Salute 13 Febbraio 2017 17:01

Fumo: perdere il vizio con la sigaretta elettronica? Ecco le soluzioni più innovative…

L’e-cig può essere un valido aiuto per smettere di fumare. In Italia cresce l’utilizzo di prodotti a rischio ridotto e negli ultimi mesi a dominare il mercato è IQOS di Philip Morris

Passare dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica è un grosso beneficio per la salute. A dirlo è uno studio scientifico inglese pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine. Gli esperti hanno monitorato le abitudini di 180 fumatori per un anno e mezzo e hanno evidenziato che il graduale passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, ha ridotto sensibilmente l’introduzione di tossine e sostanze cancerogene nell’organismo.

Precedente a questo studio e degna di nota, la ricerca condotta dal team dell’Università degli Studi di Catania, pubblicata di recente sulla prestigiosa rivista scientifica Discovery Medicine. Nell’analisi i ricercatori hanno messo sotto osservazione lo stato di salute di 18 pazienti con asma lieve e moderato che hanno interrotto l’utilizzo di sigarette ordinarie per passare a quelle elettroniche. Bene, la valutazione progressiva di 16 di questi pazienti, ha dimostrato rilevanti progressi dei sintomi respiratori.

La e-cig si è diffusa in Europa nei primi anni del 2000, da allora progressivamente il suo utilizzo si è cominciato a consolidare offrendo una valida alternativa al fumo tradizionale. In Italia in particolar modo, negli ultimi anni, l’uso di questo dispositivo elettronico si è incrementato arrivando ad oggi a risultati significativi.

Nel nostro Paese coloro che utilizzano l’e-cig sono infatti passati dall’1,1 per cento della popolazione del 2015 al 3,9 per cento del 2016. Da segnalare che, di questi, otto su dieci fumano sia sigarette ordinarie che elettroniche, mentre tra gli utilizzatori esclusivi di e-cig, che corrispondo al 18,4 per cento, fanno parte sia ex fumatori che si sono voluti allontanare dal fumo tradizionale (7,7 per cento) sia persone che hanno esclusivamente usufruito della sigaretta elettronica (10,7).

La richiesta è alta ed è per questa ragione che ad oggi la scelta di sigarette elettroniche è piuttosto ampia. Tuttavia non tutte le gamme proposte dal mercato sono uguali. Ne esistono di vario tipo, da quelle usa e getta a quelle con le cartucce sostituibili, dal vapore caldo al vapore freddo. Essenzialmente il funzionamento è uguale per tutte, l’e-cig vaporizza un liquido aromatico grazie all’utilizzo di una resistenza alimentata con corrente elettrica. Dunque fumando, anzi “svampando” che è il termine più conforme, si inala vapore profumato al posto del fumo generato dalla combustione del tabacco delle sigarette tradizionali.

A uscire dagli schemi, nato di recente, è un prodotto innovativo che si differenzia dagli altri per alcune caratteristiche. Si chiama IQOS ed è un dispositivo hi-tech, prodotto dalla Philip Morris, che abolisce il processo di combustione. Ma l’innovazione che diversifica IQOS dagli altri, è che nelle ricariche non è presente liquido, ma tabacco. Il sapore e la percezione del tabacco rimangono e si concentrano nel vapore che si disperde velocemente.

Per approfondire:

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Articoli correlati
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
E-cig e salute, Prof. Beatrice: «23 volte meno dannoso della sigaretta tradizionale secondo Istituto Pasteur di Lille»
Convegno a Roma sul tema del tabacco e della riduzione del danno dal titolo "La sigaretta elettronica come strumento di riduzione del rischio. Stato dell’arte della ricerca scientifica". Public Health England: le eCig meno dannose del 90-95% rispetto alle sigarette tradizionali.
SIOT lancia il decalogo per far conoscere i danni del fumo sull’apparato muscolo scheletrico
Farez (Past President Società italiana ortopedia e traumatologia): «Linee guida che analizzano i rischi, la strategia di comunicazione e il ruolo dei prodotti alternativi»
di Federica Bosco
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
La nicotina ferma il Coronavirus? Pacifici (Iss): «Notizia mal gestita e dagli esiti pericolosi»
La storia dello studio in fase sperimentale all’ospedale di Parigi. La responsabile del Centro nazionale dipendenze: «Siamo preoccupati. La diffusione scorretta e incontrollata di queste notizie ha aperto delle aspettative per un segmento di popolazione fragile come quella fumatrice»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa