Salute 12 Settembre 2018

Report IARC: aumentano i casi di cancro nel mondo. Saranno 18,1 milioni nel 2018. Per gli uomini il più letale è al polmone, per le donne al seno

Presentati i dati del Global Cancer Statistics 2018 dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul tumore. L’Europa, con il 9% della popolazione mondiale, registra il 23,4% dei casi totali e il 20,3% dei decessi. Preoccupano i numeri dell’incidenza e della mortalità del tumore al polmone

Immagine articolo

Sono 18,1 milioni i nuovi casi di cancro stimati nel 2018 nel mondo. 9,6 milioni le morti per tumore. Un uomo su cinque e una donna su sei ne sviluppa uno nel corso della loro vita, e il cancro è responsabile della morte di un uomo su otto e una donna su undici. I sopravvissuti a cinque anni dalla diagnosi sono, in tutto il mondo, 43,8 milioni.

Sono i dati pubblicati oggi dalla International Agency for Research on Cancer (IARC, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) rendendo noti i risultati del Global Cancer Statistics 2018. Uno studio che presenta le previsioni di incidenza e mortalità di 36 diversi tipi di cancro in 185 Paesi. Numeri in crescita rispetto agli anni passati, a causa di una serie di fattori, spiega l’IARC, come l’aumento e l’invecchiamento della popolazione e cambiamenti legati allo sviluppo economico e sociale.

I TUMORI PIÙ COMUNI
Polmone, seno e colon retto sono i tre tumori più comuni, responsabili di un terzo dell’incidenza e mortalità totali, seguiti dal cancro alla prostata e allo stomaco. In particolare, per il 2018 si prevedono 2,1 milioni di diagnosi sia di tumore al polmone che al seno, contribuendo, insieme, all’11,6% dell’incidenza totale. Sono 1,8 milioni i casi previsti di cancro del colon retto (10,2% del totale), 1,3 milioni le diagnosi di tumore alla prostata (7,1%) e un milione quelle di cancro allo stomaco (5,7%).

Numeri che si distanziano leggermente dalle previsioni di mortalità, per le quali il più letale è ancora il cancro al polmone, responsabile di 1,8 milioni di decessi (18,4% del totale), seguito dal cancro del colon retto (881mila morti), il cancro allo stomaco (783mila morti), il tumore del fegato (782mila decessi) e il cancro al seno (627mila morti).

UOMINI E DONNE
Il report distingue anche l’incidenza in base al sesso: gli uomini sono più colpiti da tumore al polmone (14,5% del totale dei casi), che è anche la prima causa di decesso: è responsabile di una morte su cinque di malati di cancro. A seguire, si trovano per incidenza il cancro alla prostata (13,5%) e del colon retto (10,9%), mentre, per mortalità, il tumore al fegato (10,2%) e allo stomaco (9,5%). Per quanto riguarda le donne, è il cancro al seno il più diagnosticato, con una percentuale del 24,2%, che causa il decesso del 15% delle donne malate di tumore. La seconda causa di mortalità femminile è il cancro ai polmoni (13,8%), seguito dal tumore del colon retto (9,5%) e dell’utero (7,5%).

LEGGI ANCHE: CANCRO, OLTRE 400 LE BUFALE ONLINE. AIOM LANCIA PORTALE “TUMORE? MA È VERO CHE…»

IL CANCRO NEL MONDO
Per quanto riguarda la presenza geografica, secondo il rapporto quasi la metà dei nuovi casi e più della metà dei decessi per cancro sono previsti in Asia, dove è presente il 60% della popolazione globale. Per l’Europa, i dati non sono incoraggianti: nonostante la popolazione europea sia il 9% del totale, si registrano il 23,4% dei casi di cancro e il 20,3% delle morti. Il continente americano vanta invece numeri inferiori (incidenza del 21% e mortalità del 14,4%) nonostante la popolazione sia maggiore (13,3% del totale). Infine, il tasso di mortalità per tumore è molto più alto in Asia (57,3%) e Africa (7,3%) rispetto al tasso di incidenza (rispettivamente pari al 48,4% e 5,8%), a causa della difficoltà di accesso, in molti Paesi, a diagnosi precoci e trattamenti adeguati.

LE REAZIONI
Tra i dati più preoccupanti, secondo gli esperti, l’incidenza del cancro al polmone, causa principale di morte negli uomini e, in 28 Paesi (soprattutto in Nord America ed Europa settentrionale e occidentale, Cina, Australia e Nuova Zelanda), nelle donne. «Le best practice promosse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nella Convenzione quadro sulla lotta al tabagismo hanno fatto ridurre, in molti Paesi, il fumo attivo e prevenire l’esposizione involontaria al fumo passivo – commenta Freddie Bray, direttore del dipartimento sulla sorveglianza del cancro dell’IARC -. Tuttavia, questi risultati evidenziano la necessità di continuare a porre in essere politiche di lotta al fumo mirate ed efficaci in ogni Stato del mondo».

«C’è ancora molto da fare – aggiunge il direttore dell’IARC Christopher Wild – per rispondere all’allarmante aumento dell’incidenza dei tumori nel mondo, e la prevenzione gioca un ruolo chiave. Una politica di prevenzione efficace e di diagnosi precoce deve essere urgentemente sviluppata, insieme alle cure, per controllare questa malattia, devastante in tutto il mondo».

LEGGI ANCHE: NO TOBACCO DAY, OMS: «IL FUMO NON CAUSA SOLO IL CANCRO, MA ANCHE INFARTI E ICTUS»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione
E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed era malato da tempo. Di recente ha realizzato “La linea verticale”, progetto dedicato alla sanità italiana e alla sua storia di malato di […]
Commissione Ue, è medico la nuova presidente von der Leyen. Ecco cosa propone per la sanità
Eletta con 383 voti l’esponente della Cdu tedesca. Lascia il posto di Ministro della Difesa in Germania. Propone un piano europeo per combattere il cancro e sostenere gli Stati membri nel migliorare l’assistenza e la prevenzione
Tumori, alla Camera passa mozione per cure e assistenza a pazienti oncologici. Lazzarini (Lega): «Grande soddisfazione»
«Esprimiamo soddisfazione per l’approvazione all’unanimità della mozione, depositata nel marzo scorso a mia prima firma, che impegna il Governo ad assumere iniziative a favore della cura e dell’assistenza dei pazienti oncologici». Così Arianna Lazzarini, deputata della Lega e Segretario della Commissione Affari sociali di Montecitorio, e prima firmataria della mozione, approvata dalla Camera, che impegna […]
Oncologia, al Fatebenefratelli laboratori di bellezza gratuiti per donare un sorriso alle donne in terapia
Parte al Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma il servizio gratuito dei laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico, promosso da La forza e il sorriso Onlus presso l’Ospedale. L’iniziativa, che non interferisce con le cure mediche né intende in alcun modo sostituirsi a esse, si propone attraverso i laboratori gratuiti di offrire alle donne in […]
“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio
Presentato in apertura degli Stati generali della professione medica di FNOMCeO, il cortometraggio racconta il legame di amicizia instaurato tra il dottor Gallera e Dabo, un migrante nato in Guinea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...