Salute 19 aprile 2017

Smettere di fumare senza dire addio al tabacco? Il cardiologo: «Sì prodotti “rischio ridotto” ma non per fumare di più»

Francesco Romeo, direttore del reparto di Cardiologia di Tor Vergata e Presidente SIC: «Prodotti a tabacco riscaldato riducono sostanze dannose. Ben vengano per chi non ha nessuna intenzione di smettere di fumare»

Smettere di fumare senza dire definitivamente addio al tabacco… È questa la sfida per i fumatori che proprio non vogliono abbandonare il vizio. Per loro la scienza e la ricerca stanno mettendo a punto una serie di cosiddetti “prodotti a rischio ridotto” che scaldano il tabacco senza bruciarlo eliminando molte delle sostanze dannose. Su questo tema interviene ai nostri microfoni, il professor Francesco Romeo, direttore del reparto di Cardiologia del Policlinico Tor Vergata di Roma e Presidente della Società Italiana di Cardiologia.

I prodotti a rischio ridotto possono effettivamente limitare i danni alla salute?

«Intanto mi preme sottolineare che il fumo è il maggior fattore, dopo il colesterolo, di rischio per malattie coronariche e per malattie ischemiche. Dunque il fumo è un’abitudine assolutamente da sconsigliare a tutti, sempre in prevenzione primaria, e ancora di più, in prevenzione secondaria, in pazienti che hanno avuto già un problema coronarico. Questo è il nostro principale obiettivo come cardiologi. Purtroppo però nella pratica clinica, riscontriamo che esiste una percentuale di pazienti che nonostante gli si raccomandi di smettere di fumare, nonostante abbiano già avuto un episodio di cardiopatia ischemica, non hanno nessuna intenzione di farlo. In questo gruppo di pazienti che non hanno nessuna intenzione di smettere di fumare, è chiaro che l’obiettivo sarebbe quello di trovare dei prodotti meno nocivi. Quindi, le aziende sul mercato hanno cercato di mettere a disposizione dei prodotti che siano e che vengano proposti come meno tossici. Ovviamente questi prodotti non devono significare un incentivo al fumo, ma in quella popolazione che non ha nessuna intenzione di smettere di fumare, è doveroso da parte delle industrie del tabacco, almeno limitare i danni e cercare di produrre dei prodotti che abbiano, non meno contenuto di nicotina, ma minor contenuto di prodotti tossici. I prodotti maggiormente nocivi sono collegati alla combustione, vengono sprigionati e ossidano, sono sostanze ossidanti veramente nocive per i pazienti».

Quindi questi prodotti a rischio ridotto, possono effettivamente limitare patologie cardiache nello specifico?

«Teoricamente sì, a patto che questo non significhi che se ne fumino di più. Avere dei prodotti che hanno un minore contenuto di queste sostanze tossiche teoricamente è un fatto utile. So che tutte le grandi industrie si stanno orientando in questo senso perché tutte hanno percepito che è un dovere etico, una strada da percorrere anche per chi ha come scopo il profitto e il business, ma allo stesso tempo deve pensare anche alla salvaguardia della salute del paziente».

Sempre per quanto riguarda i prodotti a rischio ridotto, che differenza c’è tra i prodotti ‘a combustione’ e ‘a riscaldamento’ e qual è la conseguenza sulla salute?

«Quando non c’è la combustione non si creano quelle sostanze altamente tossiche che danneggiano la salute. Quindi meglio il riscaldamento. So che c’è questo sforzo da parte delle grandi multinazionali del tabacco, di rispondere a questa esigenza prioritaria di salvaguardare la salute dei pazienti e purtroppo c’è una quota di pazienti che non rinuncia alla gratificazione del fumo. La nicotina fa sicuramente dei danni, ma sono molto più dannose tutte le sostanze tossiche che compongono la sigaretta sottoposta ad un processo di combustione».

Quindi questi prodotti a riscaldamento possono effettivamente rappresentare il futuro? Potrebbero nei prossimi anni soppiantare il fumo convenzionale?

«Io spero si vada verso una società senza fumo. Questi prodotti tuttavia, se effettivamente riducono tutte quelle sostanze tossiche dannose e cancerogene, sono indicati per quella ristretta popolazione di soggetti che non vuole smettere con il vizio. Certamente, incentivare questi prodotti rispetto ad una sigaretta più tossica, sarebbe un obiettivo minimo ma comunque un obiettivo da perseguire».

Per approfondire:

Fumo: perdere il vizio con la sigaretta elettronica? Ecco le soluzioni più innovative…

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Articoli correlati
#NoTobaccoDay, Sidoli (Philip Morris): «Puntiamo su alternative alla sigaretta per chi non riesce a smettere»
Ai nostri microfoni l’AD di PMI Italia Eugenio Sidoli spiega cosa ha spinto il colosso del tabacco a investire su prodotti alternativi potenzialmente meno dannosi: «La ricerca sta facendo passi da gigante»
Trapianto di pene, ora è realtà. Vespasiani (SIU): «È tecnicamente possibile. Bisogna trovare modo etico di realizzarlo»
Nel mondo finora solo tre interventi di questo tipo. A Roma l’autore del terzo trapianto, Curtis Cetrulo. L'urologo Salvatore Sansalone: «Una delle difficoltà maggiori è trovare famiglia disposta a cedere organo»
Club Medici contro la violenza sulle donne: al Policlinico Tor Vergata un corso ECM su maltrattamenti di genere
Su iniziativa della senatrice Francesca Puglisi, Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, si è tenuta il 28 novembre, presso la Sala Caduti di Nassirya al Senato della Repubblica, la presentazione del corso ECM (Educazione Continua in Medicina) sulla violenza contro le donne, organizzato da Club Medici in collaborazione con il Policlinico di Tor […]
Fumo e prodotti a potenziale rischio ridotto, Barba (PMI): «Giusto regolamentare settore per disincentivare uso sigarette»
La Vicepresidente Regulatory Affairs di Philip Morris International ai nostri microfoni spiega come l’Italia abbia «capito l’importanza delle alternative non combustibili, regolamentandole dal 2014: fondamentale continuare su questa strada e informare correttamente i fumatori»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
«La sigaretta fa male ma i fumatori non smettono. Necessario puntare su prodotti alternativi»
Konstantinos Farsalinos, cardiologo e ricercatore del Gatshuisbergdi Leuven, Belgio, espone ai nostri microfoni i risultati di uno studio in cui sono state comparate le diverse modalità di fumo: «Grande differenza di tossine tra prodotti come IQOS e sigarette tradizionali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...