Salute 5 Agosto 2020 10:10

Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»

«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»

di Isabella Faggiano
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»

Generare rapidamente evidenze cliniche che potessero consentire alle agenzie regolatorie e agli operatori sanitari di prendere decisioni ponderate è stata una delle principali esigenze emerse nell’ambito della ricerca scientifica durante la pandemia causata dal SARS-CoV-2. «E la Real World Evidence (RWE), creata tramite analisi accurata di Real World Data (RWD), è stata una delle risposte più veloci ed efficaci», spiega Gianluca Trifirò, professore associato del dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali presso l’Università degli Studi di Messina e coordinatore del Master di II livello sulle Valutazioni tramite Real World Data promosso dall’ateneo messinese

«In una situazione di emergenza sanitaria come quella che abbiamo vissuto – aggiunge – se avessimo utilizzato solo i trial clinici non avremmo avuto nessun risultato in tempi ragionevoli. Infatti gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, hanno già dato i propri frutti, mentre per avere il responso dei trial clinici avviati nello stesso periodo dovremo attendere ancora qualche mese».

REAL WORLD EVIDENCE, UN PO’ DI STORIA

La RWE negli ultimi dieci anni ha assunto un ruolo sempre più centrale nell’ambito delle decisioni regolatorie, come sancito con il “21st Century Cures Act” negli Usa, e confermato da diverse iniziative intraprese dall’Agenzia europea del farmaco e in parte da AIFA.

Questo ruolo si è affermato ancor di più, anche in Italia, nei mesi scorsi, confermando la sua utilità: «La RWE, generata dall’analisi dei dati del “Real World”, ovvero del mondo reale – aggiunge il professore – corrisponde nella maggior parte dei casi ai dati derivanti dai flussi in formato elettronico di servizi sanitari erogati ai cittadini e a quelli raccolti da operatori sanitari, medici di famiglia e specialisti tramite la cartella elettronica».

ESEMPI DI REAL WORLD EVIDENCE GENERATI DURANTE LA PANDEMIA

A  questi dati ha fatto riferimento anche la rete, nata spontaneamente a marzo 2020, per rispondere al quesito sul ruolo delle terapie croniche con ACE inibitori e sartani sull’andamento clinico e la prognosi dell’infezione da COVID-19, uno degli esempi migliori di esperienza RWE nel nostro Paese.

Nel concreto, il progetto ha coinvolto otto regioni e ha utilizzato un software comune (ShinISS) per l’analisi di dati per una serie di studi, come il rischio di sviluppare infezione da SARS-COV-2 o modificare prognosi in pazienti con COVID-19, associato ad uso pregresso di clorochina/idrossiclorochina in pazienti reumatici, di ACE inibitori/sartani in pazienti cardiopatici o di vaccini anti-influenzale, BCG e antipneumococcico nelle popolazioni fragili.

Altri esempi di utilizzo della Real World Evidence durante la fase più acuta della pandemia sono stati il progetto MOVID (Monitoraggio e valutazione dei livelli essenziali di assistenza nel corso dell’epidemia da COVID-19) o il progetto REMEDIO della Società Italiana di Farmacologia (SIF), studio nato con l’obiettivo di migliorare l’appropriatezza prescrittiva nell’ambito della medicina generale e ridurre il rischio di insorgenza di reazioni avverse da farmaci.

ATTENDIBILITÀ DEI RISULTATI

«Purtroppo durante la pandemia da COVID-19, a causa del grosso flusso di notizie e ricerche scientifiche, alcuni studi pubblicati anche su importanti riviste scientifiche internazionali sono stati poi ritirati per la loro scarsa attendibilità. Per evitare questi spiacevoli “incidenti” è necessario che si cimenti a condurre studi sui dati di RW solo chi ha acquisito le competenze necessarie», sottolinea Gianluca Trifirò.

«Ad aumentare l’affidabilità degli studi basati sulla RWE è la consistenza dei dati: se lo stesso studio è stato condotto in diverse parti del mondo, portando ad analoghi risultati, sarà sicuramente più attendibile di altri portati avanti da un unico team di ricerca».

REAL WORLD EVIDENCE O TRIAL CLINICO?

«Il trial clinico – sottolinea il docente -, durando in media alcuni mesi e non coprendo un arco temporale di uno o due anni, può difficilmente valutare gli effetti a lungo termine di un farmaco. In questo caso, uno studio di RWE può essere di grande aiuto. Così come lo sarà per comparare l’effetto di un numero elevato di farmaci: i trial clinici, di solito, paragonano l’effetto di una determinata terapia con quello placebo. È inverosimile che la casa farmaceutica produttrice investa del denaro per comparare il proprio farmaco con quelli prodotti da altri».

«Ancora, i dati del mondo reale ci permettono di valutare l’uso del farmaco così come avviene in pratica clinica, mentre le condizioni del trial clinico sono “ideali”, costruite ad arte dallo sperimentatore. Tuttavia, nonostante l’esistenza di linee guida per la realizzazione di studi di RWE, come accaduto anche nei mesi scorsi, i risultati ottenuti non sempre sono attendibili. Per questo – conclude il farmacologo – è necessario ampliare l’offerta formativa in materia, così che si dedichino a queste ricerche solo i professionisti altamente specializzati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riforma IRCCS: così cambia la ricerca sanitaria. Ma ancora lontana la stabilizzazione dei precari
Alla Camera il primo via libera in commissione Affari sociali, ora la legge delega è attesa in Aula. Per il riconoscimento degli IRCCS sarà data priorità al criterio di localizzazione territoriale. Sarà garantita la comprovata competenza e professionalità anche manageriale dei componenti degli organismi governo degli IRCCS pubblici e degli organi scientifici degli IRCCS privati
di Francesco Torre
Cancro, per i pazienti la ricerca è ancora un tabù: meno del 5% partecipa agli studi clinici
L’arruolamento nei protocolli di ricerca consente maggiori chance terapeutiche. Gori (ROPI): «Fondamentale aumentare l’informazione per pazienti e professionisti»
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...