Salute 10 Settembre 2021 17:09

Anticorpi monoclonali somministrati a oltre 8 mila pazienti. Le istruzioni per un utilizzo corretto

D’Arpino (SIFO): «Abbiamo stilato delle linee guida per aiutare i farmacisti nella preparazione del prodotto che ha un costo elevato e richiede una peculiare cura nella manipolazione per assicurare un impiego ottimale»

di Federica Bosco
Anticorpi monoclonali somministrati a oltre 8 mila pazienti. Le istruzioni per un utilizzo corretto

Cresce l’impiego degli anticorpi monoclonali nella cura dei pazienti affetti da Covid-19. E, se da un lato rappresentano una svolta nella cura della malattia, ci sono due aspetti che impongono un’attenzione particolare: un costo elevato e una indicazione terapeutica precisa, ovvero devono essere somministrati per via endovenosa nelle prime fasi della malattia e utilizzati in pazienti a rischio di sviluppare una forma grave di malattia come cardiopatici, diabetici, ipertesi e più in generale soggetti fragili.

Anticorpi monoclonali impiegati in circa 8400 pazienti

Secondo l’ultimo report di Aifa, sono oltre 8400 i pazienti che hanno ricevuto una delle due combinazioni disponibili prodotte da Eli Lilly e Regenoron/Roche, costituite da due anticorpi monoclonali che agiscono sul virus attaccandolo da più parti. Per questo la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie-SIFO e la Società Italiana dei Farmacisti Preparatori – SIFAP hanno voluto pubblicare le istruzioni operative per la loro corretta preparazione e allestimento. Ne abbiamo parlato con Alessandro D’Arpino, vicepresidente nazionale di SIFO.

«In concomitanza con l’aggiornamento rilasciato da AIFA relativo alle indicazioni e al dosaggio di questa associazione di anticorpi monoclonali, abbiamo deciso di predisporre questo documento tecnico per dare supporto ai colleghi impegnati nell’allestimento e nella somministrazione ai pazienti affetti da Covid-19. La nuova preparazione ha una concentrazione di anticorpi elevata, (4 grammi per ciascun principio attivo), che genera un alto numero di fiale da utilizzare, circa 28 per singolo paziente. Si è avvertito il rischio, perciò, di creare fraintendimenti nella modalità di preparazione e dunque abbiamo ritenuto utile ed opportuno supportare il farmacista. L’azienda farmaceutica e la stessa Aifa ci hanno raccomandato di partecipare a questa attività per facilitare la modalità di preparazione».

Il prodotto si può conservare in frigorifero fino a 24 mesi

La somministrazione, fatta in un’unica infusione endovenosa, riguarda sia pazienti adulti che pediatrici (di età superiore a 12 anni) ospedalizzati, anche in ossigenoterapia convenzionale, purché non ad alti flussi e non in ventilazione meccanica, ma con siero negativo per gli anticorpi IgG anti-Spike di SARS-CoV-2, si legge nella procedura messa a punto da SIFO E SIFAP.

Come precisato nelle istruzioni, poi, i flaconcini integri possono essere conservati in frigorifero a una temperatura compresa tra 2°C e 8°C per un massimo di 24 mesi. «Fondamentale è che siano conservati nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce» precisa D’Arpino.

Ad oggi in Italia Regeneron-Roche ha fornito solo fiale di anticorpi monoclonali a basso dosaggio, e questa è la ragione per cui è necessario un numero così alto di fiale. Arriveranno anche le fiale con un dosaggio più alto, che attualmente non sono ancora disponibili in Italia.

Siamo sulla strada giusta?

I criteri riportati sulla scheda Aifa per individuare i pazienti da trattare sono molto stringenti e tengono conto, ad esempio, del livello di ossigeno nel sangue e del numero dei giorni in cui si è sviluppata la malattia.

«L’attività è partita a macchia di leopardo e varia da regione a regione. In Umbria ad esempio – spiega D’Arpino riferendosi alla sua regione – non sono ancora stati trattati casi con questa miscela di anticorpi monoclonali ad alto dosaggio perché in questo momento l’RT è basso e il livello di occupazione dei letti è sotto controllo e non si è verificata la presenza di alcun paziente con le caratteristiche giuste per essere trattato, ma ci sono invece regioni dove le scorte sono esaurite in breve tempo. Di sicuro oggi è disponibile una soluzione terapeutica dotata di efficacia, con la quale trattare i pazienti con buone prospettive».

La raccomandazione: accorpare le inoculazioni per ottimizzare le risorse

Il vicepresidente di SIFO raccomanda ai farmacisti di rispettare i criteri di selezione forniti da Aifa e «in un’ottica di aumento dei contagi prevedibile in autunno con la riapertura delle scuole, ricordo la necessità di pianificare accuratamente le attività, accorpando gli allestimenti giornalieri per i pazienti da trattare in modo da utilizzare completamente le fiale di farmaco nella lavorazione e minimizzare al massimo gli inevitabili sprechi di dose».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Parte la terza edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare: la sfida del 2022 parla di comunicazione intra e multidisciplinare
Sono le parole e le relazioni al centro della nuova edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare realizzato da CSL Behring con il contributo scientifico-culturale della SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). I lavori, della durata di una settimana, si svolgeranno online e la sfida su cui si confronteranno i farmacisti ospedalieri, con il supporto […]
Per i farmacisti ospedalieri manca formazione su comunicazione e relazioni
Solo il 10% della formazione è dedicato alla comunicazione e alle relazioni, gap da colmare. Il tema al centro della terza edizione di HackeRare è la comunicazione intra e multidisciplinare
Omicron, Fda limita uso monoclonali: «Improbabile funzionino contro variante»
L’agenzia americana sulle attuali terapie a base di monoclonali: «Al momento non sono autorizzate. Se in futuro circolerà una variante suscettibile, l’indicazione cambierà». E la Florida costretta a chiudere i siti di trattamento
Cure Covid, Bruno (infettivologo): «In due anni fatta tantissima strada. Mancano antivirali per via orale»
L'infettivologo che ha curato il paziente 1 Mattia Maestri: «Gli anticorpi monoclonali sono un’arma importante, ma non la soluzione»
Covid-19, D’Amato: «Il Natale sarà migliore. Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»
Il Lazio si difende dalla quarta ondata con più posti letto, terze dosi e anticorpi monoclonali. D’Amato: «Niente zona gialla ma mantenere alta l’attenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale