Lavoro 7 Giugno 2022 15:50

Riforma territorio, Bartoletti (FIMMG): «DM71 migliorabile, servizi standard in tutta Italia»

Per il vicesegretario FIMMG è importante che «accoglienza e accettazione siano uguali in tutta Italia». Sulle USCA raccomanda «elasticità» e chiede che le nuove Case di comunità «non siano delle monadi isolate» ma che ci sia un «servizio integrato»

di Francesco Torre

La riforma dell’assistenza sanitaria territoriale, che prenderà forma con il cosiddetto DM71, coinvolge in primo luogo i medici di famiglia che saranno uno dei pilastri delle nuove Case di comunità. Il dato strutturale è ormai noto: ci saranno 1350 Case della Comunità (CdC), 400 Ospedali di Comunità (OdC) e 600 Centrali Operative Territoriali (COT) previsti dalla Missione 6 del PNRR.

Il DM71 descrive gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi delle strutture dedicate all’assistenza territoriale e al sistema di prevenzione in ambito sanitario che le regioni e province autonome saranno tenute a garantire. Resta però incertezze su come interagiranno le figure professionali che saranno chiamate a soddisfare le esigenze di salute dei cittadini. Ne abbiamo parlato con Pierluigi Bartoletti, vicesegretario FIMMG.

Dottor Bartoletti, il DM71 va nella direzione giusta?

«Intanto va in una direzione. È certamente migliorabile. Per noi i servizi essenziali che fornisce il medico di medicina generale da solo o in collaborazione con i colleghi devono essere uguali ovunque. La medicina generale è la porta di accesso al sistema pubblico, quello che manca è un servizio di standardizzazione delle porte che non può dipendere dalla singola regione. Accoglienza e accettazione devono essere uguali in tutta Italia».

Si parla spesso di gestione multidisciplinare. Vi convince?

«Io sono favorevole a tutto quello che è chiaro. Da cittadino mi chiedo: come entro nel sistema pubblico, chi mi ci fa entrare? Lasciando perdere gli slogan, la domanda è: il MMG oggi ha gli strumenti e le capacità organizzative per organizzare un servizio di accoglienza? Il sistema può dare un contributo? Io penso di sì. Vanno delineati un insieme di sevizi che devono essere uguali in tutta Italia. Non è possibile che oggi il servizio sia declinato in ragione della singolarità del medico, dev’essere modulato in maniera standard in tutta Italia. Il cittadino deve sapere che là c’è un riferimento, un medico che risponde, uno studio aperto. Serve più capacità clinica e diagnostica e anche più capacità gestionale degli studi».

Le nuove Case di comunità possono essere una svolta?

«Ad oggi la Casa di comunità è come un poliambulatorio di una Asl, niente di nuovo. La novità dovrebbe essere la rete in cui viene messo: farmacia, MMG, infermieri. La novità è la sinergia del sistema. Non dobbiamo creare delle monadi isolate più o meno grandi ma un servizio integrato che consente al cittadino di muoversi più agilmente di adesso».

Ci sono sufficienti medici di base per garantire i servizi?

«Noi siamo in carenza ma il problema non è quello. Intanto organizziamo quelli che ci sono, poi in relazione ai nuovi bisogni e all’organizzazione si definisce la pianta organica. Parlare di pianta organica senza capire cosa bisogna fare mi sembra una cosa poco produttiva».

Le USCA hanno ancora senso?

«Dipende. In base al bisogno e agli interventi che vengono fatti si capisce se ha ancora senso continuare con queste unità speciali. D’estate il virus respiratorio circola di meno e ci sarà meno bisogno di queste unità. Dipende da regione a regione: se stanno lavorando e uno le chiude bisogna capire al posto delle USCA chi ci va. Se non stanno lavorando bisognerà ragionare in vista dell’autunno quando potrebbero servire nuovamente. Se d’estate non serve si chiuderà e si riaprirà in autunno. Serve un sistema con più elasticità».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Regione Lombardia investe 10 milioni di euro nel “ponte digitale” tra ospedale e territorio
Il 2022 sarà l’anno decisivo per la realizzazione di una piattaforma centralizzata in grado di mettere in rete le strutture ospedaliere, le case di comunità e creare percorsi di telemedicina a cui avranno accesso i cittadini
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
Educatori professionali, Titta (CdA Roma): «Puntare su assistenza domiciliare per rilanciare servizi. Stop a Ddl che ‘sdoppia’ la professione»
Il Presidente della Commissione d’Albo degli Educatori professionali di Roma e membro del Consiglio direttivo Anep spiega: «Gli iscritti chiedono più assunzioni nel settore pubblico». Poi chiede di «creare in ogni quartiere organizzazioni sociosanitarie integrate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali