Salute 28 Novembre 2018 18:47

«Con il menu funzionale, la pizza più volte a settimana non è più un tabù». Parola di Franco Pepe, il miglior pizzaiolo d’Italia

Grazie alla collaborazione di agronomi e nutrizionisti, la proposta di Pepe in Grani offre il giusto equilibrio tra proteine, carboidrati e lipidi, segue i criteri della dieta mediterranea e «non riempie solo la pancia, ma fa anche star bene»

«Con il menu funzionale, la pizza più volte a settimana non è più un tabù». Parola di Franco Pepe, il miglior pizzaiolo d’Italia

Una pizza che fa bene e che può essere mangiata più volte alla settimana non è più un sogno. Se la prepara il miglior pizzaiolo d’Italia, poi, il risultato supera ogni possibile visione onirica. L’artigiano della pizza Franco Pepe, come si definisce più volte nel corso del nostro incontro, è Ambasciatore della Dieta Mediterranea nel mondo, e la sua pizzeria “Pepe in Grani” di Caiazzo è stata premiata per due anni consecutivi con il primo posto da 50 Top Pizza. Il segreto? Unire bontà a salute, affiancando al pizzaiolo altre figure professionali, come agronomi e nutrizionisti, che consentano di scegliere le materie prime migliori e seguire i criteri di una sana alimentazione, offrendo il giusto apporto nutraceutico. Così è nato il menu funzionale.

«Volevo sdoganare l’idea che la pizza fosse uno sgarro alla dieta – spiega Pepe, intervenuto all’Andro Day per discutere della salute dell’uomo -, che si possa mangiare solo una volta a settimana. L’obiettivo era fare una pizza nel modo giusto, buona e salutare, da mangiare anche 2 o 3 volte alla settimana. Abbiamo quindi estrapolato dal menù di Pepe in Grani dieci pizze in cui abbiamo portato in equilibrio proteine, carboidrati e lipidi. Dove non c’è l’acquisizione delle fibre, ad esempio, la pizza è più piccola e arriva con una ciotola di erbe spontanee».

LEGGI ANCHE: PASTA DAY, I TRUCCHI DELL’ENDOCRINOLOGA PER UNA SPAGHETTATA SENZA RIMORSI: «COSIì NON FA INGRASSARE E RENDE FELICI»

«Abbiamo quindi questo piccolo menu – prosegue -, il menu funzionale, con la proposta della pizza, la tabella dei valori nutrizionali, la tabella degli allergeni ed i consigli di un sommelier sugli abbinamenti del vino o della birra per ogni tipologia di pizza».

Una pizza «ragionata», quindi, in un menu «equilibrato», in cui si uniscono la creatività dell’artigiano pizzaiolo, che assicura «il buono», e le competenze di figure con una formazione tecnico-scientifica ad hoc, che garantiscono «il sano». Il tutto «lavorando secondo i criteri della dieta mediterranea», come spiega Pepe. Fondamentale allora non solo la scelta delle materie prime, ma anche il modo in cui le si utilizza e come «le si ripone nell’impasto». Anche a costo di mettere in discussione la tradizione: ad esempio «riducendo il panetto da 250 grammi a 190-200 grammi».

Una proposta «molto aperta che dà la possibilità di variare nella scelta e di alimentarsi con continuità con il giusto apporto nutraceutico». Equilibrio, qualità e giusti abbinamenti per la massima digeribilità del prodotto e «una pizza che non deve solo riempire la pancia, ma deve far stare bene». E no, non è un sogno.

LEGGI ANCHE: BIMBI E ALIMENTAZIONE, VALENTINI (PEDIATRA): «LA PRIMA COLAZIONE È D’OBBLIGO. SI ALLE PROTEINE VEGETALI, NO A TROPPI EXTRA-PASTO»

Articoli correlati
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Donne e Tiroide: novità terapeutiche con il myo-inositolo
Intervista del prof. Maurizio Nordio in vista del Congresso congiunto della Società italiana di Fitoterapia e integratori Ostetricia e ginecologia (SIFIOG) e International Society of Dietary Supplements and Phitotherapy (ISDP) che si terrà a Roma il prossimo 10 e 11 giugno presso lo spazio Frentani
Se il paziente ha dei dubbi, Eric risponde
Costamagna (chirurgo endoscopico digestivo): «Eric è uno strumento di Intelligenza Artificiale conversazionale. Siamo il primo ospedale in Italia ad aver introdotto questa tipologia di tecnologia in ambito endoscopico». Entro il 2025 il mercato globale degli assistenti virtuali potrebbe superare i 3 miliardi di dollari
Colonscopia, anche per vegani una dieta senza sacrifici
«In accordo con i nutrizionisti, abbiamo redatto una serie di consigli specifici per vegani e vegetariani, con diete a bassissimo contenuto di fibre, che ci hanno consentito, di avere ottime preparazioni intestinali i cui valori sono pari a quelle dei pazienti che hanno assunto le preparazioni riportate nelle linee guida internazionali» spiega Luca Pecchioli, responsabile del Servizio di Endoscopia Digestiva dell’INI di Grottaferrata
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...