Salute 15 Giugno 2022 17:23

Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»

Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell’ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell’Unione Europea

Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»

«La pandemia da Covid-19 ha evidenziato la necessità di mettere a punto interventi normativi per garantire a tutti i cittadini europei un equo accesso a farmaci sicuri, efficaci e di qualità. Questo aspetto è strettamente legato al tema delle carenze di farmaci, inasprite dalla pandemia, e alla necessità di razionalizzare lo smaltimento dei farmaci per prevenire l’insorgere di problematiche ambientali e di salute pubblica». A parlare è il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia, che ha presieduto il simposio annuale del PGEU (raggruppamento dei farmacisti territoriali europei), che si è tenuto oggi a Roma.

Necessario ridurre la dipendenza dell’UE da importazione di principi attivi

«Per affrontare correttamente tutte queste problematiche, è necessario ridurre la dipendenza dell’UE dall’importazione di principi attivi da terze parti, aumentandone la produzione in Europa e sostenendo l’innovazione tecnologica nell’industria farmaceutica europea», dice Tobia. «Garantire un equo accesso ai farmaci significa anche affrontare altre problematiche importanti, come lo sviluppo di farmaci per patologie rare che ad oggi non hanno una cura specifica, la lotta contro il cancro e il contrasto alla resistenza anti-microbica». Nel secondo panel si è affrontata invece la questione di come offrire ai pazienti informazioni autorevoli, efficaci ed oggettive sui farmaci.

Tobia: «Il paziente ha diritto a informazioni aggiornate ed obiettive sui farmaci»

«I pazienti rivestono un ruolo sempre più attivo: in questi anni è cresciuto significativamente l’interesse dei cittadini su tutti i temi riguardanti la salute e sono aumentate la consapevolezza e volontà di acquisire informazioni dettagliate sulla propria salute, conoscere quali farmaci sono disponibili, perché sono stati approvati e come viene monitorata la loro efficacia», riferisce Tobia. «Il diritto del paziente di acquisire informazioni sui farmaci è espressamente riconosciuto dalla Commissione europea, per questo dobbiamo assicurarci che tali informazioni siano accurate, supportate da evidenze scientifiche, aggiornate ed obiettive. Questo è importante per contrastare le informazioni che circolano incontrollate attraverso Internet», aggiunge.

Introdurre nella regolamentazione europea le Real World Evidence

Un altro tema del simposio è stato quello dell’implementazione dei dati del mondo reale nella nuova regolamentazione europea sui farmaci. «Introdurre l’utilizzo delle ‘Real World Evidence‘ nella messa a punto di interventi normativi sullo sviluppo, autorizzazione e supervisione dei farmaci in Europa sarà di grande importanza per la ricerca e lo sviluppo di nuovi medicinali di qualità», sottolinea Tobia. «La raccolta e l’utilizzo di Real World Evidence richiede la collaborazione e le competenze di tutti gli stakeholder, inclusi i pazienti, i professionisti della salute, l’industria, i legislatori, le Istituzioni anche accademiche, gli organismi di valutazione delle nuove tecnologie», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Giornata Nazionale del Sollievo: farmacie confermano l’impegno contro il dolore inutile
Di Marco Cossolo, Presidente Federfarma nazionale
di Marco Cossolo, Presidente Federfarma nazionale
Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»
Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini può provocare problemi gastrointestinali. Ne parliamo con Indolfi (Meyer), che ha curato il bambino di Prato esaminato in via precauzionale per trapianto di fegato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...