Salute 3 Giugno 2019

La blockchain a Striscia La Notizia, Marco Camisani Calzolari spiega agli italiani la tecnologia del futuro (anche per la salute…)

VIDEO | Dalla formazione medica alla patient satisfaction, l’esperto digitale di Canale 5 illustra i nuovi campi di applicazione della ormai celebre tecnologia della “catena a blocchi”. A Tirana l’evento Consulcesi con Marco Camisani Calzolari proprio su blockchain e formazione medica. E il 5 giugno a Milano appuntamento su blockchain e sanità all’Ordine dei Medici

La blockchain a Striscia La Notizia, Marco Camisani Calzolari spiega agli italiani la tecnologia del futuro (anche per la salute…)

Non solo sul web, la blockchain conquista la prima serata televisiva con il servizio andato in onda sul seguitissimo programma televisivo di Canale 5, Striscia La Notizia. È stato il coinvolgente e ironico racconto dell’esperto digitale Marco Camisani Calzolari, a far entrare nelle case di tutti gli italiani la nuova tecnologia che coniuga sicurezza e trasparenza, anche nel mondo della salute.

Ma che cos’è la blockchain? Come ha spiegato lo stesso Calzolari durante il servizio di Striscia La Notizia, si tratta di una tecnologia che permette la creazione e la gestione di banche dati super sicure. Come suggerisce il nome “block” ovvero blocchi e “chain” catena, questo tipo di database è strutturato in blocchi tra loro concatenati attraverso nodi di rete. Ogni nodo è chiamato a vedere, controllare e approvare tutte le transazioni creando una rete che permette la tracciabilità e l’immodificabilità di tutte le transazioni registrate ed entrate a far parte della catena.

Una tecnologia dalle grandi potenzialità anche per il settore della salute e della sanità: dalla sicurezza del dato sanitario alla tracciabilità dei farmaci, dalla certificazione delle competenze mediche all’aggiornamento dei sanitari. Ne è stata data prova di recente a Tirana in Albania, dove Consulcesi ha inaugurato la prima piattaforma mondiale per la formazione a distanza (FAD) che utilizza la tecnologia blockchain per certificare l’avvenuto aggiornamento professionale del medico. Proprio a Tirana lo stesso Camisani Calzolari ha entusiasmato la platea, composta dalle principali autorità sanitarie italiane e albanesi, con una presentazione dedicata ai vantaggi dell’e-learning su piattaforma blockchain. «Sapere chi mette le mani su di te – commenta l’inviato di Striscia La Notizia – è importante. Nel passato si faceva attraverso le conoscenze “è bravo? Lo conosci?”, ma oggi in un mondo sempre più veloce, sempre più distribuito, è necessario trovare sistemi più rapidi e più affidabili del semplice passaparola».

«La blockchain è la tecnologia del futuro – ha spiegato Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi a margine dell’evento di lancio della piattaforma, proprio al fianco di Marco Camisani Calzolari –, un po’ come è stato per il Web alla fine degli anni ’90. Questa tecnologia è destinata ad avere applicazioni incredibili nel settore dell’e-learning. Perché un conto è dire di aver fatto un determinato percorso formativo, di avere un certo curriculum, un’altra è dimostrare ogni fase del percorso di formazione, inclusa la veridicità del certificato. Nel sistema prevediamo infatti che anche il certificato non possa essere modificato, e quindi nel momento preciso in cui lo andiamo a sovrapporre al vero certificato ci possiamo rendere conto dell’originalità dello stesso».

Nondimeno la blockchain può rappresentare un importante passo in avanti per i camici bianchi anche nel contezioso medico-paziente. Una nuova applicazione per la tecnologia della catena a blocchi in tema sanitario sarà, infatti, presentata durante l’evento “Responsabilità professionale e arbitrato della salute. L’innovazione in sanità parte da Milano”, in programma il prossimo 5 giugno nel capoluogo lombardo.

Al centro del progetto che sarà illustrato dal General Manager IQVIA, Sergio Liberatore e sviluppato da Consulcesi Tech, hi-tech company specializzata nella blockchain e nella Cybersecurity, c’è la volontà di misurare la Patient Satisfaction. Si tratta di uno strumento innovativo per raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. La puntualità del servizio, l’efficacia della comunicazione, l’accessibilità della struttura, la qualità delle cure e la professionalità del personale saranno censiti e raccolti in un database condiviso da tutte le strutture per garantire analisi confrontabili nel pieno rispetto della privacy e validati dalla blockchain.

Sarà anche l’occasione per presentare un Disegno di legge ad hoc che si pone l’obiettivo di trovare una soluzione conciliativa, come già fatto con l’Arbitrato della Salute sviluppato dal network legale Consulcesi. «Questa iniziativa – sottolinea Francesco Del Rio, avvocato di Consulcesi & Partners – si prefigge lo scopo di veder istituito un organismo di diritto pubblico all’interno del quale tutti i soggetti, direttamente e indirettamente coinvolti da un caso di presunta responsabilità medica, sono posti nelle migliori condizioni per poter tutti fattivamente collaborare nella ricerca, con l’ausilio necessario delle migliori professionalità del mondo giudiziario, legale, medico-legale, assicurativo e psicologico, di una soluzione conciliativa condivisa e mitigante».

Articoli correlati
Una giornata in un Covid hotel di Milano, dove i posti stanno per terminare
All'hotel Baviera del gruppo Mokinba forze dell’ordine, operatori sanitari e senza tetto aspettano in isolamento la negatività al virus
di Federica Bosco
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
Aggressioni, l’allarme di Consulcesi: «Accendere riflettori anche su violenza operatori sanitari. Il 70% sono donne»
Il Presidente Massimo Tortorella: «Tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea». Telefono Rosso: la linea dedicata che risponde al numero 800.620.525
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli