Long Covid 27 Giugno 2023 13:52

Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini

La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell’Ufficio regionale europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)

Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini

La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell’Ufficio regionale europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). «Quest’estate sarà la prima in più di 3 anni che molti di noi potranno godere senza l’incombente minaccia di Covid-19», dice Kluge, raccomandando però di non abbassare la guardia.

Necessario continuare a vaccinare i fragili

«Anche se non è più un’emergenza sanitaria pubblica globale, Covid non è scomparso. Quasi mille nuovi morti continuano a verificarsi in tutta la regione ogni settimana – ricorda Kluge – e si tratta di una sottostima, considerato il calo dei Paesi che segnalano regolarmente i decessi Covid-19 all’Oms». Il coronavirus Sars-CoV-2 «continua a colpire in modo sproporzionato i più deboli e i più vulnerabili», rimarca Kluge, ribadendo l’importanza del vaccino. «La priorità – raccomanda Kluge – deve essere vaccinare le popolazioni vulnerabili, gli anziani, i pazienti con condizioni mediche di base e gli immunocompromessi. Per questi gruppi dovremmo garantire una copertura vaccinale di almeno il 70%, comprese le dosi di richiamo primarie e aggiuntive».

Più a rischio Covid ancora le persone con condizioni mediche di base

«Covid-19 – sottolinea il numero uno di Oms Europa – si è approfittato di un’epidemia di malattie tra cui tumori, patologie cardiovascolari, diabete e malattie polmonari croniche, che oggi causano il 75% della mortalità nella nostra regione. I pazienti con queste condizioni mediche di base erano, e sono tuttora, molto più vulnerabili alle forme gravi di Covid. Semplici misure possono aiutare a ridurre il carico di queste cosiddette patologie non trasmissibili, e combattere la prossima pandemia quando arriverà. Chi di noi ha i mezzi e l’opportunità, ad esempio, può fare 25 minuti di esercizio moderato al giorno, smettere di fumare», ricordare che «meno alcol si assume e meglio è, e limitare l’assunzione di sale».

Un europeo su 30 con Long Covid nell’ultimo triennio

Nel frattempo continua a dilagare l’epidemia di Long Covid. «Quasi 36 milioni di persone nella regione europea dell’Organizzazione mondiale della sanità potrebbero avere sperimentato il Long Covid nei primi 3 anni di pandemia. Si tratta di circa un europeo su 30 nell’ultimo triennio», sottolinea Kluge. «Significa un europeo su 30 che potrebbe ancora avere difficoltà a tornare alla vita normale – aggiunge – che potrebbe soffrire in silenzio, lasciato indietro mentre altri si lasciano Covid-19 alle spalle». Il direttore dell’Ufficio regionale europeo dell’Oms continua: «Stiamo ascoltando le chiamate dei pazienti Long Covid e dei gruppi di supporto – spiega il direttore dell’Ufficio regionale Oms – e stiamo sensibilizzando sulla loro situazione, ma chiaramente è necessario fare molto di più per capire» la sindrome post-infezione. Al momento, infatti, questo mix di sequele resta «un evidente punto cieco nella nostra conoscenza, che deve essere colmato con urgenza».

«Senza terapie contro la sindrome post-infezione non ci riprenderemo mai dalla pandemia»

«Se non sviluppiamo una diagnostica e un trattamento completi per Long Covid – avverte Kluge – non ci riprenderemo mai veramente dalla pandemia. Stiamo incoraggiando ulteriori ricerche e sollecitando coloro ai quali è raccomandata la vaccinazione anti-Covid a farla». Il Long Covid, «questa condizione poco riconosciuta, dovrebbe essere preso seriamente in tutti i settori, sanitario e sociale – ammonisce il direttore – e dovremmo garantire che sia disponibile un’ampia assistenza ai pazienti». Kluge precisa che «il modo migliore per evitare Long Covid è evitare innanzitutto Covid». Per questo «la priorità deve essere vaccinare le popolazioni vulnerabili, gli anziani, i pazienti con condizioni mediche di base e gli immunocompromessi. Per questi gruppi dovremmo garantire una copertura vaccinale di almeno il 70%, comprese le dosi di richiamo primarie e aggiuntive».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Ue verso aria più pulita, parte carbon tax alle frontiere
Ridurre le emissioni inquinanti e, di conseguenze, ridurre il loro impatto sulla salute ambientale e dell'uomo. Queste sono solo alcuni degli ambiziosi obiettivi della Carbon Tax dell’Unione Europea alle frontiere, entrata in vigore da pochi giorni
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...