Salute 30 Giugno 2022 12:25

Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»

Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»

di Francesco Torre

La riforma della medicina territoriale, contenuta nel cosiddetto DM71, è una ‘controriforma’ e apre la strada a una privatizzazione della medicina generale. È molto negativo il giudizio di Ivan Cavicchi, Professore di sociologia delle organizzazioni Sanitarie all’Università Tor Vergata di Roma, sulla riforma dell’assistenza sanitaria territoriale collegata al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. A non convincere Cavicchi, in particolare, il nuovo assetto che avrà la medicina di famiglia: i MMG dovranno destinare 18 delle loro 38 ore settimanali di lavoro nelle Case di Comunità. Tutte novità contenute nel cosiddetto DM71.

«Non è una riforma ma una controriforma – sentenzia Cavicchi -. Quando penso alla riforma penso che vada riformato il medico di medicina generale ma in meglio, penso a farlo crescere, a farlo evolvere o a cancellare tutto ciò che ha impedito di avere una buona assistenza di base. Il DM71 è una controriforma perchè divide le cose in parti che non possono essere divise. Quando si mette il medico a fare 18 ore nelle case di comunità e 20 ore nei propri studi è come se tu spaccassi il medico a metà. Da studioso, significa dividere a metà le cure primarie. Per me queste non possono essere divise, vanno ridefinite, composte e rilanciate».

Professore, lei ha parlato di rischio privatizzazione della sanità. Perché?

«Il processo di privatizzazione è cominciato nel 1999 con la riforma della Bindi e sta andando avanti: si è mangiato parecchio spazio pubblico, nessuno fa niente per arginare questo fenomeno. Ricordo che ancora esistono gli incentivi fiscali alle assicurazioni. Cioè, noi diamo gli incentivi fiscali al nostro competitor. Nel caso della medicina generale, non c’è solo il sospetto di una privatizzazione incombente, ma si tratta di una realtà. L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie, con delle cooperative, con il mercato. Tremo all’idea, penso ai poveri malati. Un conto è avere il medico di medicina generale vero, un conto è essere curati da un’agenzia privata».

La dipendenza per i MMG può essere una soluzione?

«La dipendenza ha degli inconvenienti. Sicuramente ha il vantaggio di essere più governabile dalle regioni. Il problema delle regioni è che non riescono a mettere le mani sulla convenzione. Però anche il rapporto di lavoro di dipendenza ha degli inconvenienti. Quando è stato creato il medico di medicina generale non è stata scelta la convenzione per caso: si aveva bisogno di un medico particolare, flessibile, capace di rapportarsi con il territorio, cosa che un metodo burocratico esclude. Anche pensando di passare tutti alla dipendenza questa dovrebbe essere ripensata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Digital medicine, i 4 passi prima del decollo: inserimento nei Lea, monitoraggio d’efficacia, 4G e digital assistant
Cicchetti (ALTEMS): «È necessario che ogni prestazione digitale sia inserita nel tariffario dei LEA così da garantirne la rimborsabilità attraverso il Sistema Sanitario Nazionale. La commercializzazione degli strumenti di Digital Medicine, senza le procedure di rimborsabilità e di prezzo, espone tali tecnologie all’acquisto discrezionale da parte delle Regioni e delle ASL, senza assicurare l’unitarietà di accesso per tutti i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale