Salute 17 Gennaio 2024 15:00

Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza

L’utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction

Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza

L’utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction. “Questo studio valuta gli outcome di uno studio già precedentemente pubblicato e conferma che l’utilizzo di prodotti senza combustione come sigarette elettroniche e cerotti nelle donne in gravidanza non è associato ad esiti negativi per il feto”, spiega a Sanità Informazione Riccardo Polosa, fondatore del CoEhar, Centro di ricerca per la riduzione del danno da fumo, e professore ordinario di Medicina interna all’Università di Catania, secondo il quale questi stessi risultati potrebbero essere estesi anche ai prodotti a tabacco riscaldato.

Misurati i livelli di cotinina a inizio e a fine gravidanza

Lo studio PREP 2 ha utilizzato i dati raccolti da oltre 1.100 fumatrici in gravidanza di 23 ospedali in Inghilterra e un centro antifumo in Scozia, per confrontare gli esiti della gravidanza nelle donne che facevano o meno uso regolare di nicotina sotto forma di sigarette elettroniche o cerotti alla nicotina, nel corso della gestazione. I ricercatori hanno effettuato misurazioni dei livelli di cotinina salivare, marcatore biologico di utilizzo di tabacco, all’inizio e verso la fine della gravidanza, e hanno raccolto informazioni sull’uso di sigarette o di tipi di sostituti usati da ciascuna partecipante, sui sintomi respiratori, sul peso alla nascita del piccolo e su altri dati relativi ai loro bambini. Lo studio ha rilevato che le sigarette elettroniche sono quelle più comunemente utilizzate nel gruppo studiato rispetto ai cerotti alla nicotina, con il 47% rispetto al 21%.

I sostituti della nicotina non hanno un impatto sul peso alla nascita del bambini

Riguardo al peso dei bambini alla nascita non sono state riscontrate differenze significative fra le donne che usavano anche uno dei prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza e quelle che fumavano soltanto. Inoltre, i bambini nati da donne che non fumavano durante la gravidanza non differivano nel peso alla nascita, sia che le donne usassero o meno prodotti a base di nicotina. In definitiva, l’uso regolare di prodotti a base di nicotina non è stato associato ad alcun effetto negativo nelle madri o nei loro bambini. “Lo studio contribuisce a rispondere a due importanti domande, una di carattere pratico e una riguardante la nostra comprensione dei rischi del fumo“, spiega Peter Hajek, del Wolfson Institute of Population Health della Queen Mary University di Londra e ricercatore principale. “Le sigarette elettroniche hanno aiutato le fumatrici in gravidanza a smettere senza rischi rilevabili per la gestazione”, aggiunge.

Polosa: “Probabile che anche i prodotti a tabacco riscaldato non abbiano effetti sul feto”

L’uso di prodotti contenenti nicotina per smettere di fumare in gravidanza appare quindi sicuro. “I danni alla gravidanza derivanti dal fumo, almeno in tarda gravidanza, sembrano essere dovuti ad altre sostanze chimiche presenti nel fumo di tabacco piuttosto che alla nicotina”, spiega Hajek. “E’ proprio nel processo di combustione (che sprigiona migliaia di sostanze tossiche) che si produce il danno per il feto”, spiega Polosa. “L’assenza di combustione consente di ridurre il danno fumo correlato e, come già dimostrato da una vastissima letteratura scientifica, il danno non è prodotto dalla nicotina. Se dunque l’assunto su cui si basa lo studio è l’assenza di combustione, nonostante non ci siano ancora studi specifici su questi strumenti, si può verosimilmente affermare che – continua – anche i prodotti a tabacco riscaldato non confermerebbero esiti negativi per il feto, cosi come per le elettroniche e i cerotti”.

Il fumo in gravidanza è un grave problema di salute pubblica

“Da un recente studio del CoEHAR è emersa una generale sfiducia nei confronti dei metodi tradizionali per smettere di fumare – evidenzia Polosa – che porta molte donne a fidarsi solamente della propria forza di volontà e ha fatto emergere l’esigenza sempre più importante di ricevere informazioni e supporto anche durante i corsi preparto sui metodi e gli strumenti efficaci abbandonare il tabagismo”. Dice Tim Coleman, ricercatore dell’Università di Nottingham, che ha guidato il reclutamento dello studio: “Il fumo in gravidanza è un grave problema di salute pubblica e gli ausili contenenti nicotina possono aiutare le donne incinte a smettere di fumare, ma alcuni medici sono reticenti nel fornire sostitutivi a base di nicotina, come cerotti o sigarette elettroniche in gravidanza. I risultati forniscono ulteriori prove rassicuranti sul fatto che le sostanze chimiche del fumo di tabacco, piuttosto che la nicotina, siano responsabili dei danni correlati al fumo. Per cui l’uso di ausili contenenti nicotina per abbandonare l’abitudine al fumo è di gran lunga preferibile al continuare a fumare nell’arco della gravidanza”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
Il fumo accelera l’invecchiamento, ma smettere può invertire il processo
Che il fumo abbia molteplici effetti negativi sulla salute è noto ormai da tempo. Ma ora uno studio della Hangzhou Normal University, in Cina, ha trovato le prove di un legame tra il fumo e l'invecchiamento accelerato. I risultati sono stati presentati in occasione del congresso della Società Respiratoria Europea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...