Salute 2 Ottobre 2019 14:19

Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»

«Per stare bene non si può prescindere dall’ambiente in cui si vive e dagli stili di vita che si adottano» così Antonio Scala, organizzatore della conferenza internazionale sulle opportunità aperte dai Big Data in ambito medico e sanitario che si sta svolgendo al Cnr di Roma. Sanità informazione media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi

Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»

Sapere quali sono le vere minacce sanitarie del futuro, individuare la risposta a malattie gravi come il cancro o l’Alzheimer, conoscere i mezzi necessari per rendere il nostro Sistema Sanitario Nazionale più efficiente e il modo in cui i cambiamenti climatici e l’ambiente stanno influenzando la nostra salute. Tutte le risposte alle più urgenti domande di salute potrebbero nascondersi dietro ai Big data, le cui potenzialità non sono ancora state del tutto sfruttate. È questo il messaggio lanciato dalla Conferenza Big Data in Health 2019, che si svolge a Roma dal 2 al 4 ottobre a Roma, presso il CNR (Consiglio nazionale delle ricerche) organizzata dalla Big Data in Health Society con la collaborazione del Cnr, dell’Istituto Superiore di Sanità, del Campus Biomedico e dall’Università di Salerno che vede la partecipazione della nostra testata come media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi.

Lo scopo del congresso è allargare la conoscenza dei dati sanitari dei cittadini: infatti, non basta sapere quali farmaci assumono ma bisogna anche capire in che ambiente vivono e quali sono gli stili di vita che hanno – sostiene il professor Antonio Scala, ricercatore Cnr e organizzatore del congresso -. La cosa interessante è che iniziano a esserci database anche sui nostri stili di vita; per questo, abbiamo bisogno del supporto delle persone: devono dirci come vivono, cosa mangiano e cosa fanno. Tutto questo – prosegue – serve per migliorare la sanità, spiegare ai cittadini come vivere meglio e capire quali sono gli interventi sanitari da attuare e come allocare le risorse. È importante stare bene in salute e i dati ci possono aiutare» specifica Scala. L’analisi dei dati permette di comprendere e essere consapevoli che alcune patologie sono collegate a stili di vita non sani o a fattori ambientali, e suggerire nuove strategie di prevenzione e cura.

LEGGI ANCHE: BIG DATA IN HEALTH 2019, PARTE A ROMA LA TRE GIORNI DEDICATA. ECCO COME QUESTA MOLE DI DATI MIGLIORERA’ ASSISTENZA E CURE

La conferenza è strutturata su tre giornate: oggi si parlerà di dati sanitari, ambiente stili di vita e salute. «Domani ci occuperemo della tutela della privacy che può scontrarsi con il diritto alla salute – spiega il professor Scala – è un argomento delicato perché si rischia a livello legislativo di fare delle leggi ben strutturate con basi solide di giurisprudenza ma che non riescano a cogliere tutte le conseguenze in altri ambiti. Viviamo in un mondo interconnesso e bisogna cercare di capire cosa si rischia di colpire cercando di fare interventi giusti e mirati» conclude il professor Scala.

Articoli correlati
Risk Management in sanità, ecco le priorità nel post pandemia
Nel webinar organizzato da Big Data in Health Society emerge l’esigenza di promuovere consapevolezza sull’importanza dei dati nella gestione del rischio
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
Tra presente e futuro, ecco l’impatto dei dati (e del loro utilizzo) nel SSN
Alla luce dell’esperienza Covid, il webinar organizzato da Big Data Health Society accende i riflettori sull’importanza dei processi di gestione del dato per costruire una sanità migliore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano