Lavoro 23 Agosto 2021 11:35

A settembre 80% di italiani vaccinati o potrà scattare l’obbligo. Si punta su uffici pubblici e scuola

La variante Delta ha rovinato i piani del governo italiano e ora serve l’80% della popolazione vaccinata per contrastarla. Sileri stabilisce il limite al 15 settembre, pena vaccino obbligatorio forse per gli over 40. Costa chiede uffici pubblici in presenza, Bianchi annuncia le sospensioni a scuola

A settembre 80% di italiani vaccinati o potrà scattare l’obbligo. Si punta su uffici pubblici e scuola

Il 15 settembre è il limite massimo, è iniziata «l’ultima chiamata alle vaccinazioni». In un’intervista sul quotidiano La Stampa, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri è stato chiaro: se non raggiungeremo l’80% della popolazione vaccinata entro metà del mese prossimo «dovremo valutare la possibilità di una forma di obbligo».

Obbligo a over 40, variante Delta cambia tutto

Su quale tipo di obbligo vaccinale, Sileri non si è ancora sbilanciato. Dai dati che riguardano le ospedalizzazioni, che mostrano oltre il 90% di ricoverati non vaccinati e over 50, per Sileri sembrerebbe indicato sottoporre solo «le fasce che rischiano di più» all’obbligo. «Io andrei a proteggere chi ha più di 40 anni – ha detto -. Non possiamo continuare a rallentare il lavoro ordinario degli ospedali. È assurdo pensare di dover lasciare ancora indietro tutti quei malati che non hanno il Covid ma aspettano delle cure».

Sileri ha anche risposto prontamente a chi ha accusato di rimangiare l’informazione diffusa prima dell’estate secondo cui i due terzi della popolazione sarebbero stati sufficienti per l’immunità di gregge. Il sottosegretario ha spiegato che per il virus “originario” sarebbe stato così, ma la variante Delta impone di alzare il limite all’80% e «forse anche qualcosa di più».

Ministro Bianchi: «Senza Green pass non si lavora a scuola»

La linea è confermata da tutto il governo: anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi è stato inequivocabile. «Insegnanti e personale scolastico dovranno avere il Green pass: chi non ce l’ha non entrerà e sarà sospeso», ha dichiarato dopo la firma del protocollo rientro con i sindacati (a eccezione dell’ANIEF). La Dad non deve ritornare e per questo tutti i lavoratori della scuola devono spianare il terreno ai ragazzi.

Per gli studenti la certificazione non sarà obbligatoria (sebbene consigliata dai 12 anni in su), dunque la loro protezione sarà affidata a personale immunizzato e trasporto pubblico migliorato e intensificato. 800 milioni investiti per realizzare un piano che gli studenti richiedono da tempo. Le Regioni intanto hanno l’obbligo di accelerare e richiamare chi è sfuggito alla vaccinazione. Sardegna, Sicilia, Calabria, Trento e Bolzano mostrano meno del 70% del personale scolastico vaccinato a ciclo completo. Qui servirà un forte colpo di coda. Campania, Molise, Lombardia e Friuli invece le eccellenze: oltre il 90% ha completato il ciclo vaccinale.

Uffici pubblici, Costa chiede stop a smart working e ritorno in presenza

Agli insegnanti potrebbero unirsi anche gli impiegati di uffici pubblici. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha proposto di estendere l’obbligo di Green pass anche per queste categorie lavorative. Gli uffici pubblici, ha spiegato, devono garantire un servizio di continuità a contatto con il pubblico e non è possibile che stiano ancora proseguendo in smart working. Modalità che, in questo caso, rallenterebbe ulteriormente il ritorno alla normalità.

Costa ha specificato che ad oggi non è facile distinguere tra popolazione no vax e “nì vax”, ovvero persone dubbiose che possono ancora essere convinte. Con i dati di settembre e l’impegno delle Regioni al ritorno dalle vacanze, che hanno fisiologicamente abbassato il ritmo di lavoro degli hub vaccinali durante l’estate, si spera in un cambio di marcia. Se così non fosse e non si giungesse all’80% preposto «va introdotto l’obbligo per alcune categorie, come per medici e infermieri», ha sentenziato Costa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ansia da primo giorno di scuola? C’è chi la “cura” con la mascherina
Abolito l’obbligo di mascherina in classe, ma c’è chi la indosserà ugualmente, lo psicologo: «Aiuta a sentirsi più al sicuro». Altra novità dell’anno scolastico 2022-23 è la riapertura delle mense, ma l’esperto avverte: «Attenzione all’inquinamento acustico. La pandemia ci ha disabituati al caos»
Rientro a scuola, c’è ancora l’obbligo della mascherina?
Nelle nuove linee guida per il rientro a scuola le misure sono meno stringenti: nessun obbligo mascherina per tutti. Ma le cose potranno cambiare qualora l'emergenza si aggravi
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
Scuola, la SIMA lancia l’allarme. «Su Covid e tutela salute degli studenti Italia si è fermata»
Con riaperture aule a settembre si rischia nuova ondata di contagi. Servono misure urgenti per garantire qualità dell’aria e ridurre trasmissione virus nelle scuole. Dotare classi di adeguati sistemi di aerazione e dispositivi Smart di monitoraggio CO2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...