Salute 2 Ottobre 2019

Big Data in Health 2019, Antonio Scala (CNR): «I dati sullo stile di vita decisivi per la nostra salute»

«Per stare bene non si può prescindere dall’ambiente in cui si vive e dagli stili di vita che si adottano» così Antonio Scala, organizzatore della conferenza internazionale sulle opportunità aperte dai Big Data in ambito medico e sanitario che si sta svolgendo al Cnr di Roma. Sanità informazione media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi

Immagine articolo

Sapere quali sono le vere minacce sanitarie del futuro, individuare la risposta a malattie gravi come il cancro o l’Alzheimer, conoscere i mezzi necessari per rendere il nostro Sistema Sanitario Nazionale più efficiente e il modo in cui i cambiamenti climatici e l’ambiente stanno influenzando la nostra salute. Tutte le risposte alle più urgenti domande di salute potrebbero nascondersi dietro ai Big data, le cui potenzialità non sono ancora state del tutto sfruttate. È questo il messaggio lanciato dalla Conferenza Big Data in Health 2019, che si svolge a Roma dal 2 al 4 ottobre a Roma, presso il CNR (Consiglio nazionale delle ricerche) organizzata dalla Big Data in Health Society con la collaborazione del Cnr, dell’Istituto Superiore di Sanità, del Campus Biomedico e dall’Università di Salerno che vede la partecipazione della nostra testata come media partner dell’evento con approfondimenti, interviste e contributi.

Lo scopo del congresso è allargare la conoscenza dei dati sanitari dei cittadini: infatti, non basta sapere quali farmaci assumono ma bisogna anche capire in che ambiente vivono e quali sono gli stili di vita che hanno – sostiene il professor Antonio Scala, ricercatore Cnr e organizzatore del congresso -. La cosa interessante è che iniziano a esserci database anche sui nostri stili di vita; per questo, abbiamo bisogno del supporto delle persone: devono dirci come vivono, cosa mangiano e cosa fanno. Tutto questo – prosegue – serve per migliorare la sanità, spiegare ai cittadini come vivere meglio e capire quali sono gli interventi sanitari da attuare e come allocare le risorse. È importante stare bene in salute e i dati ci possono aiutare» specifica Scala. L’analisi dei dati permette di comprendere e essere consapevoli che alcune patologie sono collegate a stili di vita non sani o a fattori ambientali, e suggerire nuove strategie di prevenzione e cura.

LEGGI ANCHE: BIG DATA IN HEALTH 2019, PARTE A ROMA LA TRE GIORNI DEDICATA. ECCO COME QUESTA MOLE DI DATI MIGLIORERA’ ASSISTENZA E CURE

La conferenza è strutturata su tre giornate: oggi si parlerà di dati sanitari, ambiente stili di vita e salute. «Domani ci occuperemo della tutela della privacy che può scontrarsi con il diritto alla salute – spiega il professor Scala – è un argomento delicato perché si rischia a livello legislativo di fare delle leggi ben strutturate con basi solide di giurisprudenza ma che non riescano a cogliere tutte le conseguenze in altri ambiti. Viviamo in un mondo interconnesso e bisogna cercare di capire cosa si rischia di colpire cercando di fare interventi giusti e mirati» conclude il professor Scala.

Articoli correlati
Rapporto OSSFOR, Berni (Rete Toscana): «Assistenza farmaceutica e ricoveri ospedalieri maggior spesa per malati rari»
«Il Dpcm sui nuovi Lea non ci ha colto impreparati: la maggior parte dei nuovi codici di esenzione erano già entrati nei nostri Lea aggiuntivi regionali. Un vantaggio per i pazienti e la programmazione sanitaria» così la Responsabile della Rete Malattie Rare Toscana Cecilia Berni a Sanità Informazione
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Dal “British Medical Journal” l’appello per una nuova visione della medicina
Sono pediatri, epidemiologi e scienziati di fama gli autori dell’appello internazionale pubblicato lo scorso 7 novembre sulle pagine del “British Medical Journal” rivolto a medici e scienziati di tutto il mondo per invertire la rotta nella direzione della prevenzione primaria: smettere di “fare la conta” dei malati e fornire ai decisori, in tempo reale, le […]
Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»
Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo