Salute 28 Maggio 2018

#NoTobaccoDay, Sidoli (Philip Morris): «Puntiamo su alternative alla sigaretta per chi non riesce a smettere»

Ai nostri microfoni l’AD di PMI Italia Eugenio Sidoli spiega cosa ha spinto il colosso del tabacco a investire su prodotti alternativi potenzialmente meno dannosi: «La ricerca sta facendo passi da gigante»

Immagine articolo

«La sigaretta è roba del passato. La nostra azienda ha deciso di portare i fumatori, sia quelli che non vogliono smettere, sia quelli che non ci riescono, nel 21esimo secolo». Così l’AD di PMI Italia Eugenio Sidoli spiega i motivi che hanno spinto il colosso del tabacco ad investire su un nuovo tipo di “esperienza” per il fumatore. Dal tabacco bruciato («Il vero problema del fumo sono le tossine che vengono sprigionate dalla combustione», sostiene Sidoli) a quello riscaldato attraverso uno strumento ad alta tecnologia. L’AD Sidoli spiega ai nostri microfoni la vision di Philip Morris.

LEGGI ANCHE: «LA SIGARETTA FA MALE MA I FUMATORI NON SMETTONO. NECESSARIO PUNTARE SU PRODOTTI ALTERNATIVI»

Pmi Italia al Festival della Scienza Medica a Bologna perché sta investendo proprio nella ricerca scientifica per portare il fumo di sigaretta nel nuovo secolo…

«Il nostro obiettivo è quello di portare nel 21esimo secolo prodotti che sostituiscano quelli che nel secolo scorso hanno fatto diventare il fumo una tematica di dibattito a livello planetario. Il fumo uccide e genera malattie, è un fatto noto e la nostra azienda ha deciso di prendersi impegni molto precisi per sviluppare alternative ai prodotti da fumo che siano meno dannose per la salute dei fumatori. È importante sottolineare come questi non siano prodotti esenti da rischio, non sono neanche prodotti disegnati per far smettere di fumare. Sono stati invece disegnati per chi o non ha intenzione di smettere oppure semplicemente non ci riesce. Ovviamente, tutti quelli che hanno un problema con il fumo dovrebbero smettere di fumare. Per chi invece vuole continuare a farlo, le alternative che la nostra azienda sta sviluppando rappresentano delle ottime alternative. In questi ultimi due anni, da quando cioè abbiamo lanciato questi prodotti, hanno dato prova di avere il potenziale giusto per poter sostituire, anche in modo permanente, la sigaretta combusta, dando un’alternativa a chi aveva l’abitudine del fumo. Alternativa che dà comunque la parte di piacere riducendo, potenzialmente, il rischio per la salute in modo significativo».

Abbiamo sentito diversi specialisti medici che, sulla base delle ricerche indipendenti o anche condotte dal vostro centro di ricerca, attestano come ad esempio l’assenza di combustione in alcuni di questi prodotti riduca notevolmente le sostanze tossiche e quindi l’impatto su dermatologia, odontostomatologia e altre specializzazioni di questo genere.

LEGGI ANCHE: SMETTERE DI FUMARE SENZA DIRE ADDIO AL TABACCO? IL CARDIOLOGO: «SÌ PRODOTTI “RISCHIO RIDOTTO” MA NON PER FUMARE DI PIÙ»

«La ricerca scientifica ha fatto passi da gigante negli ultimi 30-40 anni. La ricerca ci ha fatto capire che il vero problema del fumo sono le tossine che vengono sprigionate dalla combustione del tabacco, della carta e di tutte le componenti che ci sono nella sigaretta. Eliminando la combustione attraverso la riduzione della temperatura, una buona parte di questi composti tossici non vengono più a formarsi, e questo rende meno tossico il prodotto. Certo, ci vuole ancora molto lavoro da fare per poter dire che il prodotto è meno rischioso o dannoso. La clinica che stiamo sviluppando ci sta dando indicazioni molto positive ma è evidente che il dibattito con la comunità medico-scientifica diventa fondamentale perché le nostre evidenze, generate in laboratori che lavorano con pratiche cliniche che sono gli standard dell’industria, servono proprio per dare lo spazio alla nostra azienda e al mondo medico-scientifico di confrontarsi e di scegliere le soluzioni migliori per il futuro di questa categoria».

Articoli correlati
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
La nicotina ferma il Coronavirus? Pacifici (Iss): «Notizia mal gestita e dagli esiti pericolosi»
La storia dello studio in fase sperimentale all’ospedale di Parigi. La responsabile del Centro nazionale dipendenze: «Siamo preoccupati. La diffusione scorretta e incontrollata di queste notizie ha aperto delle aspettative per un segmento di popolazione fragile come quella fumatrice»
di Tommaso Caldarelli
Allarme testosterone, nei maschi americani è in caduta libera. E in Italia?
Un recente studio pubblicato negli USA mette in guardia la comunità scientifica internazionale e la popolazione. Colao (Federico II): «Sovrappeso e inquinamento principali responsabili»
La legge anti-fumo compie quindici anni. Sirchia: «Servono controlli e divieti anche in alcuni spazi aperti»
Un milione i fumatori in meno ma ancora alta la diffusione tra i giovani. L’ematologo padre della norma: «La sigaretta elettronica andava usata per aiutare a smettere di fumare invece è finita in mano ai ragazzi che così iniziano ad assuefarsi alla nicotina». Negativo il parere anche sulla cannabis light
E-cig e sigarette: sono più di 700mila gli italiani che le fumano insieme. E i rischi per i polmoni triplicano
Secondo uno studio della University of California l’abitudine, sempre più in voga, di alternare le due modalità di fumo è una pratica da abbandonare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...