Salute 6 dicembre 2018

Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»

La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»

Immagine articolo

Che la dieta mediterranea sia tra le migliori al mondo e che aiuti a prevenire alcune malattie, è ormai assodato. Che contribuisca anche a migliorare la vita sessuale di uomini e donne, è forse meno noto. «La dieta mediterranea è ricca di antiossidanti che, ad esempio, migliorano in maniera semplice e immediata la biodisponibilità di ossido nidrico, tra le possibili cause della disfunzione erettile». A spiegare il legame tra tavola e eros all’AndroDay organizzato dalla Fondazione Pro è la professoressa Katherine Esposito, ordinario di Endocrinologia presso l’università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli.

«La sessualità – spiega la professoressa Esposito – nasce da una serie di grandi equilibri. Se riusciamo ad agire su quegli equilibri e su quei collegamenti, grazie ad una sana alimentazione, facciamo un intervento terapeutico importante. Ma la dieta mediterranea – prosegue – può agire anche sull’obesità, che può portare a patologie che inficiano il vissuto sessuale: un nostro studio ha dimostrato che la perdita di peso in soggetti affetti da disfunzione erettile può portare al ripristino della funzione sessuale. Insomma, la dieta mediterranea non è solo uno strumento di prevenzione su larga scala, ma anche terapeutico».

LEGGI ANCHE: «CON IL MENU FUNZIONALE, LA PIZZA PIÙ VOLTE A SETTIMANA NON È PIÙ UN TABÙ». PAROLA DI FRANCO PEPE, IL MIGLIOR PIZZAIOLO D’ITALIA

È estremamente consigliato, quindi, assumere cereali integrali, frutta e verdura, proteine di qualità, legumi e olio d’oliva, «principe della nostra tavola». Anche perché «la dieta mediterranea spegne l’infiammazione – continua la professoressa Esposito -, che sappiamo essere il vero killer silente per tutte le patologie croniche, anche quelle sessuali».

«La mia prescrizione – conclude – è allora di ritornare a prestare attenzione alla tavola, a scegliere i piatti della nostra tradizione mediterranea, perché l’eros nasce a tavola. Ogni giorno, decidendo cosa mangiare, decidiamo come vogliamo vivere e possiamo ridonarci la salute, che nasce dalle nostre scelte. E chi ha una buona qualità di vita, ha anche un buon vissuto sessuale».

LEGGI ANCHE: VALTER LONGO TRA I 50 SCIENZIATI PIÙ INFLUENTI AL MONDO PER IL TIME CON DIETA MIMA DIGIUNO: L’INTERVISTA

Articoli correlati
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Tumori, M5S: «Con rete nazionale dei registri presto dati precisi per la prevenzione»
«Con la legge sulla Rete nazionale dei registri dei tumori, attualmente in discussione alla Camera, il nostro Paese potrà avere finalmente un referto epidemiologico per valutare lo stato di salute di una comunità e dati precisi sull’incidenza, la mortalità e la correlazione con fattori ambientali di questa malattia. Avere un quadro chiaro e preciso è […]
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...