Salute 20 Novembre 2018 11:53

Prevenzione, donne 30 volte più attente degli uomini. A Napoli l’AndroDay della Fondazione Pro: «È necessario cambiare rotta»

Il ritratto degli stili di vita degli uomini nella ricerca Ipsos: chi studia fa più sesso, più sport e mangia meglio. Pagnoncelli: «L’attenzione alla salute è molto elevata a livello di intenzioni, ma molto spesso è accompagnata da comportamenti non coerenti»

Prevenzione, donne 30 volte più attente degli uomini. A Napoli l’AndroDay della Fondazione Pro: «È necessario cambiare rotta»

Il 37% degli uomini italiani non va dal medico per scaramanzia. «Quando si sta bene non si ha voglia di pensare alle cose brutte che potrebbero capitare», hanno dichiarato nell’ambito dello studio Ipsos commissionato dalla Fondazione Pro in occasione della Giornata internazionale dell’uomo. Non poteva che partire da Napoli, allora, il messaggio sull’importanza della prevenzione. E non poteva che essere un cornetto rovesciato che evoca inequivocabilmente un’erezione, il simbolo del primo AndroDay italiano.

LEGGI ANCHE: TUMORI, IN ITALIA -17,6% DECESSI IN 15 ANNI. BERETTA (AIOM): «NUOVI TRATTAMENTI E PREVENZIONE CONSENTONO DI OTTENERE GRANDI RISULTATI»

Uomini e prevenzione, insomma, viaggiano su binari separati. In fondo, basterebbe imitare le donne, 30 volte più attente a prevenzione e stili di vita rispetto ai maschi. L’esortazione ad andare dal medico prima della comparsa di sintomi e malattie proviene quindi da urologi, andrologi e psicologi. E anche dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, intervenuto tra gli applausi alla sessione del convegno dedicata all’attività fisica.

Prevenzione, però, non è solo visite mediche. È anche stile di vita. I risultati dello studio Ipsos, presentati dal presidente dell’istituto di statistica Nando Pagnoncelli, accendono quindi i riflettori sui comportamenti degli uomini nei campi dell’alimentazione, dell’attività fisica, del lavoro e della sessualità. Emerge allora che i laureati e i lavoratori fanno più sesso di diplomati e disoccupati; che il 26% degli uomini, soprattutto del Nord, laureati e di età compresa tra i 55 e i 70 anni, è molto attento all’alimentazione, mentre il 58% del campione non lo è sempre (soprattutto del Sud, diplomati e di età compresa tra i 25 e i 34 anni), a cui si aggiungono i giovanissimi tra i 16 e i 24 anni, non attratti da verdura, frutta e pesce, a cui preferiscono carne, snack e fast food; risulta, infine, che un italiano su due non pratica attività sportiva e, tra chi la fa, il 26% vi si dedica meno di tre volte a settimana. Anche in quest’ultimo caso, fa più sport chi abita al Nord e chi ha un titolo di studio più alto.

LEGGI QUI TUTTI I RISULTATI DELLO STUDIO

«Quello che emerge – tira le somme Pagnoncelli ai nostri microfoni – è un comportamento poco coerente: magari si fa sport e si sta attenti all’alimentazione, ma poi si continua a fumare. L’attenzione degli uomini alla salute è molto elevata a livello di intenzioni e di dichiarazioni, ma molto spesso non è accompagnata da comportamenti che vadano nella stessa direzione».

«È quindi importante – prosegue Pagnoncelli – una costante educazione del cittadino, che magari spesso subisce il fascino di correnti di pensiero esoteriche per le quali, ad esempio, alcuni alimenti fanno male. In Italia il consumo di prodotti senza glutine, per dirne una, è molto superiore al fabbisogno delle persone celiache. Insomma, non bisogna mai abbassare la guardia e cercare la convergenza di diverse agenzie educative, che vadano al di là della scuola: è sulla popolazione adulta che dobbiamo agire, perché cambi le proprie abitudini e possa vivere in modo più salubre».

Va proprio in questa direzione il lavoro che la Fondazione Pro sta svolgendo: «Negli ultimi 6 anni – ha spiegato Vincenzo Mirone, presidente della Fondazione Pro – abbiamo imparato che all’uomo non piace essere spaventato sul carcinoma alla prostata o al testicolo. Abbiamo quindi provato ad accerchiarlo cercando spunti che gli piacciano, come lo sport, la dieta o la sessualità. La strada è lunga e complessa, ma sembra che qualcosa si stia muovendo, che l’atteggiamento degli uomini nei confronti della prevenzione stia cambiando».

Un cambiamento necessario non solo per garantire ai pazienti una migliore qualità della vita ma, cinicamente, anche per assicurare alle casse del Sistema Sanitario Nazionale un risparmio non indifferente: «I politici – aggiunge il professor Mirone – devono capire che fare prevenzione permette risparmi straordinari. Un conto è un intervento quando il cancro alla prostata, ad esempio, è nelle fasi iniziali; un conto – conclude – è intervenire quando la malattia è avanzata o metastatica: quel paziente costerà alle nostre strutture sanitarie pubbliche 100 volte di più».

LEGGI ANCHE: REPORT IARC: AUMENTANO I CASI DI CANCRO NEL MONDO. SARANNO 18,1 MILIONI NEL 2018. PER GLI UOMINI IL PIÙ LETALE È AL POLMONE, PER LE DONNE AL SENO

Articoli correlati
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
Prevenzione, Garattini: «50% malattie croniche e 70% tumori evitabili con corretti stili di vita»
«Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina. La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani». Così il professore Silvio Garattini presentando il suo nuovo libro
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Associazioni precostituite, Centola (cardiologo): «Presidio terapeutico fondamentale per noi clinici»
Le associazioni precostituite di farmaci sono ben tollerate dai pazienti e migliorano l’aderenza terapeutica perché in una sola compressa vengono assunti due principi farmacologici
Donne, Fials: «Salute femminile la più penalizzata da rinuncia cure. Riavviare percorsi di prevenzione dedicati»
In occasione della Giornata della salute della donna, iniziativa promossa dal ministero della Salute per parlare di prevenzione e assistenza al femminile, celebriamo un bene ancora più prezioso e da tenere in conto dopo 14 mesi di pandemia. Proprio in un momento così particolare, le donne sono le vere protagoniste dell’emergenza, essendo la maggioranza della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva