Salute 13 Giugno 2022 17:29

Farmacie: dal 5 luglio attivo il servizio per scegliere medico di famiglia e pediatra di libera scelta

Letizia Moratti (Vicepresidente di Regione Lombardia) «Grazie a questo servizio si potranno abbattere i tempi di attesa». Annarosa Racca (Federfarma Lombardia) «Un servizio che i cittadini ci chiedevano da tempo»

Farmacie: dal 5 luglio attivo il servizio per scegliere medico di famiglia e pediatra di libera scelta

Con la farmacia dei servizi era stato previsto un ruolo sempre più centrale ai professionisti che durante gli ultimi due anni della pandemia da Covid erano stati spesso il primo punto di riferimento sul territorio per i cittadini. E così è stato. Dopo aver concesso ai farmacisti la possibilità di fare tamponi antigenici rapidi, vaccinazioni anti Covid e antinfluenzali, Regione Lombardia ha anche sottoscritto una convenzione con Federfarma Lombardia e Assofarm Confservizi Lombardia affinché i cittadini possano scegliere o revocare il medico di famiglia e il pediatra di libera scelta anche nelle farmacie lombarde. Il servizio approvato questa mattina dalla giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessore al welfare Letizia Moratti, sarà attivo a partire dal prossimo 5 luglio.

Riduzione dei tempi di attesa: una sperimentazione iniziata nel 2014 in 86 farmacie lo conferma

La decisione presa questa mattina è figlia di una sperimentazione iniziata nel 2014 in 86 farmacie ubicate in Brianza con esisti positivi in particolare per la riduzione dei tempi di attesa come ha sottolineato la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti: «Questo servizio sarà un’importante alternativa alla scelta che oggi si effettua nei vari uffici delle ASST. Attraverso le farmacie, che ringrazio per l’adesione, verrà facilitata la vita dei cittadini che avranno un servizio più vicino a casa e capillare sul territorio – ha detto la Moratti -. Una decisione convinta di Regione Lombardia che darà notevoli vantaggi e semplificazione delle modalità di accesso dei cittadini ai servizi sanitari e sociosanitari».

Anche per Federfarma Lombardia la decisione rappresenta un arricchimento: «Nell’ottica della farmacia dei servizi, questo nuovo incarico è una buona soluzione per i cittadini – ammette Annarosa Racca presidente Federfarma Lombardia -. In particolare, coloro che hanno poca dimestichezza con i sistemi informatici potranno trovare da noi una risposta alle loro esigenze. Infatti, era un servizio che ci chiedevano tutti, da molto tempo, e quindi il nostro ringraziamento, a nome dei cittadini, va all’assessore Moratti e a Regione Lombardia. La sperimentazione in corso nella provincia di Monza aveva già dato indicazioni di gradimento dei cittadini; quindi estenderla a tutta la regione non può che essere letta in chiave positiva».

Consulcesi Club: le migliori soluzioni per i professionisti sanitari

Formazione online con oltre 250 corsi ECM, assistenza legale in ambito civile, penale, lavorativo; servizi assicurativi; aggiornamento medico-scientifico; convenzioni esclusive. Attiva la prova gratuita di 30 giorni e inizia subito a usufruire dei vantaggi.

Scopri di più

4 milioni per la sperimentazione della farmacia dei servizi in Lombardia

La decisione di Regione Lombardia arriva all’indomani della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della delibera di assegnazione della quota di 25 milioni di euro a carico del servizio sanitario nazionale per la sperimentazione della farmacia dei servizi. Alla Regione guidata da Attilio Fontana spetteranno 4milioni e 750 mila euro destinati al finanziamento della sperimentazione dei nuovi servizi e funzioni assistenziali delle farmacie pubbliche e private operanti in convenzione con il servizio sanitario nazionale.

«Oltre ad essere una opportunità per i cittadini, il fatto che questo servizio sia stato affidato anche alle farmacie è un ulteriore passo in favore della collettività, in virtù della famosa legge che ha aperto la strada alla farmacia dei servizi che prevede prestazioni professionali, vaccinazioni ed ora anche scelta e revoca del medico di medicina generale. È in corso da anni il cambiamento – sottolinea Giuliano Masina di Confservizi Lombardia – una trasformazione epocale che dovrà portare le farmacie e i farmacisti a strutturarsi anche da un punto di vista operativo con nuovi spazi e personale. Quindi, se in un primo momento questo andrà a gravare sull’attività quotidiana dei singoli esercizi, col tempo la farmacia dovrà cambiare la sua natura per andare a rivestire un ruolo primario nella sanità territoriale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 novembre 2022, sono 642.871.819 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.633.645 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa