Salute 12 Settembre 2018

Report IARC: aumentano i casi di cancro nel mondo. Saranno 18,1 milioni nel 2018. Per gli uomini il più letale è al polmone, per le donne al seno

Presentati i dati del Global Cancer Statistics 2018 dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul tumore. L’Europa, con il 9% della popolazione mondiale, registra il 23,4% dei casi totali e il 20,3% dei decessi. Preoccupano i numeri dell’incidenza e della mortalità del tumore al polmone

Immagine articolo

Sono 18,1 milioni i nuovi casi di cancro stimati nel 2018 nel mondo. 9,6 milioni le morti per tumore. Un uomo su cinque e una donna su sei ne sviluppa uno nel corso della loro vita, e il cancro è responsabile della morte di un uomo su otto e una donna su undici. I sopravvissuti a cinque anni dalla diagnosi sono, in tutto il mondo, 43,8 milioni.

Sono i dati pubblicati oggi dalla International Agency for Research on Cancer (IARC, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) rendendo noti i risultati del Global Cancer Statistics 2018. Uno studio che presenta le previsioni di incidenza e mortalità di 36 diversi tipi di cancro in 185 Paesi. Numeri in crescita rispetto agli anni passati, a causa di una serie di fattori, spiega l’IARC, come l’aumento e l’invecchiamento della popolazione e cambiamenti legati allo sviluppo economico e sociale.

I TUMORI PIÙ COMUNI
Polmone, seno e colon retto sono i tre tumori più comuni, responsabili di un terzo dell’incidenza e mortalità totali, seguiti dal cancro alla prostata e allo stomaco. In particolare, per il 2018 si prevedono 2,1 milioni di diagnosi sia di tumore al polmone che al seno, contribuendo, insieme, all’11,6% dell’incidenza totale. Sono 1,8 milioni i casi previsti di cancro del colon retto (10,2% del totale), 1,3 milioni le diagnosi di tumore alla prostata (7,1%) e un milione quelle di cancro allo stomaco (5,7%).

Numeri che si distanziano leggermente dalle previsioni di mortalità, per le quali il più letale è ancora il cancro al polmone, responsabile di 1,8 milioni di decessi (18,4% del totale), seguito dal cancro del colon retto (881mila morti), il cancro allo stomaco (783mila morti), il tumore del fegato (782mila decessi) e il cancro al seno (627mila morti).

UOMINI E DONNE
Il report distingue anche l’incidenza in base al sesso: gli uomini sono più colpiti da tumore al polmone (14,5% del totale dei casi), che è anche la prima causa di decesso: è responsabile di una morte su cinque di malati di cancro. A seguire, si trovano per incidenza il cancro alla prostata (13,5%) e del colon retto (10,9%), mentre, per mortalità, il tumore al fegato (10,2%) e allo stomaco (9,5%). Per quanto riguarda le donne, è il cancro al seno il più diagnosticato, con una percentuale del 24,2%, che causa il decesso del 15% delle donne malate di tumore. La seconda causa di mortalità femminile è il cancro ai polmoni (13,8%), seguito dal tumore del colon retto (9,5%) e dell’utero (7,5%).

LEGGI ANCHE: CANCRO, OLTRE 400 LE BUFALE ONLINE. AIOM LANCIA PORTALE “TUMORE? MA È VERO CHE…»

IL CANCRO NEL MONDO
Per quanto riguarda la presenza geografica, secondo il rapporto quasi la metà dei nuovi casi e più della metà dei decessi per cancro sono previsti in Asia, dove è presente il 60% della popolazione globale. Per l’Europa, i dati non sono incoraggianti: nonostante la popolazione europea sia il 9% del totale, si registrano il 23,4% dei casi di cancro e il 20,3% delle morti. Il continente americano vanta invece numeri inferiori (incidenza del 21% e mortalità del 14,4%) nonostante la popolazione sia maggiore (13,3% del totale). Infine, il tasso di mortalità per tumore è molto più alto in Asia (57,3%) e Africa (7,3%) rispetto al tasso di incidenza (rispettivamente pari al 48,4% e 5,8%), a causa della difficoltà di accesso, in molti Paesi, a diagnosi precoci e trattamenti adeguati.

LE REAZIONI
Tra i dati più preoccupanti, secondo gli esperti, l’incidenza del cancro al polmone, causa principale di morte negli uomini e, in 28 Paesi (soprattutto in Nord America ed Europa settentrionale e occidentale, Cina, Australia e Nuova Zelanda), nelle donne. «Le best practice promosse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nella Convenzione quadro sulla lotta al tabagismo hanno fatto ridurre, in molti Paesi, il fumo attivo e prevenire l’esposizione involontaria al fumo passivo – commenta Freddie Bray, direttore del dipartimento sulla sorveglianza del cancro dell’IARC -. Tuttavia, questi risultati evidenziano la necessità di continuare a porre in essere politiche di lotta al fumo mirate ed efficaci in ogni Stato del mondo».

«C’è ancora molto da fare – aggiunge il direttore dell’IARC Christopher Wild – per rispondere all’allarmante aumento dell’incidenza dei tumori nel mondo, e la prevenzione gioca un ruolo chiave. Una politica di prevenzione efficace e di diagnosi precoce deve essere urgentemente sviluppata, insieme alle cure, per controllare questa malattia, devastante in tutto il mondo».

LEGGI ANCHE: NO TOBACCO DAY, OMS: «IL FUMO NON CAUSA SOLO IL CANCRO, MA ANCHE INFARTI E ICTUS»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malnutrizione, Molfino (Sinuc): «Percorsi nutrizionali nelle Asl per aiutare a combattere cancro e altre patologie»
Al Congresso della Società italiana di Nutrizione clinica è stata ribadita l’importanza di combattere la malnutrizione: «Essere malnutrito significa avere meno chance di risposta a molte terapie in particolare in campo oncologico: i dati sono ormai molto solidi» sottolinea Alessio Molfino, docente di Medicina interna de La Sapienza
“Tieni la Testa sul Collo”, al via la campagna per la diagnosi precoce del tumore maxillo-facciale
In Italia sono circa 104.000 i pazienti che convivono con un tumore testa-collo, una neoplasia che se diagnosticata precocemente ha un tasso di guarigione che va dal 75% al 100%
Tumore tiroideo, casi raddoppiati negli ultimi 20 anni. Inquinamento e radiazioni le principali cause
Il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Importante farsi operare alla tiroide da un chirurgo esperto che esegua 150-200 interventi all'anno»
di Federica Bosco
Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»
«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo
di Federica Bosco
Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione
E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed era malato da tempo. Di recente ha realizzato “La linea verticale”, progetto dedicato alla sanità italiana e alla sua storia di malato di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali