Salute 7 Ottobre 2019

Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»

«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»

«I Big Data devono essere d’aiuto e supporto per la prevenzione. Gli stili di vita rappresentano il 30% delle cause di mortalità per tumore, il fumo da solo il 33% e l’ambiente lavorativo il 5%». Dalle indagini e analisi di Enrico Desideri (Presidente Fondazione ISS) emerge che i Big Data possono essere utili alla ricerca per avere una visione globale dello stato di salute della popolazione di una singola regione o città.

«Lo studio è nato da un’indagine epidemiologica del 2010 che ha dimostrato come le sottopopolazioni non istruite, più povere e a basso reddito vivevano molto meno e costavano di più al SSN» ha spiegato Desideri a margine della tre giorni Big Data in Health che si è svolta recentemente al Consiglio nazionale delle ricerche di Roma. «In realtà – ha continuato ai nostri microfoni il presidente della Fondazione ISS – se seguiti bene i cittadini vivono di più meglio, si ammalano meno e diminuiscono i costi per il sistema».

«I dati sanitari fanno parte di un complesso di nuove informazioni che siamo soliti chiamare Big Data – ha aggiunto l’avvocato Alberto Improda (Studio legale Improda) intervistato da Sanità Informazione – la loro tutela dati passa per l’utilizzo di strumenti tradizionali in ambito giuridico che necessitano di un adattamento e di un’evoluzione per essere conforme rispetto alla specificità di questa realtà così innovativa e inesplorata».

Un supporto al nuovo Regolamento europeo per coniugare il diritto alla salute con il diritto alla privacy, può arrivare dalla tecnologia Blockchain, che traccia e registra i dati in maniera sicura e attendibile. «La Blockchain è una realtà estremante interessante e ancora in piena evoluzione le cui applicazioni pratiche si stanno moltiplicando di settimana in settimana. Certamente – ha sostenuto l’avvocato Improda – in questo ambito può essere una risorsa particolarmente preziosa, perché presenta caratteristiche perfettamente consone alle esigenze del mondo sanitario: l’immodificabilità, la certezza e anche il rapporto di fiducia che sottintende all’intero sistema Blockchain».

Nella prevenzione e tutela della salute pubblica un grande ruolo è svolto dall’ambiente in cui si vive e lavora: «In generale – ha ricordato Desideri – le aree urbane come Roma espongono i cittadini a inquinanti ambientali inusitati: pensiamo agli idrocarburi che escono dai vecchi diesel. In più, c’è, nuovamente, un’emergenza rifiuti. Ricordo a tutti – ha specificato – che i rifiuti sono un pablum di crescita straordinaria per i batteri, soprattutto quelli a trasmissione oro-fecale. Chi non ha sentito parlare del New Delhi? A noi sani non ci succede niente, ma ci sono quei pazienti anziani e vulnerabili che possono morire per questa esposizione. Per questo, il tema dell’ambiente di vita e di lavoro deve essere nel centro delle politiche del sistema pubblico sanitario» ha concluso.

Articoli correlati
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
Clausola di esclusività, in partenza i primi ricorsi. Avv. Galiano: «È una componente fissa, ingiuste le diminuzioni per chi è in ferie o malattia»
Le richieste di risarcimento vengono curate da Consulcesi & Partners in collaborazione con lo studio “De Berardinis e Mozzi”, inserito da Forbes tra i 100 studi legali più importanti d’Italia
Blockchain sempre più richiesta dalle aziende, nascono nuove figure professionali dedicate
Link Campus University e Consulcesi Tech e lanciano il primo MBA in Blockchain riconosciuto da Aja Europe
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...