Salute 30 Giugno 2022 12:25

Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»

Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»

di Francesco Torre

La riforma della medicina territoriale, contenuta nel cosiddetto DM71, è una ‘controriforma’ e apre la strada a una privatizzazione della medicina generale. È molto negativo il giudizio di Ivan Cavicchi, Professore di sociologia delle organizzazioni Sanitarie all’Università Tor Vergata di Roma, sulla riforma dell’assistenza sanitaria territoriale collegata al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. A non convincere Cavicchi, in particolare, il nuovo assetto che avrà la medicina di famiglia: i MMG dovranno destinare 18 delle loro 38 ore settimanali di lavoro nelle Case di Comunità. Tutte novità contenute nel cosiddetto DM71.

«Non è una riforma ma una controriforma – sentenzia Cavicchi -. Quando penso alla riforma penso che vada riformato il medico di medicina generale ma in meglio, penso a farlo crescere, a farlo evolvere o a cancellare tutto ciò che ha impedito di avere una buona assistenza di base. Il DM71 è una controriforma perchè divide le cose in parti che non possono essere divise. Quando si mette il medico a fare 18 ore nelle case di comunità e 20 ore nei propri studi è come se tu spaccassi il medico a metà. Da studioso, significa dividere a metà le cure primarie. Per me queste non possono essere divise, vanno ridefinite, composte e rilanciate».

Professore, lei ha parlato di rischio privatizzazione della sanità. Perché?

«Il processo di privatizzazione è cominciato nel 1999 con la riforma della Bindi e sta andando avanti: si è mangiato parecchio spazio pubblico, nessuno fa niente per arginare questo fenomeno. Ricordo che ancora esistono gli incentivi fiscali alle assicurazioni. Cioè, noi diamo gli incentivi fiscali al nostro competitor. Nel caso della medicina generale, non c’è solo il sospetto di una privatizzazione incombente, ma si tratta di una realtà. L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie, con delle cooperative, con il mercato. Tremo all’idea, penso ai poveri malati. Un conto è avere il medico di medicina generale vero, un conto è essere curati da un’agenzia privata».

La dipendenza per i MMG può essere una soluzione?

«La dipendenza ha degli inconvenienti. Sicuramente ha il vantaggio di essere più governabile dalle regioni. Il problema delle regioni è che non riescono a mettere le mani sulla convenzione. Però anche il rapporto di lavoro di dipendenza ha degli inconvenienti. Quando è stato creato il medico di medicina generale non è stata scelta la convenzione per caso: si aveva bisogno di un medico particolare, flessibile, capace di rapportarsi con il territorio, cosa che un metodo burocratico esclude. Anche pensando di passare tutti alla dipendenza questa dovrebbe essere ripensata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
PNRR, in Sicilia tre gare per potenziare i servizi socio-sanitari e il patrimonio immobiliare sanitario
La procedura è gestita da Invitalia. L'iniziativa si inserisce nell'ambito del supporto tecnico operativo reso disponibile dal Ministero dell'economia e delle Finanze e dal Ministero della Salute alle Regioni e agli Enti del servizio sanitario regionale
PNRR: Uneba, più risorse per il non profit dedicato ad anziani e fragili
Uneba ha scritto una lettera aperta alle istituzioni per chiedere una maggiore attenzione al non profit del sociosanitario che ogni giorno si prendono cura di centinaia di migliaia di uomini e donne anziani, non autosufficienti, disabili, fragili
Pnrr: con PRP@CERIC nuova infrastruttura di ricerca per studiare agenti patogeni
Un'infrastruttura di ricerca altamente specializzata, unica in Europa, che integra strumentazioni e competenze in biologia, biochimica, fisica, bio-elettronica, bio-informatica e scienza dei dati per studiare agenti patogeni di origine umana, animale e vegetale e intervenire rapidamente per contrastare la diffusione di possibili nuovi focolai di malattie. Questo è l'obiettivo del progetto PRP@CERIC, finanziato con 41 milioni di euro dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
Pnrr: Toscana, 5,6 milioni di euro contro i rischi da clima e ambiente
Grazie alle risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), la Toscana avrà a disposizione circa 5 milioni e 623 mila euro per l’acquisto di strumentazioni e macchinari al servizio del sistema di prevenzione della salute dai rischi ambientali e climatici. L’obiettivo è quindi quello di prevenire, controllare e curare le […]
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...