Salute 5 Maggio 2023 15:50

OMS: «Dichiariamo fine emergenza internazionale Covid»

Il Comitato tecnico dell’Oms, ha detto il direttore generale Tedros Ghrebreyesus, «ha raccomandato la fine dello stato di emergenza ed io ho accettato l’indicazione»

OMS: «Dichiariamo fine emergenza internazionale Covid»

Il Comitato tecnico dell’Oms, ha detto il direttore generale Tedros Ghrebreyesus, «ha raccomandato la fine dello stato di emergenza ed io ho accettato l’indicazione». Lo stato di emergenza sanitaria internazionale era stato dichiarato il 30 gennaio 2020.

Ad aprile 2,8 mln casi (-17%) e 17mila morti (-30%) nel mondo

Nel periodo che va dal 3 al 30 aprile sono stati quasi 2,8 milioni i nuovi casi di Covid e oltre 17mila decessi, registrati nel mondo, con un calo rispettivamente del 17% e del 30% rispetto ai 28 giorni precedenti (dal 6 marzo al 2 aprile 2023). Il quadro è eterogeneo a livello regionale – prosegue l’Oms – con aumenti dei casi segnalati e dei decessi osservati nelle regioni del Sud-est asiatico, del Mediterraneo orientale e del Pacifico occidentale e diminuzioni in altre regioni. Al 30 aprile 2023, sono stati segnalati a livello globale oltre 765 milioni di casi confermati e oltre 6,9 ​​milioni di decessi.

Da inizio pandemia il virus ha provocato quasi 7 milioni di morti

Dal 30 gennaio 2020, quando l’Oms aveva dichiarato lo stato di emergenza sanitaria internazionale, la diffusione del virus Sars-CoV-2 e di tutte le sue varianti ha provocato quasi sette milioni di decessi e 750 milioni di infezioni. L’11 marzo 2020,  Ghebreyesus aveva comunicato in una conferenza stampa che l’epidemia di Covid-19 poteva essere considerata una pandemia. «Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o disattenzione – aveva sottolineato il direttore dell’Oms – il termine che descrive la situazione che stiamo vivendo non altera la nostra valutazione sulla minaccia che il virus rappresenta. Non cambia ciò che l’OMS sta facendo né ciò che i paesi dovrebbero fare. L’adozione di misure di contenimento sta mettendo a dura prova le società e le economie, ma si tratta di provvedimenti necessari per promuovere la salute pubblica».

Oggi l’Italia vanta il primato europeo per numero di vaccinati

Dopo la dichiarazione di pandemia, diversi paesi del mondo hanno avviato contromisure drastiche di prevenzione del contagio, istituendo lockdown e quarantene obbligatorie per le persone infette, riducendo al minimo le interazioni sociali e le possibilità di contatti. In Italia, che il 21 marzo era seconda solo alla Cina per numero di casi registrati e prima al mondo per numero di vittime. Fortunatamente, la Penisola tricolore vanta anche il primato europeo per percentuale di vaccinati nel dicembre 2021. Grazie al successo della campagna vaccinale, in effetti, il tasso di mortalità associato al nuovo coronavirus diminuisce notevolmente, e le misure di prevenzione sono state  gradualmente allentate anche nel resto dell’Europa.

Da pandemia a infezioni a ondate

Oggi, la pandemia sembra meno spaventosa di tre anni fa. I dati raccolti dal ministero della Salute indicano che a fine aprile 2023 l’incidenza dell’infezione riguarda circa 39 casi ogni 100 mila abitanti, mentre il tasso di occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva resta stabile rispettivamente al 4,7 e all’1 per cento. Nel frattempo, un recente approfondimento della rivista Nature suggerisce che Covid-19 potrebbe trasformarsi in un’infezione a ondate piuttosto che in un malanno endemico e stagionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...