Federfarma 29 Maggio 2019

Diminuiscono le rapine in farmacia, Contarina: “Dati reali ma non sottovalutare i furti notturni”

I numeri relativi alle rapine nelle farmacie italiane sono in calo, almeno per quanto riguarda gli ultimi 9 mesi. Si tratta di un decremento che però non si è verificato in maniera costante: dopo una crescita iniziale del numero di reati e fino al picco raggiunto nel 2013 con 1.256 rapine, vi è stata poi […]

I numeri relativi alle rapine nelle farmacie italiane sono in calo, almeno per quanto riguarda gli ultimi 9 mesi. Si tratta di un decremento che però non si è verificato in maniera costante: dopo una crescita iniziale del numero di reati e fino al picco raggiunto nel 2013 con 1.256 rapine, vi è stata poi un’inversione di tendenza, con un costante calo dei reati fino al valore minimo raggiunto proprio nel 2017 con 677 rapine. È quanto verificato dal Rapporto Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria 2018, redatto, tra gli altri, dal ministero degli Interni, ABI, Ossif e Federfarma.

«Siamo soddisfatti di questi numeri – ha assicurato a Filodiretto il presidente di Federfarma Roma e vicepresidente nazionale, Vittorio Contarina – e confermo che anche a Roma le rapine a mano armata in farmacia sono diminuite. Posso dire, infatti, che anche per quanto mi riguarda, dopo essere stato preso di mira per circa 40 volte, la situazione è andata migliorando. È una buona notizia, dunque, sia per chi lavora in farmacia, che per i cittadini che non si trovano costretti a vivere un’esperienza non certo piacevole. Una contrazione, quella delle rapine, che ha sicuramente risentito favorevolmente dell’operato di Federfarma Roma e della Federfarma nazionale».

Un dato però non è da sottovalutare. E cioè, che sebbene siano calate le rapine, sono in aumento i furti notturni. «Ricordo – aggiunge Contarina – quella che ormai è stata ribattezzata la ‘banda del buco’ che svaligia le farmacie romane senza tregua. È una situazione preoccupante e non più accettabile, visto che produce danni economici non indifferenti oltre che minare la sicurezza sanitaria mettendo in circolo medicinali di cui si perde la tracciabilità. Chiediamo alle forze dell’Ordine e alle istituzioni un maggiore sforzo per essere al nostro fianco, anche in considerazione del fatto che avendo il furto una pena meno severa della rapina a mano armata, spinge queste persone a delinquere con più facilità. L’appello ai colleghi, invece, è quello di togliere l’incasso giornaliero dalle casse automatiche così da non incentivare questo tipo di furti».

Articoli correlati
Sassari, il 21-22 settembre FOFI riunisce i farmacisti sardi
Due giorni di confronto e approfondimento per i farmacisti di tutta la Sardegna, ma anche l’occasione per tributare il dovuto riconoscimento ai colleghi che hanno toccato il traguardo di 50 e 60 anni di attività professionale e per conferire il “Caduceo d’oro” – massimo riconoscimento attribuito dagli Ordini dei Farmacisti alle personalità che si sono […]
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Auguri al neoministro Speranza e al nuovo Governo
“Al neoministro della Salute Roberto Speranza le mie più vive congratulazioni e auguri di buon lavoro. Le sfide da affrontare per salvaguardare la sostenibilità e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale, da una parte, e il ruolo svolto dalle farmacie sul territorio, dall’altra, sono molte: dal rinnovo della Convenzione – che deve essere portato a compimento, […]
di Marco Cossolo - Presidente Federfarma
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web
Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali