Salute 14 Ottobre 2022 13:19

Covid e lockdown hanno fatto crollare le nascite in Europa

Già nove mesi dopo l’inizio della pandemia Covid-19 si è verificato un vero e proprio crollo della natalità in Europa, quantificato in circa il 14%. La colpa non è tanto dei contagi Covid, quanto dei lockdown imposti in molti paesi

Covid e lockdown hanno fatto crollare le nascite in Europa

Già nove mesi dopo l’inizio della pandemia Covid-19 si è verificato un vero e proprio crollo della natalità in Europa, quantificato in circa il 14%. La colpa non è tanto dei contagi Covid, quanto dei lockdown imposti in molti paesi europei a causa dell’emergenza. Queste sono e conclusioni di uno studio osservazionale condotto dalla Scuola di Scienze e Salute di Losanna, in Svizzera, e pubblicato sulla rivista Human Reproduction. «Il calo delle nascite a nove mesi dall’inizio della pandemia – dice Léo Pomar, ecografista ostetrica presso l’ospedale universitario di Losanna e professore associato presso la School of Health Sciences di Losanna – sembra essere più comune nei paesi in cui i sistemi sanitari erano in difficoltà e in cui la capacità degli ospedali era superata».

Più lungo il lockdown, meno gravidanze e nascite

«Più lunghi sono i lockdown, meno gravidanze si sono verificate in questo periodo, anche in paesi – sottolinea Pomar – non gravemente colpiti dalla pandemia. Pensiamo che i timori delle coppie di una crisi sanitaria e sociale al momento della prima ondata di Covid-19 abbiano contribuito alla diminuzione dei nati vivi nove mesi dopo». Precedenti pandemie, come la Spagnola del 1918 e le epidemie di Ebola del 2013 e di Zika del 2016, sono state associate a un calo dei tassi di natalità nove mesi dopo i loro picchi. Le ragioni erano legate agli alti tassi di mortalità nei genitori per le prime due pandemie e gli alti tassi di mortalità fetale a seguito dell’esposizione diretta a Zika. Anche il desiderio delle coppie di rimandare la gravidanza in un momento di crisi ha giocato un ruolo importante.

A gennaio in Italia i tassi di natalità sono crollati del 17%

Nell nuovo studio i ricercatori si sono chiesti se una tendenza simile sarebbe proseguita dopo la pandemia Covid-19. A tale scopo hanno esaminato i dati di 24 paesi europei per i periodi immediatamente precedenti e successivi alla prima ondata della pandemia Covid-19. Hanno adeguato i tassi di natalità per tenere conto delle variazioni stagionali e hanno scoperto che gennaio 2021 è stato l’unico mese in cui si è registrato un calo significativo dei nati vivi. A livello nazionale, a gennaio 2021 sono state osservate diminuzioni dei tassi di natalità in Belgio (12% in meno), Estonia (13%), Francia (14%), Italia (17%), Lettonia 15,5%), Lituania (28%) , Portogallo (18%), Romania (23%), Russia (19%), Spagna (23,5%), Ucraina (24%), Inghilterra e Galles (13%) e Scozia (14%).

Il calo della nascite è associato al tasso di occupazione delle terapie intensive

Sette paesi avevano le unità di terapia intensiva sovraoccupate (più del 100% piene) e sei di questi (Belgio, Francia, Italia, Spagna, Inghilterra e Scozia) hanno registrato un calo sostanziale dei tassi di natalità, tranne la Danimarca. Solo due paesi su nove in cui c’è stato un impatto lieve o moderato sulle unità di terapia intensiva hanno registrato un calo delle nascite nove mesi dopo. Marzo 2021 è stato l’unico mese con un tasso di natalità viva simile al tasso mensile pre-pandemia, corrispondente a un rimbalzo da nove a dieci mesi dopo la fine del lockdown. Tuttavia, i ricercatori affermano che questo rimbalzo non sembra compensare il calo dei tassi di natalità nel gennaio 2021.

Meno nascite nei paesi a reddito basso

Ulteriori analisi hanno mostrato che la durata dei lockdown è stato l’unico fattore legato al calo dei nati vivi nel gennaio 2021 rispetto a gennaio 2018 e gennaio 2019. Inoltre, i paesi con un reddito pro capite più basso tendevano ad avere diminuzioni dei nati vivi di oltre 10% a gennaio 2021. La Svezia, che non ha ricorso al lockdown ma ha avuto un numero elevato di decessi, non ha registrato un calo dei nati vivi. «L’associazione che abbiamo riscontrato con la durata dei lockdown potrebbe riflettere un fenomeno molto più complesso, in quanto i blocchi sono decisioni del governo utilizzate come ultima risorsa per contenere una pandemia. La durata del lockdown ha un impatto diretto sulle coppie», afferma Pomar.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Natalità, allarme Siru: «Nel 2050 meno 5mln nati, come se scomparisse la città di Roma»
Nel Lazio nascite in calo anche nel 2020, la prevenzione e le metodiche di PMA possono fornire un aiuto. Picconeri (Siru Lazio): «Sono essenziali l’applicazione dei LEA e il potenziamento dei servizi regionali di prevenzione e preservazione della salute riproduttiva e della Pma per sostenere chi desidera avere figli»
PMA, Siru: «In aumento coppie che si tirano indietro. Nel 2021 quasi 5mila nascite in meno»
In occasione del V Congresso Nazionale della SIRU, gli specialisti sottolineano la necessità di potenziare il supporto psicologico delle coppie già prima dell'inizio di un percorso di PMA
Nel 2021 in Italia sono nati meno di 400.000 bambini. SIN SIP E SIGO per invertire il trend negativo
Ginecologi ed ostetriche, neonatologi e pediatri agli Stati Generali della Natalità, insieme per vincere una delle sfide prioritarie per il nostro Paese
«L’inverno delle nascite»: al salone della giustizia si parla di denatalità
Si è tenuta il 27 ottobre una relazione dell’associazione Impresa per la Vita su «Il diritto di venire al mondo. Denatalità: strategie per il futuro»
Denatalità, parte il progetto di sensibilizzazione SIRU “Aiuta un figlio a nascere: la PMA apre le porte al parlamento”
La SIRU ha deciso di organizzare, per il mese dell’infertilità, una serie di incontri con l’obiettivo di far conoscere alle Istituzioni le eccellenze italiane della medicina e della biologia della riproduzione umana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa