Salute 31 Maggio 2018

No Tobacco Day, OMS: «Il fumo non causa solo il cancro, ma anche infarti e ictus»

In Italia un minore su 10 è fumatore abituale, quasi la metà ha fumato, ha provato a fumare o fuma ogni tanto. I dati presentati all’Istituto Superiore di Sanità in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco

Immagine articolo

Il fumo non causa solo il cancro o problemi polmonari. Può essere anche all’origine di malattie cardiovascolari, come infarti e ictus. A puntare i riflettori su un legame forse poco conosciuto è l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che, in occasione della Giornata Mondiale senza tabacco di quest’anno, si è unita alla Fondazione Mondiale per il Cuore (World Heart Federation).

Se le malattie cardiovascolari sono il principale motivo di morte naturale al mondo, causando 17,9 milioni di decessi ogni anno, il fumo, attivo e passivo, è la maggior causa di malattie cardiovascolari, contribuendo a circa tre milioni di morti l’anno. «La maggior parte delle persone sa che fumare causa cancro e malattie polmonari, ma molti non sanno che può letteralmente frantumare anche il cuore», ha commentato il Direttore Generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Per la giornata, l’OMS ha anche pubblicato un nuovo rapporto, che mette in luce un calo importante dell’utilizzo del tabacco dal 2000 ad oggi, ma ancora non sufficiente per raggiungere gli obiettivi concordati a livello mondiale: se all’inizio del millennio fumava il 27% della popolazione, nel 2016 tale percentuale è scesa al 20%.

Numeri che invece non risultano in calo in Italia, dove al contrario i fumatori appaiono in leggero aumento: sono 12,2 milioni, quando nel 2017 se ne registravano 11,7 milioni. Questo rivelano i dati presentati dal Centro Nazionale Dipendenza e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità in occasione della Giornata Mondiale di oggi. Un report con un focus allarmante sui giovani: un minore su dieci è infatti consumatore abituale di tabacco; quasi la metà ha fumato, ha provato a fumare o fuma ogni tanto e, tra quelli abituali, più della metà fuma anche cannabis. I ragazzi tra i 14 e i 17 anni accendono la prima sigaretta alle scuole secondarie di secondo grado e una piccola percentuale addirittura inizia a fumare alle scuole elementari (9-10 anni).

«È necessario potenziare sistemi di prevenzione primaria per scongiurare questa nuova linea di tendenza che vede il consumo di tabacco anche tra i giovanissimi – dice il Presidente dell’ISS Walter Ricciardi – prima che a questa dipendenza se ne associno altre altrettanto o più pericolose».

L’identikit del giovane fumatore abituale è tratteggiato nell’indagine EXPLORA realizzata su un campione rappresentativo di 15.000 ragazzi tra i 14 e i 17 anni. Sono soprattutto maschi, frequentano istituti professionali e licei artistici, i genitori hanno un livello di istruzione medio-basso e non controllano le spese dei figli, risultano propensi al rischio e hanno una percezione del proprio rendimento scolastico mediocre o appena sufficiente. I giovani fumatori abituali, inoltre, sono quelli che fanno meno sport e che bevono più energy drink. Il dato preoccupante, inoltre, fotografa un maggiore consumo di alcolici tra i fumatori abituali, fino a quattro consumazioni di birra e super alcolici a settimana. Addirittura un 12% dichiara di aver avuto episodi di binge drinking 3 o più volte nell’ultimo mese. Il dato cresce a dismisura sul consumo di droghe: più della metà dei fumatori abituali (il 65,6%) ha fumato almeno una volta anche cannabis nell’ultimo anno rispetto al 2% dei non fumatori.

Un capitolo a parte è dedicato al consumo della sigaretta elettronica. «La maggior parte degli svapatori è un consumatore duale – dice Silvio Garattini, Direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” – consuma cioè sia sigarette tradizionali che e-cig. Altro dato del rapporto è quello che riguarda i prodotti del tabacco di nuova generazione, il tabacco riscaldato: in tre anni la notorietà di questi prodotti è più che raddoppiata».

LEGGI ANCHE: #NOTOBACCODAY, SIDOLI (PHILIP MORRIS): «PUNTIAMO SU ALTERNATIVE ALLA SIGARETTA PER CHI NON RIESCE A SMETTERE»

Articoli correlati
Tumore tiroideo, casi raddoppiati negli ultimi 20 anni. Inquinamento e radiazioni le principali cause
Il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Importante farsi operare alla tiroide da un chirurgo esperto che esegua 150-200 interventi all'anno»
di Federica Bosco
Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»
«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo
di Federica Bosco
Tumori, scoperto un nuovo farmaco che “addormenta” le cellule neoplastiche
La ricerca a cura dell'Istituto Superiore di Sanità è stata pubblicata sulla rivista Cell Death and Disease
Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»
«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)
Commissione Ue, è medico la nuova presidente von der Leyen. Ecco cosa propone per la sanità
Eletta con 383 voti l’esponente della Cdu tedesca. Lascia il posto di Ministro della Difesa in Germania. Propone un piano europeo per combattere il cancro e sostenere gli Stati membri nel migliorare l’assistenza e la prevenzione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone