Salute 20 novembre 2018

Prevenzione, donne 30 volte più attente degli uomini. A Napoli l’AndroDay della Fondazione Pro: «È necessario cambiare rotta»

Il ritratto degli stili di vita degli uomini nella ricerca Ipsos: chi studia fa più sesso, più sport e mangia meglio. Pagnoncelli: «L’attenzione alla salute è molto elevata a livello di intenzioni, ma molto spesso è accompagnata da comportamenti non coerenti»

Immagine articolo

Il 37% degli uomini italiani non va dal medico per scaramanzia. «Quando si sta bene non si ha voglia di pensare alle cose brutte che potrebbero capitare», hanno dichiarato nell’ambito dello studio Ipsos commissionato dalla Fondazione Pro in occasione della Giornata internazionale dell’uomo. Non poteva che partire da Napoli, allora, il messaggio sull’importanza della prevenzione. E non poteva che essere un cornetto rovesciato che evoca inequivocabilmente un’erezione, il simbolo del primo AndroDay italiano.

LEGGI ANCHE: TUMORI, IN ITALIA -17,6% DECESSI IN 15 ANNI. BERETTA (AIOM): «NUOVI TRATTAMENTI E PREVENZIONE CONSENTONO DI OTTENERE GRANDI RISULTATI»

Uomini e prevenzione, insomma, viaggiano su binari separati. In fondo, basterebbe imitare le donne, 30 volte più attente a prevenzione e stili di vita rispetto ai maschi. L’esortazione ad andare dal medico prima della comparsa di sintomi e malattie proviene quindi da urologi, andrologi e psicologi. E anche dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, intervenuto tra gli applausi alla sessione del convegno dedicata all’attività fisica.

Prevenzione, però, non è solo visite mediche. È anche stile di vita. I risultati dello studio Ipsos, presentati dal presidente dell’istituto di statistica Nando Pagnoncelli, accendono quindi i riflettori sui comportamenti degli uomini nei campi dell’alimentazione, dell’attività fisica, del lavoro e della sessualità. Emerge allora che i laureati e i lavoratori fanno più sesso di diplomati e disoccupati; che il 26% degli uomini, soprattutto del Nord, laureati e di età compresa tra i 55 e i 70 anni, è molto attento all’alimentazione, mentre il 58% del campione non lo è sempre (soprattutto del Sud, diplomati e di età compresa tra i 25 e i 34 anni), a cui si aggiungono i giovanissimi tra i 16 e i 24 anni, non attratti da verdura, frutta e pesce, a cui preferiscono carne, snack e fast food; risulta, infine, che un italiano su due non pratica attività sportiva e, tra chi la fa, il 26% vi si dedica meno di tre volte a settimana. Anche in quest’ultimo caso, fa più sport chi abita al Nord e chi ha un titolo di studio più alto.

LEGGI QUI TUTTI I RISULTATI DELLO STUDIO

«Quello che emerge – tira le somme Pagnoncelli ai nostri microfoni – è un comportamento poco coerente: magari si fa sport e si sta attenti all’alimentazione, ma poi si continua a fumare. L’attenzione degli uomini alla salute è molto elevata a livello di intenzioni e di dichiarazioni, ma molto spesso non è accompagnata da comportamenti che vadano nella stessa direzione».

«È quindi importante – prosegue Pagnoncelli – una costante educazione del cittadino, che magari spesso subisce il fascino di correnti di pensiero esoteriche per le quali, ad esempio, alcuni alimenti fanno male. In Italia il consumo di prodotti senza glutine, per dirne una, è molto superiore al fabbisogno delle persone celiache. Insomma, non bisogna mai abbassare la guardia e cercare la convergenza di diverse agenzie educative, che vadano al di là della scuola: è sulla popolazione adulta che dobbiamo agire, perché cambi le proprie abitudini e possa vivere in modo più salubre».

Va proprio in questa direzione il lavoro che la Fondazione Pro sta svolgendo: «Negli ultimi 6 anni – ha spiegato Vincenzo Mirone, presidente della Fondazione Pro – abbiamo imparato che all’uomo non piace essere spaventato sul carcinoma alla prostata o al testicolo. Abbiamo quindi provato ad accerchiarlo cercando spunti che gli piacciano, come lo sport, la dieta o la sessualità. La strada è lunga e complessa, ma sembra che qualcosa si stia muovendo, che l’atteggiamento degli uomini nei confronti della prevenzione stia cambiando».

Un cambiamento necessario non solo per garantire ai pazienti una migliore qualità della vita ma, cinicamente, anche per assicurare alle casse del Sistema Sanitario Nazionale un risparmio non indifferente: «I politici – aggiunge il professor Mirone – devono capire che fare prevenzione permette risparmi straordinari. Un conto è un intervento quando il cancro alla prostata, ad esempio, è nelle fasi iniziali; un conto – conclude – è intervenire quando la malattia è avanzata o metastatica: quel paziente costerà alle nostre strutture sanitarie pubbliche 100 volte di più».

LEGGI ANCHE: REPORT IARC: AUMENTANO I CASI DI CANCRO NEL MONDO. SARANNO 18,1 MILIONI NEL 2018. PER GLI UOMINI IL PIÙ LETALE È AL POLMONE, PER LE DONNE AL SENO

Articoli correlati
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
Sesso e alimentazione, Esposito (Università Vanvitelli): «La dieta mediterranea combatte la disfunzione erettile»
La prescrizione della professoressa, ordinario di Endocrinologia: «L’eros nasce a tavola. Per avere una buona qualità di vita e un buon vissuto sessuale, scegliamo i piatti della nostra tradizione»
Prevenzione, Aurelio De Laurentiis: «Vorrei un Napoli Lab con medici a disposizione di tutti i napoletani»
«Combattiamo il turismo sanitario sfruttando l’attrattività del Napoli all’estero». Così il presidente del club partenopeo e proprietario del Bari, intervenuto all’Andro Day, che propone: «Insegniamo a fare prevenzione sin dalle scuole elementari»
Scompenso cardiaco: e-health e social network per combattere la nuova pandemia
Una due giorni dedicata a quella che è stata definita “la nuova pandemia”: lo scompenso cardiaco. Una patologia cronica che sfida i sistemi sanitari per l’elevata frequenza di ri-ospedalizzazioni e l’alto assorbimento di risorse e che oggi, grazie anche nuove tecnologie, può essere tele-monitorata. Il 30 novembre e il 1 dicembre, all’Opificio Golinelli di Bologna, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...