Salute 6 Dicembre 2018

Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»

La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»

Immagine articolo

Che la dieta mediterranea sia tra le migliori al mondo e che aiuti a prevenire alcune malattie, è ormai assodato. Che contribuisca anche a migliorare la vita sessuale di uomini e donne, è forse meno noto. «La dieta mediterranea è ricca di antiossidanti che, ad esempio, migliorano in maniera semplice e immediata la biodisponibilità di ossido nidrico, tra le possibili cause della disfunzione erettile». A spiegare il legame tra tavola e eros all’AndroDay organizzato dalla Fondazione Pro è la professoressa Katherine Esposito, ordinario di Endocrinologia presso l’università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli.

«La sessualità – spiega la professoressa Esposito – nasce da una serie di grandi equilibri. Se riusciamo ad agire su quegli equilibri e su quei collegamenti, grazie ad una sana alimentazione, facciamo un intervento terapeutico importante. Ma la dieta mediterranea – prosegue – può agire anche sull’obesità, che può portare a patologie che inficiano il vissuto sessuale: un nostro studio ha dimostrato che la perdita di peso in soggetti affetti da disfunzione erettile può portare al ripristino della funzione sessuale. Insomma, la dieta mediterranea non è solo uno strumento di prevenzione su larga scala, ma anche terapeutico».

LEGGI ANCHE: «CON IL MENU FUNZIONALE, LA PIZZA PIÙ VOLTE A SETTIMANA NON È PIÙ UN TABÙ». PAROLA DI FRANCO PEPE, IL MIGLIOR PIZZAIOLO D’ITALIA

È estremamente consigliato, quindi, assumere cereali integrali, frutta e verdura, proteine di qualità, legumi e olio d’oliva, «principe della nostra tavola». Anche perché «la dieta mediterranea spegne l’infiammazione – continua la professoressa Esposito -, che sappiamo essere il vero killer silente per tutte le patologie croniche, anche quelle sessuali».

«La mia prescrizione – conclude – è allora di ritornare a prestare attenzione alla tavola, a scegliere i piatti della nostra tradizione mediterranea, perché l’eros nasce a tavola. Ogni giorno, decidendo cosa mangiare, decidiamo come vogliamo vivere e possiamo ridonarci la salute, che nasce dalle nostre scelte. E chi ha una buona qualità di vita, ha anche un buon vissuto sessuale».

LEGGI ANCHE: VALTER LONGO TRA I 50 SCIENZIATI PIÙ INFLUENTI AL MONDO PER IL TIME CON DIETA MIMA DIGIUNO: L’INTERVISTA

Articoli correlati
Pordenone, arriva l’ecografo ad alta definizione per il Centro di Medicina
Il Centro di Medicina Pordenone di via della Ferriera si è dotato, per primo in città, di un’apparecchiatura all’avanguardia per lo screening prenatale, fondamentale per la diagnosi precoce nello studio dei tumori ginecologici. Si tratta del nuovo ecografo Voluson E10, un’apparecchiatura di ultima generazione che sarà a disposizione di una equipe di ginecologi di grande professionalità ed esperienza. “Tra […]
Catania, a Pedara l’open week per la salute della donna
Il Distretto sanitario di Gravina di Catania, in collaborazione con il Comune di Pedara e il PTA di Gravina, aderisce alla IV Giornata nazionale della salute della donna e organizza, da giovedì, 11 aprile, sino al 18 aprile, l’Open week dedicato, interamente, alla salute della donna. Sono numerose le iniziative previste di prevenzione e di […]
Salute donna: dall’11 al 18 aprile 4^ edizione dell’(H)open week di Onda
Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, in occasione della Giornata nazionale della salute della donna che si celebra il 22 aprile, organizza la 4^ edizione dell’(H)Open Week con l’obiettivo di promuovere l’informazione e i servizi per la prevenzione e la cura delle principali malattie femminili. Nella settimana dall’11 al 18 aprile […]
Oncologia, Stefania Gori (Aiom): «Bene supporto psicologico, puntare su prevenzione: può abbattere del 40% diagnosi di tumore»
La presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha presentato in Senato il rapporto. Promossa l’assistenza psiconcologica: «È garantita in molte strutture oncologiche ma nella maggior parte dei casi è sostenuta dal volontariato o dalle associazioni dei pazienti in quanto non ci sono psiconcologi strutturati in tutte le oncologie italiane». E chiede alla politica di occuparsi dei bisogni assistenziali dei 3 milioni 400mila italiani che hanno avuto un tumore
Dal 29 al 30 marzo il 2° Congresso Goal. Mazzacane (Segretario): «Noi in prima linea nell’oculistica: oltre alla cura guardiamo al benessere psicofisico del paziente»
Danilo Mazzacane a Sanità Informazione: «Clinica, prevenzione, diagnosi precoce e aggiornamento professionale sono fondamentali; il nostro compito non è sempre riuscire a guarire ma è anche quello di alleviare la sofferenza del paziente in tutte le sue manifestazioni»