Salute 20 Dicembre 2023 12:49

La neuroscienziata Arianna Di Stadio: “Proteggiamo il cervello con l’alimentazione”

Il nostro cervello può essere protetto dall’invecchiamento grazie all’alimentazione. A spiegarlo è Arianna di Stadio, attualmente docente di Otorinolaringoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario all’UCL Queen Square Neurology di Londra, intervistata da Sanità Informazione

La neuroscienziata Arianna Di Stadio: “Proteggiamo il cervello con l’alimentazione”

“Il cervello non si cambia con una protesi. Nel futuro, saremo probabilmente in grado di sostituire sempre più pezzi non funzionanti del nostro corpo, come facciamo già oggi per esempio con l’articolazione del ginocchio o dell’anca. Sicuramente il cervello non sarà sostituibile quindi occorre che il nostro organo nobile rimanga giovane il più a lungo possibile. La neuroinfiammazione è il primo nemico da contrastare con un’alimentazione ricca di frutta, verdura, pesce e olio di oliva”. A parlare a Sanità Informazione è Arianna di Stadio, attualmente docente di Otorinolaringoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario all’UCL Queen Square Neurology di Londra, autrice del nuovo libro “YOUNG BRAIN“, a cura di Dalila Roccamatisi, scritto con il supporto scientifico di Epitech, edito da Porto Seguro.

Professoressa, in che modo quello che mangiamo influisce sul nostro cervello?

“L’alimentazione agisce ad ogni livello del nostro corpo, sia sulle malattie che sulla longevità. In particolare, molti alimenti sono in grado di agire in maniera positiva sia sullo sviluppo del cervello sia sul mantenimento delle sue buone condizioni. Una sana alimentazione, ad esempio, può ridurre gli indici infiammatori ed evitare sia l’insorgenza della sindrome metabolica che delle malattie cardiovascolari così come dimostrato da innumerevoli studi scientifici. Ad oggi sappiamo che i fattori ambientali, oltre che la genetica, sono in grado di agire sulla nostra salute sia presente sia futura. L’alimentazione, che appartiene alla categoria dei fattori ambientali, può anche a lungo termine agire sulla genetica in particolare sull’epigenetica. Quest’ultima rappresenta la parte del nostro DNA che può essere modificata”.

Qual è la dieta migliore per il nostro cervello?

“Indubbiamente la dieta mediterranea, la quale è in grado di proteggere il cervello dal declino cognitivo agendo sulla neuroinfiammazione, ossia l’infiammazione del cervello. La correlazione tra dieta salutare, come appunto quella mediterranea, e preservazione delle funzioni del corpo (comprese quelle del cervello), è ben nota a medici e scienziati mentre lo è meno al pubblico. In realtà, quest’ultimo dovrebbe invece essere quello più consapevole di quanto faccia bene la dieta mediterranea e perché. Da qui la scelta di scrivere un breve e semplice libro che spiega sia come che perché invecchia il cervello e cosa e come fare per mantenerlo giovane e in forma il più a lungo possibile”.

Nel suo libro spiega cos’è la neuroinfiammazione e quali cibi aiutano a contrastarla. Può anticiparci qualcosa?

“Per fare un esempio pratico di una combinazione di elementi in grado di proteggere il cervello, soddisfacendo il palato, possiamo citare le polpette di zucchine e tonno. Infatti, il tonno così come anche il salmone e i pesci azzurri, contiene sia gli omega 3 che l’acido docosaesaenoico (un particolare omega 3) che contrastano i radicali liberi e proteggono la corteccia cerebrale. Le zucchine contengono le vitamine del gruppo B, note per essere un grande supporto per il sistema nervoso sia periferico che centrale. Questo piatto è ancora arricchito con il pomodoro, ricco di licopeni potentissimi anti-ossidanti, l’aglio che possiede la capacità di modulare la pressione arteriosa, fondamentale per mantenere il cervello con il corretto ed adeguato flusso sanguigno ed infine l’olio extra-vergine di oliva. Quest’ultimo elemento è alla base dell’alimentazione mediterranea che riducendo il colesterolo cattivo ed aumentando quello buono mantiene sane le arterie. Inoltre questo prezioso elemento contiene potenti antiossidanti come il tocoferolo (vitamina A) e tante vitamine del gruppo B”.

Un’ultima chicca?

“Una curiosità che sicuramente attrarrà i lettori viene dalle ultime ricerche scientifiche. Eravamo già a conoscenza della stretta relazione tra cervello e pelle, le ultime evidenze però hanno dimostrato che ciò che invecchia il cervello invecchia anche il resto del corpo, esponendoci quindi alle rughe che non piacciono a nessuno. Il mio intento è informare con semplicità e leggerezza e dare suggerimenti per mantenere in ottima salute corpo e mente”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tre tazze di tè al giorno allungano la vita
L'elisir di lunga vita esiste e si cela dentro tre tazze di tè al giorno. A dimostrarlo è uno studio condotto dalla Sichuan University di Chengdu, in Cina, e pubblicato sulla rivista The Lancet Regional Health – Western Pacific. I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 14.000 volontari britannici e cinesi e hanno rilevato che tre tazze di tè al giorno potrebbero rallentare l’invecchiamento biologico, grazie all'azione di diversi potenti composti
Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita
Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
Olimpiadi del Ringiovanimento, l’italiano Gian Marco Belardi entra nella rosa dei candidati. “Oggi il mio corpo è 6 anni più giovane della mia età anagrafica”
Intervista al giovane imprenditore romano Gian Marco Belardi, atleta della longevità, che è entrato nella rosa dei candidati di una particolare competizione in cui vince chi invecchia più lentamente
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...