Salute 20 novembre 2018

Prevenzione, donne 30 volte più attente degli uomini. A Napoli l’AndroDay della Fondazione Pro: «È necessario cambiare rotta»

Il ritratto degli stili di vita degli uomini nella ricerca Ipsos: chi studia fa più sesso, più sport e mangia meglio. Pagnoncelli: «L’attenzione alla salute è molto elevata a livello di intenzioni, ma molto spesso è accompagnata da comportamenti non coerenti»

Immagine articolo

Il 37% degli uomini italiani non va dal medico per scaramanzia. «Quando si sta bene non si ha voglia di pensare alle cose brutte che potrebbero capitare», hanno dichiarato nell’ambito dello studio Ipsos commissionato dalla Fondazione Pro in occasione della Giornata internazionale dell’uomo. Non poteva che partire da Napoli, allora, il messaggio sull’importanza della prevenzione. E non poteva che essere un cornetto rovesciato che evoca inequivocabilmente un’erezione, il simbolo del primo AndroDay italiano.

LEGGI ANCHE: TUMORI, IN ITALIA -17,6% DECESSI IN 15 ANNI. BERETTA (AIOM): «NUOVI TRATTAMENTI E PREVENZIONE CONSENTONO DI OTTENERE GRANDI RISULTATI»

Uomini e prevenzione, insomma, viaggiano su binari separati. In fondo, basterebbe imitare le donne, 30 volte più attente a prevenzione e stili di vita rispetto ai maschi. L’esortazione ad andare dal medico prima della comparsa di sintomi e malattie proviene quindi da urologi, andrologi e psicologi. E anche dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, intervenuto tra gli applausi alla sessione del convegno dedicata all’attività fisica.

Prevenzione, però, non è solo visite mediche. È anche stile di vita. I risultati dello studio Ipsos, presentati dal presidente dell’istituto di statistica Nando Pagnoncelli, accendono quindi i riflettori sui comportamenti degli uomini nei campi dell’alimentazione, dell’attività fisica, del lavoro e della sessualità. Emerge allora che i laureati e i lavoratori fanno più sesso di diplomati e disoccupati; che il 26% degli uomini, soprattutto del Nord, laureati e di età compresa tra i 55 e i 70 anni, è molto attento all’alimentazione, mentre il 58% del campione non lo è sempre (soprattutto del Sud, diplomati e di età compresa tra i 25 e i 34 anni), a cui si aggiungono i giovanissimi tra i 16 e i 24 anni, non attratti da verdura, frutta e pesce, a cui preferiscono carne, snack e fast food; risulta, infine, che un italiano su due non pratica attività sportiva e, tra chi la fa, il 26% vi si dedica meno di tre volte a settimana. Anche in quest’ultimo caso, fa più sport chi abita al Nord e chi ha un titolo di studio più alto.

LEGGI QUI TUTTI I RISULTATI DELLO STUDIO

«Quello che emerge – tira le somme Pagnoncelli ai nostri microfoni – è un comportamento poco coerente: magari si fa sport e si sta attenti all’alimentazione, ma poi si continua a fumare. L’attenzione degli uomini alla salute è molto elevata a livello di intenzioni e di dichiarazioni, ma molto spesso non è accompagnata da comportamenti che vadano nella stessa direzione».

«È quindi importante – prosegue Pagnoncelli – una costante educazione del cittadino, che magari spesso subisce il fascino di correnti di pensiero esoteriche per le quali, ad esempio, alcuni alimenti fanno male. In Italia il consumo di prodotti senza glutine, per dirne una, è molto superiore al fabbisogno delle persone celiache. Insomma, non bisogna mai abbassare la guardia e cercare la convergenza di diverse agenzie educative, che vadano al di là della scuola: è sulla popolazione adulta che dobbiamo agire, perché cambi le proprie abitudini e possa vivere in modo più salubre».

Va proprio in questa direzione il lavoro che la Fondazione Pro sta svolgendo: «Negli ultimi 6 anni – ha spiegato Vincenzo Mirone, presidente della Fondazione Pro – abbiamo imparato che all’uomo non piace essere spaventato sul carcinoma alla prostata o al testicolo. Abbiamo quindi provato ad accerchiarlo cercando spunti che gli piacciano, come lo sport, la dieta o la sessualità. La strada è lunga e complessa, ma sembra che qualcosa si stia muovendo, che l’atteggiamento degli uomini nei confronti della prevenzione stia cambiando».

Un cambiamento necessario non solo per garantire ai pazienti una migliore qualità della vita ma, cinicamente, anche per assicurare alle casse del Sistema Sanitario Nazionale un risparmio non indifferente: «I politici – aggiunge il professor Mirone – devono capire che fare prevenzione permette risparmi straordinari. Un conto è un intervento quando il cancro alla prostata, ad esempio, è nelle fasi iniziali; un conto – conclude – è intervenire quando la malattia è avanzata o metastatica: quel paziente costerà alle nostre strutture sanitarie pubbliche 100 volte di più».

LEGGI ANCHE: REPORT IARC: AUMENTANO I CASI DI CANCRO NEL MONDO. SARANNO 18,1 MILIONI NEL 2018. PER GLI UOMINI IL PIÙ LETALE È AL POLMONE, PER LE DONNE AL SENO

Articoli correlati
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Tumori, M5S: «Con rete nazionale dei registri presto dati precisi per la prevenzione»
«Con la legge sulla Rete nazionale dei registri dei tumori, attualmente in discussione alla Camera, il nostro Paese potrà avere finalmente un referto epidemiologico per valutare lo stato di salute di una comunità e dati precisi sull’incidenza, la mortalità e la correlazione con fattori ambientali di questa malattia. Avere un quadro chiaro e preciso è […]
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»
Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...