Politica 2 Settembre 2021 17:43

Draghi in conferenza conferma: prossimi passi estensione obbligo vaccinale e terza dose

Draghi ringrazia i più giovani per l’adesione fiduciosa alla campagna vaccinale e dice un sì convinto all’estensione del Green pass per nuove categorie di lavoratori e poi all’obbligo. Intanto a scuola, ricorda, se si sarà tutti vaccinati si potrà stare senza mascherine

Draghi in conferenza conferma: prossimi passi estensione obbligo vaccinale e terza dose

Obbligo vaccinale, riapertura delle scuole e Green pass tra gli argomenti affrontati durante la conferenza stampa tenuta dal presidente del Consiglio Mario Draghi, affiancato dal ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e la ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini.

Solidarietà a chi è aggredito da no vax

«Prima di tutto vorrei di nuovo ribadire il mio invito a vaccinarsi: è un atto di solidarietà verso gli altri, di protezione della propria famiglia e di sé stessi» ha esordito Draghi, commentato i risultati della campagna vaccinale italiana che vede il 70% della popolazione immunizzata con due dosi. Prima però, il presidente ha dedicato un pensiero a chi in questi giorni è stato coinvolto in aggressioni dai no vax.

«Devo anche esprimere la mia solidarietà – ha detto – a tutti coloro che sono oggetto di violenza e odio da parte dei cosiddetti no vax, una pratica particolarmente odiosa e vigliacca quando è fatta verso persone che fanno informazione e persone che sono in prima linea a combattere la pandemia». Una pandemia che i vaccini stanno aiutando a risolvere, un’immunizzazione alla volta. Specie grazie al grande coinvolgimento dei più giovani.

La campagna vaccinale, Draghi ringrazia i giovani

«La campagna vaccinale è stata abbracciata con grande entusiasmo dai giovani – ha ribadito Draghi – e la loro adesione massiccia e la copertura estesa a livello nazionale ci permettono di affrontare con minore incertezza l’apertura delle scuole». Proprio quella scuola che deve, categoricamente, riaprire in presenza. «La scuola in presenza è sempre stata la priorità di questo governo, a metà di quest’anno decisi che bisognava tornare in presenza e fu un successo. Ora vogliamo continuare su questa strada: il 91,7% degli insegnanti ha ricevuto almeno una dose di vaccino, l’applicazione del Green pass sta andando bene. Ci saranno sempre dei casi che non vanno, ma in generale l’impressione è che la preparazione sia stata accurata e che il governo non abbia passeggiato durante l’estate».

Bianchi specifica: in classi di tutti vaccinati non serviranno mascherine

Che il governo si sia impegnato per questo risultato lo ha ribadito anche il ministro Bianchi. «Abbiamo lavorato moltissimo – ha detto – per iniziare la scuola in presenza, su mandato del Presidente, mettendo al centro le persone. Senza nessuna proposta di sanatoria, facendo i concorsi, inseriremo quest’anno 59 mila insegnanti, di questi 13.908 sono di sostegno. Abbiamo avviato le procedure per le supplenze annuali e avviato i concorsi per l’anno prossimo».

«Tutto questo è frutto di un lavoro lungo e paziente fatto in estate. Le regole sono quelle dettate dal Cts: mascherina, distanziamento, ma laddove sono tutti vaccinati in una classe si potrà levare la mascherina» ha aggiunto. Dunque è confermato, nelle classi con tutti i ragazzi vaccinati si potrà dire addio alla mascherina.

Ora obbligo vaccinale e terza dose i prossimi step

Anche il ministro Speranza, in unione con Draghi, ha ribadito un impegno costante nel garantire sicurezza ai lavoratori. Una situazione ottenibile con l’estensione del Green pass a nuove categorie. Direzione verso la quale, ha confermato il presidente del Consiglio, si sta già andando e si deciderà presto con una Cabina di regia.

Anche l’obbligo vaccinale, ha aggiunto, è un risultato probabile in futuro così come si concretizzeranno le terze dosi. Per ora i tempi non sono certi. Intanto è toccato al ministro Giovannini confermare la buona riuscita della prima giornata di Green pass obbligatorio sui mezzi di trasporto. «Trenitalia ha comunicato che lo 0,2% dei passeggeri è stato trovato senza Green pass. Questo testimonia l’adesione dei viaggiatori a queste nuove misure» ha specificato. Draghi ha inoltre aggiunto che tutti i migranti in arrivo in Italia, non solo dall’Afghanistan, riceveranno sistematicamente il vaccino.

Speranza: misure più leggere grazie a efficacia vaccini

«Abbiamo tenuto in questo mese – ha proseguito Speranza – limitazioni molto leggere rispetto ai mesi precedenti e questo significa che il vaccino è la vera arma che abbiamo. Ieri siamo arrivati a 78 milioni di somministrazioni e al 70% di cittadini che ha completato il ciclo. Entro fine settembre raggiungeremo l’80%. Il segnale più bello arriva dai più giovani, che hanno dimostrato grande fiducia e libertà con un numero molto significativo di vaccini in corso. Il messaggio che dobbiamo ancora dare è quello che ci ha accompagnato in queste settimane: il vaccino è l’arma fondamentale per aprire una nuova stagione», ha concluso il ministro della Salute.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Speranza: «Inverno senza chiusure grazie a vaccini e Green Pass. Questa è la verità senza propaganda»
«Green pass scaricato 262 mln di volte. Strumento fondamentale di contrasto e gestione lotta al Covid». Così il ministro ha risposto al Question time alla Camera sull’eliminazione dell’obbligo della certificazione verde in relazione alla fine dello stato di emergenza
Obbligo vaccinale, primo via libera alla Camera. Dalla validità del Green pass alla quarantena a scuola, tutte le novità del decreto
Il provvedimento ora atteso al Senato per il via libera definitivo. Spaccatura nella maggioranza, la Lega si è astenuta. Tra le novità l’estensione del Green pass rafforzato per accedere agli uffici postali, bancari e finanziari, alle attività commerciali. Test antigenici gratuiti nelle scuole fino al 28 febbraio
di Francesco Torre
Green Pass, via al totocalendario sull’abolizione. Scienziati divisi
Si iniziano a fare le prime ipotesi su se, quando e come verrà abolito l'obbligo di Green Pass. Gli scienziati si dividono tra chi lo ritiene oggi uno strumento inutile e chi invece è convinto che serva ancora
«Siamo a favore del Green Pass, ma alcuni servizi sociali vanno garantiti a tutti». L’appello di Gianmario Gazzi (CNOAS) al Governo
Il Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali chiede al governo di inserire alcuni servizi sociali tra le attività essenziali per le quali non è necessario il Green Pass: «Una dimenticanza del genere non è accettabile, così ci dimentichiamo degli ultimi»
di Francesco Torre
Green pass, arriva la proroga dell’UE fino al 2023. «Ma resta misura eccezionale»
La Commissione Europea estende il certificato Covid digitale Ue fino al 30 giugno 2023. Christian Wigand: «Il Sars-CoV-2 continua a circolare in Europa, non è possibile determinare ora l'impatto di un possibile aumento dei contagi nella seconda metà dell'anno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 maggio, sono 526.097.252 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.278.679 i decessi. Ad oggi, oltre 11,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto