio. Tale “stenosi tracheale iatrogena” si sarebbe purtroppo verificata in concomitanza di una profonda bronchite.
A seguito di evidenti e persistenti difficoltà respiratorie, il piccolo sarebbe stato successivamente accompagnato più volte – nell’arco di un mese – presso strutture sanitarie, dalle quali sarebbe sempre emersa solamente la diagnosi di bronchite. Durante l’ultima visita, a distanza di diciassette giorni dal primo controllo e nonostante la mancata risposta alla prolungata terapia medica, i pediatri di turno confermano la diagnosi e non trattengono il bambino per ulteriori accertamenti. Di lì a pochi giorni, il giovane paziente muore.

I giudizi di merito

I primi due gradi di giudizio vedono soccombere i due pediatri che per ultimi hanno visitato il bambino – uno di guardia medica e l’altro in servizio presso il reparto di pediatria ove era stato inviato il paziente – con l’accusa di omicidio colposo. L’appello in realtà attenua le condanne per i due summenzionati, riconoscendo le attenuanti generiche e il beneficio della non menzione della condanna nel certificato penale.
Il medico di base, che aveva visitato per primo l’ultima volta il bambino e che era stato anch’esso condannato in primo grado, viene assolto in appello.

Il ricorso in Cassazione

I ricorrenti in Cassazione – ovvero i due pediatri condannati nei primi due gradi di giudizio – vedono respingersi le motivazioni sostanzialmente sulla base delle evidenze emerse dalla perizia di Corte d’appello. Da essa si evince chiaramente che:

  • il restringimento del canale tracheale fu conseguenza dell’intubazione a seguito dell’ultima operazione chirurgica;
  • la morte fu dovuta ad una occlusione completa del canale tracheale, causata quest’ultima dalla “stenosi iatrogena” e dalla concomitante presenza di muco bronchitico;
  • erano presenti testimonianze video che mostravano chiaramente, un giorno prima della visita da parte dei due pediatri, che il bambino manifestava evidenti segni di affaticamento respiratorio;
  • i medici pediatri di guardia medica e di reparto avrebbero dovuto – sulla base di quanto sopra esposto – sospettare necessariamente un restringimento delle vie aeree superiori e non una semplice tracheite.

La storia clinica del piccolo paziente avrebbe dovuto far scattare un principio di prudenza e raccomandare così ai due specialisti la necessità di un ricovero del bambino in tempi brevi, al fine di procedere con accertamenti definitivi (sostanzialmente: tomografia computerizzata ed endoscopia delle vie aeree). In seguito si sarebbe potuto operare il piccolo per rimuovere il restringimento con una percentuale di successo fra il 70% e l’85%.

Colpa grave per imperizia e negligenza

La Cassazione stabilisce quindi che «[…] entrambe le imputate versassero in colpa non lieve, tanto sotto il profilo della imperizia, alla luce della violazione delle buone pratiche mediche, per il notevole scollamento tra la condotta tenuta e quella esigibile, quanto tanto sotto il profilo del grado molto elevato di negligenza nella assunzione e trattazione del caso clinico».

Tutele civili e penali per il pediatra

Alla luce di quanto esposto, anche per il medico pediatra riveste di fondamentale importanza dotarsi di buone tutele a copertura dei rischi di responsabilità civile e penale. A tal proposito, può essere utile una consulenza professionale da parte dei membri dello staff di SanitAssicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Numero chiuso, valorizzazione del medico, commissione Covid: parla Andrea Crisanti
Il senatore dem attacca: «Tasso di mortalità elevato perché alcune regioni hanno remato contro le decisioni del governo, ben venga commissione d’inchiesta». Per i medici chiede di rivedere il ‘tetto salariale’ e di essere più flessibili con l’età pensionistica: «Spesso vanno in pensione colleghi al top della loro carriera e professionalità. Perdiamo delle eccellenze e le regaliamo al privato»
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa