Salute 7 Ottobre 2019 15:52

Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»

«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»

«I Big Data devono essere d’aiuto e supporto per la prevenzione. Gli stili di vita rappresentano il 30% delle cause di mortalità per tumore, il fumo da solo il 33% e l’ambiente lavorativo il 5%». Dalle indagini e analisi di Enrico Desideri (Presidente Fondazione ISS) emerge che i Big Data possono essere utili alla ricerca per avere una visione globale dello stato di salute della popolazione di una singola regione o città.

«Lo studio è nato da un’indagine epidemiologica del 2010 che ha dimostrato come le sottopopolazioni non istruite, più povere e a basso reddito vivevano molto meno e costavano di più al SSN» ha spiegato Desideri a margine della tre giorni Big Data in Health che si è svolta recentemente al Consiglio nazionale delle ricerche di Roma. «In realtà – ha continuato ai nostri microfoni il presidente della Fondazione ISS – se seguiti bene i cittadini vivono di più meglio, si ammalano meno e diminuiscono i costi per il sistema».

«I dati sanitari fanno parte di un complesso di nuove informazioni che siamo soliti chiamare Big Data – ha aggiunto l’avvocato Alberto Improda (Studio legale Improda) intervistato da Sanità Informazione – la loro tutela dati passa per l’utilizzo di strumenti tradizionali in ambito giuridico che necessitano di un adattamento e di un’evoluzione per essere conforme rispetto alla specificità di questa realtà così innovativa e inesplorata».

Un supporto al nuovo Regolamento europeo per coniugare il diritto alla salute con il diritto alla privacy, può arrivare dalla tecnologia Blockchain, che traccia e registra i dati in maniera sicura e attendibile. «La Blockchain è una realtà estremante interessante e ancora in piena evoluzione le cui applicazioni pratiche si stanno moltiplicando di settimana in settimana. Certamente – ha sostenuto l’avvocato Improda – in questo ambito può essere una risorsa particolarmente preziosa, perché presenta caratteristiche perfettamente consone alle esigenze del mondo sanitario: l’immodificabilità, la certezza e anche il rapporto di fiducia che sottintende all’intero sistema Blockchain».

Nella prevenzione e tutela della salute pubblica un grande ruolo è svolto dall’ambiente in cui si vive e lavora: «In generale – ha ricordato Desideri – le aree urbane come Roma espongono i cittadini a inquinanti ambientali inusitati: pensiamo agli idrocarburi che escono dai vecchi diesel. In più, c’è, nuovamente, un’emergenza rifiuti. Ricordo a tutti – ha specificato – che i rifiuti sono un pablum di crescita straordinaria per i batteri, soprattutto quelli a trasmissione oro-fecale. Chi non ha sentito parlare del New Delhi? A noi sani non ci succede niente, ma ci sono quei pazienti anziani e vulnerabili che possono morire per questa esposizione. Per questo, il tema dell’ambiente di vita e di lavoro deve essere nel centro delle politiche del sistema pubblico sanitario» ha concluso.

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
Tumori e adroterapia, il progetto (italiano) per la costruzione di un Gantry da 20 milioni
Il Professor Lucio Rossi dell’Università degli Studi di Milano, tra i principali esperti di fisica sperimentale delle particelle applicata all'ambito medico, spiega a Sanità Informazione in cosa consiste il progetto che permetterà cure più facili e meno costose su pazienti fragili come bambini e donne in gravidanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 ottobre, sono 244.073.373 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.954.951 i decessi. Ad oggi, oltre 6,83 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?