Politica 20 Luglio 2022 12:08

Draghi in Parlamento, governo appeso a un filo. Ringrazia gli “eroi della pandemia”

Al Senato il primo atto della verifica avviata dalla mancata fiducia del MoVimento 5 stelle e dalle dimissioni del presidente del Consiglio. Draghi ringrazia le federazioni della sanità, «una mobilitazione impossibile da ignorare», e tra i progetti da portare a termine ricorda quello delle case di comunità

di Francesco Torre
Draghi in Parlamento, governo appeso a un filo. Ringrazia gli “eroi della pandemia”

Ricostruire il patto che ha portato alla nascita del governo di unità nazionale con “coraggio, altruismo e credibilità”. Lo ha chiesto il presidente del Consiglio Mario Draghi parlando in Senato nell’attesa verifica parlamentare provocata dallo strappo del MoVimento 5 stelle sul Decreto Aiuti.

Il ringraziamento agli «eroi della pandemia»

Un discorso atteso in cui non sono mancati i riferimenti al mondo della sanità: l’ex numero uno della BCE non è rimasto insensibile all’appello arrivato nel weekend da diverse federazioni della Sanità (dalla FNOMCeO alla FNOPI, dai biologi agli Assistenti sociali) in cui chiedevano di «non fermare o rallentare lo sforzo straordinario per rendere più forte e moderno il nostro Servizio sanitario nazionale». All’appello di coloro che ha definito «gli eroi della pandemia, verso cui la nostra gratitudine collettiva è immensa» Draghi ha risposto con queste parole: «La mobilitazione di questi giorni da parte di cittadini, associazioni, territori a favore della prosecuzione del Governo è senza precedenti e impossibile da ignorare» ha spiegato il premier che ha aggiunto: «Questa domanda di stabilità impone a noi tutti di decidere se sia possibile ricreare le condizioni con cui il Governo può davvero governare».

Il presidente del Consiglio ha ricordato l’enorme sforzo compiuto per uscire dalla fase più acuta della pandemia: «Grazie alle misure di contenimento sanitario, alla campagna di vaccinazione, ai provvedimenti di sostegno economico a famiglie e imprese, siamo riusciti a superare la fase più acuta della pandemia, a dare slancio alla ripresa economica». Poi ha ricordato alcune delle riforme che rischiano di interrompersi con la fine del governo e della legislatura: «Dalle ferrovie alla banda larga, dagli asili nido alle case di comunità, dobbiamo impegnarci per realizzare tutti i progetti che abbiamo disegnato con il contributo decisivo delle comunità locali». Chiaro il riferimento alla Mission 6 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e alla riforma dell’assistenza sanitaria territoriale già in fase avanzata.

L’accenno alla riforma della medicina di base

Draghi ha anche fatto riferimento alle riforme future, tra cui ha citato anche la riforma della medicina di base: «Ci sono altri impegni che l’esecutivo vuole assumere – ha affermato a Palazzo Madama – che riguardano, ad esempio, la riforma del sistema dei medici di base e la discussione per il riconoscimento di forme di autonomia differenziata».

Le parole di Draghi hanno avuto il plauso di diverse forze politiche, come Partito democratico, Azione, Italia Viva, + Europa e Insieme per il Futuro. Resta in bilico la posizione della Lega e quella del MoVimento 5 stelle. Il 21 luglio il dibattito si sposterà alla Camera e solo allora probabilmente si capirà se la legislatura proseguirà fino alla sua fine naturale o se il Paese si avvierà verso le elezioni in autunno.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
Elezioni, CIMO-FESMED: «No a slogan o promesse irrealizzabili. Proposte concrete per salvare SSN»
«Le domande sono numerose, e le risposte di certo non semplici – commenta Guido Quici, Presidente CIMO-FESMED-. Ma ci auguriamo che trovino spazio nei programmi elettorali di tutti gli attori in campo, in attesa del dibattito pubblico organizzato dall’intersindacale della dirigenza medica e sanitaria in programma per il prossimo 14 settembre»
Dal Dl Semplificazione al Ddl Concorrenza, le ultime misure all’esame del Parlamento
Anche dopo lo scioglimento delle Camere, come chiesto dal presidente della Repubblica, Camera e Senato lavorano per convertire gli ultimi provvedimenti. Anche Delega fiscale e Dl Trasporti in calendario
di Francesco Torre
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale