Salute 29 Novembre 2016 13:05

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

L’azienda leader mondiale nel settore del tabacco presenta la nuova frontiera del fumo: iQOS, la sigaretta senza combustione. La ricerca scientifica presentata dal Professor Manuel Peitsch: «Prodotti innovativi sostenuti da evidenze scientifiche»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Ricerca, innovazione e riduzione del danno: questi i temi trattati nel corso del simposio organizzato da Philip Morris Italia, una affiliata di Philip Morris International Inc, (“PMI”) dal titolo: “Harm Reduction: The Scientific Commitment of Philip Morris International Towards Reduced Risk Products” al quale hanno partecipato rappresentanti del mondo medico-scientifico. Scopo del convegno discutere delle alternative alle sigarette per coloro che non riescono a smettere di fumare , alternative che ovviamente abbiano meno impatto sulla salute.

Nel dettaglio PMI sta conducendo un programma di ricerca per verificare il profilo di rischio delle sue alternative alle sigarette senza combustione. Tale ricerca è ispirate alle procedure impiegate nel settore farmaceutico per lo sviluppo di nuovi farmaci, ed è conforme alle linee guida fornite dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per la validazione di Prodotti del Tabacco a Rischio Modificato (MRTPs). Include studi di laboratorio e clinici sui fumatori adulti, e ricerche per capire i potenziali benefici del prodotto per la salute pubblica, incluse quelle sulla percezione da parte dei fumatori del rischio del prodotto e sulle modalità con cui lo utilizzano nella vita quotidiana. La ricerca scientifica di Philip Morris International (PMI) su uno dei suoi prodotti a tabacco riscaldato iQOS1 è molto promettente e punta nella direzione della riduzione del rischio.

«Una grande alternativa alle sigarette» racconta ai microfoni di Sanità Informazione Manuel Peitsch, Chief Scientific Officer di Philip Morris International. «Il nostro prodotto a rischio ridotto è progettato proprio per rappresentare un’alternativa alle sigarette tradizionali perché a differenza di queste, non prevede processi di combustione. In molti pensano che a provocare danni sia la nicotina ma in realtà è la combustione del tabacco che soprattutto nuoce alla salute».

I risultati principali dell’indagine condotta da PMI, ad oggi mostra che il vapore generato da iQOS riduce in media del 90-95% le sostanze dannose o potenzialmente dannose rispetto al fumo della sigaretta di riferimento utilizzata per scopi di ricerca scientifica. Inoltre dalle misurazioni dei modelli di laboratorio, il vapore generato da iQOS è significativamente meno tossico del fumo di sigaretta. Altro dato emerso è che i fumatori adulti che passano completamente a iQOS in due studi clinici della durata di 3 mesi, hanno ridotto la loro esposizione a 15 costituenti dannosi. Inoltre i livelli di esposizione ridotta si avvicinano a quelli osservati nelle persone che hanno smesso di fumare per lo stesso periodo di studio. Infine l’utilizzo di iQOS non influenza in maniera negativa la qualità dell’aria in ambienti chiusi e iQOS non è una fonte di fumo passivo.

Ma come è nata questa idea e dove ha preso forma? «Abbiamo lavorato in Svizzera a Neuchatel, – spiega il Chief Scientific Officer di Philip Morris – e abbiamo coordinato le attività insieme ad un gruppo di lavoro a Singapore dotato di esperti in elettronica e tossicologia. Inoltre lo sviluppo del progetto ha visto anche collaborazioni da varie parti del mondo sia con il coinvolgimento di piccole ma anche di grandi aziende che hanno dato diversi apporti e contributi alle ricerche».

Articoli correlati
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Ecig e cerotti aiutano le donne a smettere di fumare senza rischi per la gravidanza
L'utilizzo di prodotti sostitutivi della nicotina durante la gravidanza non è associato a eventi avversi o a complicazioni. A dimostrarlo è una nuova analisi dei dati condotta su donne fumatrici incinte da un gruppo di ricercatori della Queen Mary University di Londra. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Addiction
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Sigarette elettroniche e farmaci sono entrambi efficaci per smettere di fumare
Le sigarette elettroniche e i due farmaci chiamati vareniclina e citisina rappresentano gli strumenti migliori per aiutare le persone a smettere di fumare. A stabilirlo è una nuova revisione condotta dal gruppo indipendente Cochrane
Il fumo accelera l’invecchiamento, ma smettere può invertire il processo
Che il fumo abbia molteplici effetti negativi sulla salute è noto ormai da tempo. Ma ora uno studio della Hangzhou Normal University, in Cina, ha trovato le prove di un legame tra il fumo e l'invecchiamento accelerato. I risultati sono stati presentati in occasione del congresso della Società Respiratoria Europea
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...