Salute 13 febbraio 2017

Fumo: perdere il vizio con la sigaretta elettronica? Ecco le soluzioni più innovative…

L’e-cig può essere un valido aiuto per smettere di fumare. In Italia cresce l’utilizzo di prodotti a rischio ridotto e negli ultimi mesi a dominare il mercato è IQOS di Philip Morris

Passare dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica è un grosso beneficio per la salute. A dirlo è uno studio scientifico inglese pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine. Gli esperti hanno monitorato le abitudini di 180 fumatori per un anno e mezzo e hanno evidenziato che il graduale passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, ha ridotto sensibilmente l’introduzione di tossine e sostanze cancerogene nell’organismo.

Precedente a questo studio e degna di nota, la ricerca condotta dal team dell’Università degli Studi di Catania, pubblicata di recente sulla prestigiosa rivista scientifica Discovery Medicine. Nell’analisi i ricercatori hanno messo sotto osservazione lo stato di salute di 18 pazienti con asma lieve e moderato che hanno interrotto l’utilizzo di sigarette ordinarie per passare a quelle elettroniche. Bene, la valutazione progressiva di 16 di questi pazienti, ha dimostrato rilevanti progressi dei sintomi respiratori.

La e-cig si è diffusa in Europa nei primi anni del 2000, da allora progressivamente il suo utilizzo si è cominciato a consolidare offrendo una valida alternativa al fumo tradizionale. In Italia in particolar modo, negli ultimi anni, l’uso di questo dispositivo elettronico si è incrementato arrivando ad oggi a risultati significativi.

Nel nostro Paese coloro che utilizzano l’e-cig sono infatti passati dall’1,1 per cento della popolazione del 2015 al 3,9 per cento del 2016. Da segnalare che, di questi, otto su dieci fumano sia sigarette ordinarie che elettroniche, mentre tra gli utilizzatori esclusivi di e-cig, che corrispondo al 18,4 per cento, fanno parte sia ex fumatori che si sono voluti allontanare dal fumo tradizionale (7,7 per cento) sia persone che hanno esclusivamente usufruito della sigaretta elettronica (10,7).

La richiesta è alta ed è per questa ragione che ad oggi la scelta di sigarette elettroniche è piuttosto ampia. Tuttavia non tutte le gamme proposte dal mercato sono uguali. Ne esistono di vario tipo, da quelle usa e getta a quelle con le cartucce sostituibili, dal vapore caldo al vapore freddo. Essenzialmente il funzionamento è uguale per tutte, l’e-cig vaporizza un liquido aromatico grazie all’utilizzo di una resistenza alimentata con corrente elettrica. Dunque fumando, anzi “svampando” che è il termine più conforme, si inala vapore profumato al posto del fumo generato dalla combustione del tabacco delle sigarette tradizionali.

A uscire dagli schemi, nato di recente, è un prodotto innovativo che si differenzia dagli altri per alcune caratteristiche. Si chiama IQOS ed è un dispositivo hi-tech, prodotto dalla Philip Morris, che abolisce il processo di combustione. Ma l’innovazione che diversifica IQOS dagli altri, è che nelle ricariche non è presente liquido, ma tabacco. Il sapore e la percezione del tabacco rimangono e si concentrano nel vapore che si disperde velocemente.

Per approfondire:

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Philip Morris, Peitsch: «La sigaretta che non brucia riduce del 90% i danni alla salute»

Articoli correlati
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce
«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali
di Isabella Faggiano
Gas radon, Miani (presidente Sima): «È la seconda causa di tumore ai polmoni dopo il fumo»
«Sono 3.200 le persone che, ogni anno, in Italia, perdono la vita a causa di una prolungata esposizione al gas. Le sue radiazioni colpiscono soprattutto le cellule dei bronchioli e degli alveoli polmonari, modificandone il dna e causando l’insorgenza del cancro», spiega il Presidente della Società italiana di Medicina Ambientale
di Isabella Faggiano
“Senti chi fuma”, la spinta “gentile” per smettere. Il libro che dà voce ai fumatori
Scritto a quattro mani dal dottor Fabio Beatrice, Direttore del Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason, è stato presentato all’Istituto Superiore di Sanità in occasione del World No-Tobacco Day
Fumo, medici di medicina generale sempre più ‘sentinelle’ delle abitudini dei pazienti
Oltre 560 medici di base hanno partecipato al nuovo questionario del Centro Studi della Fimmg sul fumo. Un test che ha verificato l’importanza dei medici di famiglia come ‘sentinelle’ sull’abitudine al fumo. «L’indagine evidenzia come, ancora una volta, i medici di base siano efficaci sentinelle rispetto a fenomeni connessi a fattori di rischio comportamentali – sottolinea Paolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...