Salute 18 Gennaio 2024 11:29

Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”

Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances

Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”

Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS), una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances. “La gammopatia monoclonale non è una condizione che evolve sempre una malattia mieloematosa”, specifica a Sanità Informazione Umberto Vitolo, Responsabile Studi Clinici Ematologici presso l’Istituto di Candiolo – Fondazione del Piemonte per l’Oncologia IRCCS. “E’ solo un’eventualità, che è più alta in alcuni soggetti a rischio, prevalentemente persone di sesso maschile, di origine africana e con famigliarità con malattie ematologiche”.

La maggior parte dei pazienti con MGUS non presenta sintomi significativi

“Questo studio è interessante – continua Vitolo – perché a fattori di rischio modificabili noti, come l’obesità, il fumo e una vita sedentaria, vengono collegati non solo le malattie cardiovascolari, ma anche a un’alterazione al sistema immunitario che può evolvere in malattia ematologica”. Nello studio sono stati reclutati 2.628 individui provenienti da tutti gli Stati Uniti, considerati a rischio di sviluppare mieloma multiplo. I partecipanti sono stati sottoposti a screening per valutare l’eziologia e i fattori di rischio per MGUS. La gammopatia monoclonale di significato indeterminato, spiegano gli esperti, è una condizione caratterizzata dalla presenza di una proteina anomala prodotta dalle plasmacellule, e in alcuni casi è un precursore del mieloma multiplo. La maggior parte dei pazienti affetti da MGUS non presenta sintomi significativi, ma la condizione viene monitorata in quanto può anticipare problematiche più gravi.

L’obesità aumenta del 73% il rischio di gammopatia monoclonale

Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention americani, circa il 42 per cento della popolazione statunitense è affetta da obesità. “Sebbene siano stati compiuti progressi significativi nella terapia del mieloma multiplo – afferma David Lee, scienziato che ha coordinato lo studio – questa forma di tumore resta incurabile, e spesso viene diagnosticata quando gli organi vitali hanno subito danni importanti”. Dopo aver considerato altri fattori importanti come età, genere, etnia, livello di istruzione e reddito medio, gli autori hanno scoperto che i partecipanti con obesità hanno una probabilità del 73 per cento più alta  di sviluppare MGUS rispetto agli individui normopeso. La correlazione risultava invariata indipendentemente dall’attività fisica praticata.

Allo studio i meccanismi dietro la correlazione tra obesità e MGUS

Anche il sonno disturbato e l’abitudine al fumo sembrano incrementare il rischio di MGUS. Questo lavoro, sottolineano gli scienziati, è uno studio trasversale, un’istantanea di come alcune variabili possono essere correlate tra loro. Per cui, nonostante la forte correlazione emersa tra MGUS e fattori legati allo stile di vita, non è ancora possibile determinare una relazione di causalità. Nei prossimi step, il gruppo di ricerca mira a convalidare i risultati in altre coorti di studio, per esplorare i meccanismi attraverso cui il peso in eccesso e le abitudini di vita possano influenzare lo sviluppo e la progressione della gammopatia. “Questi risultati – conclude Lee – guideranno i prossimi approcci di ricerca. Speriamo di capire come alcuni fattori di rischio modificabili, come il peso, l’esercizio fisico e il fumo possano influenzare le probabilità di sviluppare il cancro. Prima di definire strategie sanitarie preventive efficaci contro il mieloma multiplo, dobbiamo comprendere meglio la relazione tra MGUS e fattori di rischio potenzialmente modificabili”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza
L'utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.