Salute 28 Maggio 2018 18:24

#NoTobaccoDay, Sidoli (Philip Morris): «Puntiamo su alternative alla sigaretta per chi non riesce a smettere»

Ai nostri microfoni l’AD di PMI Italia Eugenio Sidoli spiega cosa ha spinto il colosso del tabacco a investire su prodotti alternativi potenzialmente meno dannosi: «La ricerca sta facendo passi da gigante»

#NoTobaccoDay, Sidoli (Philip Morris): «Puntiamo su alternative alla sigaretta per chi non riesce a smettere»

«La sigaretta è roba del passato. La nostra azienda ha deciso di portare i fumatori, sia quelli che non vogliono smettere, sia quelli che non ci riescono, nel 21esimo secolo». Così l’AD di PMI Italia Eugenio Sidoli spiega i motivi che hanno spinto il colosso del tabacco ad investire su un nuovo tipo di “esperienza” per il fumatore. Dal tabacco bruciato («Il vero problema del fumo sono le tossine che vengono sprigionate dalla combustione», sostiene Sidoli) a quello riscaldato attraverso uno strumento ad alta tecnologia. L’AD Sidoli spiega ai nostri microfoni la vision di Philip Morris.

LEGGI ANCHE: «LA SIGARETTA FA MALE MA I FUMATORI NON SMETTONO. NECESSARIO PUNTARE SU PRODOTTI ALTERNATIVI»

Pmi Italia al Festival della Scienza Medica a Bologna perché sta investendo proprio nella ricerca scientifica per portare il fumo di sigaretta nel nuovo secolo…

«Il nostro obiettivo è quello di portare nel 21esimo secolo prodotti che sostituiscano quelli che nel secolo scorso hanno fatto diventare il fumo una tematica di dibattito a livello planetario. Il fumo uccide e genera malattie, è un fatto noto e la nostra azienda ha deciso di prendersi impegni molto precisi per sviluppare alternative ai prodotti da fumo che siano meno dannose per la salute dei fumatori. È importante sottolineare come questi non siano prodotti esenti da rischio, non sono neanche prodotti disegnati per far smettere di fumare. Sono stati invece disegnati per chi o non ha intenzione di smettere oppure semplicemente non ci riesce. Ovviamente, tutti quelli che hanno un problema con il fumo dovrebbero smettere di fumare. Per chi invece vuole continuare a farlo, le alternative che la nostra azienda sta sviluppando rappresentano delle ottime alternative. In questi ultimi due anni, da quando cioè abbiamo lanciato questi prodotti, hanno dato prova di avere il potenziale giusto per poter sostituire, anche in modo permanente, la sigaretta combusta, dando un’alternativa a chi aveva l’abitudine del fumo. Alternativa che dà comunque la parte di piacere riducendo, potenzialmente, il rischio per la salute in modo significativo».

Abbiamo sentito diversi specialisti medici che, sulla base delle ricerche indipendenti o anche condotte dal vostro centro di ricerca, attestano come ad esempio l’assenza di combustione in alcuni di questi prodotti riduca notevolmente le sostanze tossiche e quindi l’impatto su dermatologia, odontostomatologia e altre specializzazioni di questo genere.

LEGGI ANCHE: SMETTERE DI FUMARE SENZA DIRE ADDIO AL TABACCO? IL CARDIOLOGO: «SÌ PRODOTTI “RISCHIO RIDOTTO” MA NON PER FUMARE DI PIÙ»

«La ricerca scientifica ha fatto passi da gigante negli ultimi 30-40 anni. La ricerca ci ha fatto capire che il vero problema del fumo sono le tossine che vengono sprigionate dalla combustione del tabacco, della carta e di tutte le componenti che ci sono nella sigaretta. Eliminando la combustione attraverso la riduzione della temperatura, una buona parte di questi composti tossici non vengono più a formarsi, e questo rende meno tossico il prodotto. Certo, ci vuole ancora molto lavoro da fare per poter dire che il prodotto è meno rischioso o dannoso. La clinica che stiamo sviluppando ci sta dando indicazioni molto positive ma è evidente che il dibattito con la comunità medico-scientifica diventa fondamentale perché le nostre evidenze, generate in laboratori che lavorano con pratiche cliniche che sono gli standard dell’industria, servono proprio per dare lo spazio alla nostra azienda e al mondo medico-scientifico di confrontarsi e di scegliere le soluzioni migliori per il futuro di questa categoria».

Articoli correlati
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza
L'utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
Il fumo accelera l’invecchiamento, ma smettere può invertire il processo
Che il fumo abbia molteplici effetti negativi sulla salute è noto ormai da tempo. Ma ora uno studio della Hangzhou Normal University, in Cina, ha trovato le prove di un legame tra il fumo e l'invecchiamento accelerato. I risultati sono stati presentati in occasione del congresso della Società Respiratoria Europea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...