Salute 6 Giugno 2019

Filiera del farmaco, Mandelli (FOFI): «Vigilanza e collaborazione con i Nas per la lotta ai farmaci contraffatti. Ma ben venga la blockchain»

Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani sottolinea: «La nostra filiera è sicura ma tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi»

La filiera del farmaco in Italia è considerata sicura. Tuttavia, il problema dei farmaci contraffatti riguarda tutta l’Europa e l’Italia non è immune: secondo dati recentemente pubblicati dal Sole 24 Ore, i produttori e la filiera del farmaco perdono ogni anno qualcosa come 17 miliardi di euro in Europa e circa 2 miliardi in Italia per questo problema che, nella Ue, costa 90mila posti di lavoro nella filiera del farmaco. Un problema che può essere risolto in via definitiva con la blockchain, la ‘catena dei blocchi’ che traccia in modo indelebile tutto. Basta inserire un QR code sulla confezione e il farmaco risulta tracciato dall’inizio alla fine, quindi tutti possono sapere se è l’originale o una contraffazione. Ne abbiamo parlato con Andrea Mandelli, deputato di Forza Italia e presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani. «I nostri quattro punti per la sicurezza sono la collaborazione con il ministero della Salute, quella con i Nas, la vigilanza assoluta e la sensibilizzazione con i nostri iscritti. Ma naturalmente ben vengano le nuove tecnologie».

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN A STRISCIA LA NOTIZIA, MARCO CAMISANI CALZOLARI SPIEGA AGLI ITALIANI LA TECNOLOGIA DEL FUTURO (ANCHE PER LA SALUTE…)

Presidente, le nuove tecnologie possono cambiare la sanità italiana. Una di queste è la blockchain che riguarda anche il mondo della farmaceutica. Per esempio un’applicazione possibile è quella sulla sicurezza della filiera del farmaco. Lei pensa che la tecnologia possa davvero rivoluzionare questo mondo?

«Indubbiamente noi viviamo una realtà diversa da quella che possiamo riscontrare in altri Paesi dove già di per sé la filiera della farmaceutica è una filiera sicura, non abbiamo fenomeni preoccupanti. Però è chiaro che tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi. Questi confronti ci fortificano per cercare di mantenere sempre una distribuzione controllata e cercando sempre di più di dare il miglior servizio ai cittadini e la politica deve cominciare a farlo».

Cosa fa la Federazione degli Ordini dei Farmacisti per garantire la sicurezza della filiera?

«Abbiamo cominciato una collaborazione a suo tempo con i Nas con tutti i progetti che sempre abbiamo portato avanti accompagnata dalla certezza che i farmacisti sono sentinella del territorio e della legalità. In questo caso può essere utile per cercare di combattere il fenomeno della contraffazione. La Federazione è da sempre al fianco delle forze dell’Ordine, noi siamo Enti di diritto pubblico sussidiari dello Stato, in questo senso l’essere a disposizione dello Stato è esattamente il completamento della nostra missione, garantire la qualità del servizio ai cittadini e essere al fianco dello Stato per fare in maniera che i cittadini abbiano sempre il miglior servizio. Collaborazione con il ministero, collaborazione con i Nas, vigilanza assoluta e sensibilizzazione con i nostri iscritti: queste sono le nostre tre linee programmatiche che abbiamo da sempre».

LEGGI ANCHE: DIMINUISCONO LE RAPINE IN FARMACIA, CONTARINA: “DATI REALI MA NON SOTTOVALUTARE I FURTI NOTTURNI”

Articoli correlati
Covid-19, Ema autorizza trattamento con antivirale remdesivir
L’Agenzia europea del farmaco ha espresso il via libera per adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con polmonite da Sars-Cov-2 che richiedono ossigeno supplementare
Covid-19: farmaco antiepatite C potrebbe bloccare il virus. L’intuizione e gli studi iniziali a Napoli e Caserta
In base ad osservazioni cliniche preliminari l’assunzione di una compressa che contiene l’associazione precostituita di due principi attivi sofosbuvir/velpatasvir bloccherebbe la replicazione del Sars-CV-2. Vediamo come con Antonio Izzi, infettivologo del Cotugno di Napoli, e Vincenzo Messina, infettivologo del S. Anna e San Sebastiano di Caserta
Crisi Covid-19, Consulcesi Tech: «Per ripartire puntare su Blockchain e Finanza decentralizzata»
Pacini Battaglia, Consulcesi Tech: «Più trasparenza, decentralizzazione e rapidità di esecuzione per attraversare il momento attuale»
Novara, accordo Comune – Ordine farmacisti: consegna gratuita mascherine in farmacia
Le mascherine sono in fase di distribuzione alle farmacie della città le quali, attraverso un applicativo realizzato da CSI-Piemonte ed utile per la scansione della tessera sanitaria provvederanno alla consegna delle stesse ai cittadini
COVID-19, AIFA sospende l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina per il trattamento al di fuori degli studi clinici
«Nuove evidenze cliniche nei soggetti con infezione da SARS-CoV-2 indicano un aumento di rischio per reazioni avverse a fronte di benefici scarsi o assenti. Per tale ragione, l’AIFA sospende l’autorizzazione all’utilizzo di idrossiclorochina al di fuori degli studi clinici, sia in ambito ospedaliero che in ambito domiciliare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)