Salute 29 dicembre 2017

Cento anni dalla ‘Spagnola’, la pandemia più catastrofica che il mondo abbia mai conosciuto

Era il 1918 quando un’influenza particolarmente aggressiva cominciò a diffondersi in Europa, fino a colpire tanti altri Paesi fino alle più remote isole del Pacifico. Ebbene era la ‘Spagnola’ e nel 2018 ricorre il centenario dell’epidemia che si rese colpevole di ben 50 milioni di vittime

Immagine articolo

Compie un secolo l’influenza spagnola, la più terribile delle pandemie che il mondo ricordi. Il virus cominciò a diffondersi all’inizio del 1918 e fino al 1920 fu inarrestabile tanto da uccidere 50 milioni di persone. La pandemia superò di gran lunga il record della peste nera che, nel XIV secolo fece 20 milioni di vittime.

La malattia è passata alla storia come la ‘Spagnola’ visto che dapprima solo i giornali spagnoli ne parlarono perché non sottoposti a censura dato il non coinvolgimento del territorio iberico nella Prima Guerra Mondiale. In realtà portatori del virus furono gli americani che spostandosi in Europa per la varie spedizioni belliche, rappresentarono il veicolo di diffusione della pandemia a livello globale.

L’influenza, veicolata da virus del ceppo H1N1, si manifestò con gravi complicanze polmonari difficili da curare. Gli elementi che giocarono a favore del virus e gli permisero di diffondersi così massicciamente, furono le scarse condizioni igienico-sanitarie e la debole salute fisica e psicologica delle truppe e dei civili prostrati da anni di guerra.

L’Italia fu tra i Paesi più colpiti, seconda soltanto alla Russia in cui giocò un ruolo decisivo il clima gelido. A contrarre la malattia furono 4 milioni e mezzo di italiani di cui circa 600mila persero la vita, fra questi un’alta percentuale di medici e infermieri coinvolti nell’assistenza ai malati. Personale sanitario e addetti ai trasporti, in costante contatto con il pubblico, furono tra i primi ad essere colpiti e questo determinò un ulteriore danno per il sistema Paese ridotto in ginocchio su troppi fronti.

Al contrario di quello che si pensa, ossia che ad essere colpiti dall’influenza furono fasce deboli rappresentate da anziani e bambini, la Spagnola colpì prevalentemente i giovani (tra i 18 e i 30 anni) quella fetta di popolazione che in genere non risulta esposta a particolari rischi. Questo determinò un ulteriore elemento che rese l’epidemia ancor più catastrofica.

Riguardo l’imprevista strage di giovani, ci sono varie teorie a riguardo: prima fra tutti la tesi che, già all’inizio del XX secolo, un’influenza simile per ceppo virologico, si era ampiamente diffusa, permettendo ai sopravvissuti di sviluppare difese immunitarie sufficienti a salvaguardare l’organismo. La seconda teoria è che la Spagnola provocò nei sistemi immunitari una reazione sproporzionata che invece di proteggere l’individuo lo espose ancor di più al rischio; visto che nei giovani il sistema immunitario è particolarmente funzionale, i più colpiti furono proprio i più ‘forti’.

Articoli correlati
Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»
«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma
di Isabella Faggiano
Asma e BPCO: controlli gratuiti in tutta Italia
Respiro corto, tosse, affaticamento e continui risvegli notturni. Sono questi i disturbi che accomunano l’asma e la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), due importanti malattie respiratorie croniche protagoniste della seconda edizione della “Control’ASMA&BPCOweek”, la campagna di consulenze specialistiche gratuite che dal 21 al 25 maggio 2018 offrirà l’opportunità ai circa 8 milioni di italiani che soffrono […]
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Influenza, ISS: quasi 80 morti e gravi 8 donne in gravidanza
L’influenza stagionale ha raggiunto il suo picco ma colpisce ancora duramente, sopratutto donne e anziani. Salgono, infatti, a otto i casi gravi di influenza confermati in donne in gravidanza, mentre i decessi per complicanze dovute ai virus influenzali accertati da settembre a oggi sono quasi 80. Lo comunica l‘Istituto superiore di sanità (Iss) nell’ultimo aggiornamento […]
Influenza, dai pediatri l’invito a vaccinare tutti i bambini
«L’influenza non deve essere sottovalutata e per questo tutta la società scientifica sta spingendo affinchè dal prossimo anno tutti i bambini siano vaccinati, cosi’ come avviene già in altri Paesi europei» è l’AGI a riportare le parole del professor Alberto Villani, presidente della Società Italiana Pediatria, parlando del picco influenzale che quest’anno ha colpito migliaia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...