Salute 6 Giugno 2019

Filiera del farmaco, Mandelli (FOFI): «Vigilanza e collaborazione con i Nas per la lotta ai farmaci contraffatti. Ma ben venga la blockchain»

Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani sottolinea: «La nostra filiera è sicura ma tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi»

La filiera del farmaco in Italia è considerata sicura. Tuttavia, il problema dei farmaci contraffatti riguarda tutta l’Europa e l’Italia non è immune: secondo dati recentemente pubblicati dal Sole 24 Ore, i produttori e la filiera del farmaco perdono ogni anno qualcosa come 17 miliardi di euro in Europa e circa 2 miliardi in Italia per questo problema che, nella Ue, costa 90mila posti di lavoro nella filiera del farmaco. Un problema che può essere risolto in via definitiva con la blockchain, la ‘catena dei blocchi’ che traccia in modo indelebile tutto. Basta inserire un QR code sulla confezione e il farmaco risulta tracciato dall’inizio alla fine, quindi tutti possono sapere se è l’originale o una contraffazione. Ne abbiamo parlato con Andrea Mandelli, deputato di Forza Italia e presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani. «I nostri quattro punti per la sicurezza sono la collaborazione con il ministero della Salute, quella con i Nas, la vigilanza assoluta e la sensibilizzazione con i nostri iscritti. Ma naturalmente ben vengano le nuove tecnologie».

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN A STRISCIA LA NOTIZIA, MARCO CAMISANI CALZOLARI SPIEGA AGLI ITALIANI LA TECNOLOGIA DEL FUTURO (ANCHE PER LA SALUTE…)

Presidente, le nuove tecnologie possono cambiare la sanità italiana. Una di queste è la blockchain che riguarda anche il mondo della farmaceutica. Per esempio un’applicazione possibile è quella sulla sicurezza della filiera del farmaco. Lei pensa che la tecnologia possa davvero rivoluzionare questo mondo?

«Indubbiamente noi viviamo una realtà diversa da quella che possiamo riscontrare in altri Paesi dove già di per sé la filiera della farmaceutica è una filiera sicura, non abbiamo fenomeni preoccupanti. Però è chiaro che tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi. Questi confronti ci fortificano per cercare di mantenere sempre una distribuzione controllata e cercando sempre di più di dare il miglior servizio ai cittadini e la politica deve cominciare a farlo».

Cosa fa la Federazione degli Ordini dei Farmacisti per garantire la sicurezza della filiera?

«Abbiamo cominciato una collaborazione a suo tempo con i Nas con tutti i progetti che sempre abbiamo portato avanti accompagnata dalla certezza che i farmacisti sono sentinella del territorio e della legalità. In questo caso può essere utile per cercare di combattere il fenomeno della contraffazione. La Federazione è da sempre al fianco delle forze dell’Ordine, noi siamo Enti di diritto pubblico sussidiari dello Stato, in questo senso l’essere a disposizione dello Stato è esattamente il completamento della nostra missione, garantire la qualità del servizio ai cittadini e essere al fianco dello Stato per fare in maniera che i cittadini abbiano sempre il miglior servizio. Collaborazione con il ministero, collaborazione con i Nas, vigilanza assoluta e sensibilizzazione con i nostri iscritti: queste sono le nostre tre linee programmatiche che abbiamo da sempre».

LEGGI ANCHE: DIMINUISCONO LE RAPINE IN FARMACIA, CONTARINA: “DATI REALI MA NON SOTTOVALUTARE I FURTI NOTTURNI”

Articoli correlati
Sclerosi multipla, Novartis annuncia approvazione da parte dell’UE di Mayzent
Novartis ha annunciato che la Commissione europea (CE) ha approvato Mayzent (siponimod) per il trattamento di pazienti adulti affetti da sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP) con malattia attiva evidenziata da recidive o caratteristiche di imaging indicanti attività infiammatoria. Sebbene la progressione della sclerosi multipla sia diversa per ogni paziente, fino all’80% dei pazienti con SM recidivante-remittente […]
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
Farmacie, Sala (Lombardia): «Nel futuro garantiranno sempre più servizi». Mandelli (FOFI): «Rilanciare professione nel cuore degli italiani»
A FarmacistaPiù, che si è svolto al Mi.Co. di Milano, si è parlato della farmacia che verrà. Il vicepresidente della Regione Lombardia ricorda: «Nel settore delle innovazioni già è in campo il servizio elettronico e la collaborazione con tutte le farmacie»
di Federica Bosco
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...