Salute 13 Giugno 2019

Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»

A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l’occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia

Immagine articolo

La blockchain promette di rivoluzionare il mondo della sanità: dalla sicurezza del dato sanitario alla tracciabilità dei farmaci, dalla certificazione delle competenze mediche all’aggiornamento professionale, i campi di applicazione sono attualmente innumerevoli. Portavoce di questa nuova tecnologia ne è diventato il divulgatore e inviato di Striscia la Notizia, Marco Camisani Calzolari che proprio attraverso il famoso programma di Canale 5 ha fatto entrare nelle case di tutti gli italiani questa nuova tecnologia. In occasione dell’evento “Responsabilità professionale e arbitrato della salute. L’innovazione in Sanità parte da Milano” proprio Calzolari è intervenuto per spiegarne le potenzialità.

«La blockchain è una sorta di registro distribuito, – ha spiegato l’inviato di Striscia La Notizia – in cui la certificazione è data da tutti quelli che lo possiedono e non c’è nulla di centralizzato che lo verifica. Questa è la rivoluzione. La tecnologia permette oggi di ottenere questo risultato che ovviamente mi rendo conto sia percepito con un po’ di perplessità, perché in effetti ha delle complessità dietro. Quello che però interessa sapere a noi è che rende tutto molto più trasparente. Quindi tutto quello che viene messo sulla blockchain, se fatto correttamente, ci dà la certezza che tutto quello che è stato scritto sia immodificabile e soprattutto non possa essere cambiato nel tempo e possa essere verificato».

LEGGI: LA BLOCKCHAIN A STRISCIA LA NOTIZIA, MARCO CAMISANI CALZOLARI SPIEGA AGLI ITALIANI LA TECNOLOGIA DEL FUTURO (ANCHE PER LA SALUTE…)

Una tecnologia che è al centro anche del progetto illustrato da IQVIA e Consulcesi Tech, hi-tech company specializzata nella blockchain e nella Cybersecurity. Si tratta della possibilità di misurare la Patient Satisfaction, cioè la soddisfazione degli utenti. Uno strumento innovativo per raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. La puntualità del servizio, l’efficacia della comunicazione, l’accessibilità della struttura, la qualità delle cure e la professionalità del personale saranno censiti e raccolti in un database condiviso da tutte le strutture per garantire analisi confrontabili nel pieno rispetto della privacy e validati dalla blockchain.

Articoli correlati
Responsabilità sanitaria, Cassazione deposita 10 decisioni. Gelli: «Presa una posizione chiara per risolvere alcuni contrasti»
I temi trattati riguardano aspetti come l’onere probatorio nella responsabilità contrattuale sanitaria, la rivalsa della struttura verso il medico, la lesione del diritto all'autodeterminazione terapeutica
Legge Gelli, Panella (Umberto I): «Contenziosi sempre più aggressivi verso professionisti sanitari, ora c’è cambiamento»
Il Direttore generale del Policlinico Umberto I ha partecipato a un evento alla presenza del padre della legge sulla responsabilità professionale Federico Gelli. E racconta come la regione Lazio si è adeguata alla norma per prevenire gli eventi avversi
Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»
Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata anche se mancano alcuni decreti attuativi, l’obbligo ad esempio della copertura assicurativa è chiaro. E sull’obbligo ECM…»
Sentenza Cassazione su specializzandi, Guicciardi: «Principio corretto, ma siamo lasciati soli»
Il presidente di FederSpecializzandi: «È vero che non siamo meri esecutori di ordini, ma è anche vero che dovremmo essere sempre affiancati da un tutor. Sappiamo bene che non è sempre così. Spesso si chiede anche agli specializzandi dei primi anni di coprire i turni di notte»
Quarto convegno Sham, una “palestra interpretativa” per i nodi della legge Gelli
Si è tenuto ieri presso il Centro Congressi “Torino Incontra” il convegno “Il contributo della dottrina e della giurisprudenza nella responsabilità sanitaria” organizzato dalla Mutua assicurativa Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Giunto alla quarta edizione, l’incontro formativo è diventato un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...