Politica 18 Luglio 2022 16:48

Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo

La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid

Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo

La fine anticipata della XVIII legislatura, qualora le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi dovessero essere confermate e il Capo dello Stato sciogliesse le Camere, causerebbero lo stop di numerosi progetti di legge su cui il Parlamento stava lavorando oltre a mettere in forse importanti decreti attuativi sul tavolo del ministro della Salute Roberto Speranza.

A preoccupare il mondo della sanità, che infatti ha chiesto in modo compatto con una nota firmata da diverse Federazioni, di «rallentare lo sforzo straordinario per rendere più forte e moderno il nostro Servizio sanitario nazionale e per portare avanti riforme ed investimenti attesi da anni, di cui potranno beneficiare le persone che hanno bisogno di assistenza e cura”, è anche il destino della riforma della sanità territoriale.

Nei prossimi mesi, infatti, dovranno diventare operativi i contenuti della riforma del DM 71 che tra le altre cose attiverà 1350 case di comunità. E in autunno potrebbe tornare a mordere la pandemia da Covid che già in queste settimane estive sta facendo segnare un record di contagi.

Al Senato si fermano infermiere di famiglia e psicologo cure primarie

Al Senato, rischia di fermarsi anzitempo l’esame della legge sul suicidio medicalmente assistito dopo il primo via libera arrivato da Montecitorio. A Palazzo Madama avrebbe uno stop anche la legge delega per la riforma degli Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico, già approdata in Aula.

In commissione Igiene e Sanità si bloccherebbe anzitutto l’Affare assegnato sulla riforma della sanità territoriale che era sul punto di concludersi. Ma a fermarsi sarebbero importanti disegni di legge attesi da tempo: in primis i ddl per la creazione del profilo professionale di autista soccorritore, quello per la riforma del sistema di emergenza-urgenza e quello per la creazione dell’infermiere di famiglia e comunità.

Non vedrebbero la luce anche le proposte per l’istituzione dello psicologo di cure primarie, caldeggiata dalla CNOP, sull’istituzione della Giornata nazionale della prevenzione veterinaria e sul diritto all’oblio per i malati oncologici, misura di civiltà chiesta a gran voce dalle associazioni dei pazienti.

A Montecitorio addio a Ddl Concorrenza e al budget di salute

A Montecitorio si bloccherebbero due leggi di cui già era cominciata la discussione generale: quella sulle disposizioni concernenti la conservazione del posto di lavoro e i permessi retribuiti per esami e cure mediche in favore dei lavoratori affetti da malattie oncologiche, invalidanti e croniche e quella per l’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sull’uso dell’amianto e sulla bonifica dei siti contaminati, a prima firma di Federico Fornaro (Leu).

Stop anche al disegno di legge per l’istituzione del budget di salute, fortemente voluto dal M5S, volto a garantire un progetto di vita indipendente alle persone con disabilità.

Non riuscirebbe ad approdare in Aula anche il progetto di legge per la prevenzione e la lotta contro l’AIDS e le epidemie infettive aventi carattere di emergenza, a prima firma del forzista Mauro D’Attis, che prevede la completa revisione e il conseguente aggiornamento della disciplina in materia di prevenzione e di lotta contro la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), attualmente contenuta nella legge 5 giugno 1990, n. 135.

A fermarsi sarebbe anche il Disegno di legge Concorrenza, di cui si discute da mesi, che tra le altre cose prevede di riformare la selezione della dirigenza medica eliminando la discrezionalità di individuazione dei dirigenti medica.

I decreti attuativi a rischio

A rischiare sarebbero anche alcuni decreti attuativi che potrebbero slittare alla prossima legislatura o al prossimo esecutivo: mancano all’appello quello per garantire l’erogazione dei ristori riconosciuti in favore dei familiari del personale sanitario deceduto a causa del Covid. Ma resterebbero fermi anche i decreti attuativi per la creazione della rete registro tumori (la legge è stata approvata nel 2019) e per l’attuazione del testo unico sulle malattie rare.

Si fermerebbe anche il cammino del Sunshine Act o legge sulla sanità trasparente: mancano infatti i decreti attuativi per la creazione del registro telematico dove annotare le erogazioni di beni o denaro da parte delle imprese verso il personale della sanità.

Si salverebbe invece il bonus psicologo: il decreto attuativo è stato già varato e manca solo la piattaforma Inps dove poter presentare la domanda.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...