Salute 15 Giugno 2022 17:23

Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»

Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell’ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell’Unione Europea

Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»

«La pandemia da Covid-19 ha evidenziato la necessità di mettere a punto interventi normativi per garantire a tutti i cittadini europei un equo accesso a farmaci sicuri, efficaci e di qualità. Questo aspetto è strettamente legato al tema delle carenze di farmaci, inasprite dalla pandemia, e alla necessità di razionalizzare lo smaltimento dei farmaci per prevenire l’insorgere di problematiche ambientali e di salute pubblica». A parlare è il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia, che ha presieduto il simposio annuale del PGEU (raggruppamento dei farmacisti territoriali europei), che si è tenuto oggi a Roma.

Necessario ridurre la dipendenza dell’UE da importazione di principi attivi

«Per affrontare correttamente tutte queste problematiche, è necessario ridurre la dipendenza dell’UE dall’importazione di principi attivi da terze parti, aumentandone la produzione in Europa e sostenendo l’innovazione tecnologica nell’industria farmaceutica europea», dice Tobia. «Garantire un equo accesso ai farmaci significa anche affrontare altre problematiche importanti, come lo sviluppo di farmaci per patologie rare che ad oggi non hanno una cura specifica, la lotta contro il cancro e il contrasto alla resistenza anti-microbica». Nel secondo panel si è affrontata invece la questione di come offrire ai pazienti informazioni autorevoli, efficaci ed oggettive sui farmaci.

Tobia: «Il paziente ha diritto a informazioni aggiornate ed obiettive sui farmaci»

«I pazienti rivestono un ruolo sempre più attivo: in questi anni è cresciuto significativamente l’interesse dei cittadini su tutti i temi riguardanti la salute e sono aumentate la consapevolezza e volontà di acquisire informazioni dettagliate sulla propria salute, conoscere quali farmaci sono disponibili, perché sono stati approvati e come viene monitorata la loro efficacia», riferisce Tobia. «Il diritto del paziente di acquisire informazioni sui farmaci è espressamente riconosciuto dalla Commissione europea, per questo dobbiamo assicurarci che tali informazioni siano accurate, supportate da evidenze scientifiche, aggiornate ed obiettive. Questo è importante per contrastare le informazioni che circolano incontrollate attraverso Internet», aggiunge.

Introdurre nella regolamentazione europea le Real World Evidence

Un altro tema del simposio è stato quello dell’implementazione dei dati del mondo reale nella nuova regolamentazione europea sui farmaci. «Introdurre l’utilizzo delle ‘Real World Evidence‘ nella messa a punto di interventi normativi sullo sviluppo, autorizzazione e supervisione dei farmaci in Europa sarà di grande importanza per la ricerca e lo sviluppo di nuovi medicinali di qualità», sottolinea Tobia. «La raccolta e l’utilizzo di Real World Evidence richiede la collaborazione e le competenze di tutti gli stakeholder, inclusi i pazienti, i professionisti della salute, l’industria, i legislatori, le Istituzioni anche accademiche, gli organismi di valutazione delle nuove tecnologie», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene
Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l'infiammazione dell'appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
Pagamenti in nero: aumenta corruzione in Europa, ma non in Italia
Tra mazzette e pagamenti in nero, aumenta la corruzione in sanità in tutta Europa. L'Italia, in controtendenza, registra un lieve calo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni