Salute 5 Agosto 2020

Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»

«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Generare rapidamente evidenze cliniche che potessero consentire alle agenzie regolatorie e agli operatori sanitari di prendere decisioni ponderate è stata una delle principali esigenze emerse nell’ambito della ricerca scientifica durante la pandemia causata dal SARS-CoV-2. «E la Real World Evidence (RWE), creata tramite analisi accurata di Real World Data (RWD), è stata una delle risposte più veloci ed efficaci», spiega Gianluca Trifirò, professore associato del dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali presso l’Università degli Studi di Messina e coordinatore del Master di II livello sulle Valutazioni tramite Real World Data promosso dall’ateneo messinese

«In una situazione di emergenza sanitaria come quella che abbiamo vissuto – aggiunge – se avessimo utilizzato solo i trial clinici non avremmo avuto nessun risultato in tempi ragionevoli. Infatti gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, hanno già dato i propri frutti, mentre per avere il responso dei trial clinici avviati nello stesso periodo dovremo attendere ancora qualche mese».

REAL WORLD EVIDENCE, UN PO’ DI STORIA

La RWE negli ultimi dieci anni ha assunto un ruolo sempre più centrale nell’ambito delle decisioni regolatorie, come sancito con il “21st Century Cures Act” negli Usa, e confermato da diverse iniziative intraprese dall’Agenzia europea del farmaco e in parte da AIFA.

Questo ruolo si è affermato ancor di più, anche in Italia, nei mesi scorsi, confermando la sua utilità: «La RWE, generata dall’analisi dei dati del “Real World”, ovvero del mondo reale – aggiunge il professore – corrisponde nella maggior parte dei casi ai dati derivanti dai flussi in formato elettronico di servizi sanitari erogati ai cittadini e a quelli raccolti da operatori sanitari, medici di famiglia e specialisti tramite la cartella elettronica».

ESEMPI DI REAL WORLD EVIDENCE GENERATI DURANTE LA PANDEMIA

A  questi dati ha fatto riferimento anche la rete, nata spontaneamente a marzo 2020, per rispondere al quesito sul ruolo delle terapie croniche con ACE inibitori e sartani sull’andamento clinico e la prognosi dell’infezione da COVID-19, uno degli esempi migliori di esperienza RWE nel nostro Paese.

Nel concreto, il progetto ha coinvolto otto regioni e ha utilizzato un software comune (ShinISS) per l’analisi di dati per una serie di studi, come il rischio di sviluppare infezione da SARS-COV-2 o modificare prognosi in pazienti con COVID-19, associato ad uso pregresso di clorochina/idrossiclorochina in pazienti reumatici, di ACE inibitori/sartani in pazienti cardiopatici o di vaccini anti-influenzale, BCG e antipneumococcico nelle popolazioni fragili.

Altri esempi di utilizzo della Real World Evidence durante la fase più acuta della pandemia sono stati il progetto MOVID (Monitoraggio e valutazione dei livelli essenziali di assistenza nel corso dell’epidemia da COVID-19) o il progetto REMEDIO della Società Italiana di Farmacologia (SIF), studio nato con l’obiettivo di migliorare l’appropriatezza prescrittiva nell’ambito della medicina generale e ridurre il rischio di insorgenza di reazioni avverse da farmaci.

ATTENDIBILITÀ DEI RISULTATI

«Purtroppo durante la pandemia da COVID-19, a causa del grosso flusso di notizie e ricerche scientifiche, alcuni studi pubblicati anche su importanti riviste scientifiche internazionali sono stati poi ritirati per la loro scarsa attendibilità. Per evitare questi spiacevoli “incidenti” è necessario che si cimenti a condurre studi sui dati di RW solo chi ha acquisito le competenze necessarie», sottolinea Gianluca Trifirò.

«Ad aumentare l’affidabilità degli studi basati sulla RWE è la consistenza dei dati: se lo stesso studio è stato condotto in diverse parti del mondo, portando ad analoghi risultati, sarà sicuramente più attendibile di altri portati avanti da un unico team di ricerca».

REAL WORLD EVIDENCE O TRIAL CLINICO?

«Il trial clinico – sottolinea il docente -, durando in media alcuni mesi e non coprendo un arco temporale di uno o due anni, può difficilmente valutare gli effetti a lungo termine di un farmaco. In questo caso, uno studio di RWE può essere di grande aiuto. Così come lo sarà per comparare l’effetto di un numero elevato di farmaci: i trial clinici, di solito, paragonano l’effetto di una determinata terapia con quello placebo. È inverosimile che la casa farmaceutica produttrice investa del denaro per comparare il proprio farmaco con quelli prodotti da altri».

«Ancora, i dati del mondo reale ci permettono di valutare l’uso del farmaco così come avviene in pratica clinica, mentre le condizioni del trial clinico sono “ideali”, costruite ad arte dallo sperimentatore. Tuttavia, nonostante l’esistenza di linee guida per la realizzazione di studi di RWE, come accaduto anche nei mesi scorsi, i risultati ottenuti non sempre sono attendibili. Per questo – conclude il farmacologo – è necessario ampliare l’offerta formativa in materia, così che si dedichino a queste ricerche solo i professionisti altamente specializzati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...