Salute 31 Agosto 2021 12:14

No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici

Intimidazioni, minacce e aggressioni: sale la tensione. L’assessore alla Sanità del Lazio: «Chi finisce in terapia intensiva e ha rifiutato il vaccino si paghi il ricovero»

No vax sempre più aggressivi: nel mirino medici, giornalisti e politici

Il clima nel Paese si sta surriscaldando. Sono sempre più numerosi gli atti d’intimidazione, gli insulti e le minacce nei confronti di medici e professionisti sanitari, ma anche giornalisti e politici. L’escalation di violenza verbale e fisica da parte dei No Green pass e No vax conta almeno quattro episodi in tre giorni. L’ultimo ai danni di un cronista di Repubblica, prima minacciato e poi aggredito da un collaboratore scolastico durante la manifestazione contro il Green pass davanti al ministero dell’Istruzione.

Bassetti inseguito a Genova

Anche i medici nel mirino: Matteo Bassetti, l’infettivologo del San Martino, è stato inseguito e minacciato a Genova domenica scorsa da un uomo poi identificato e denunciato dalla polizia. Bassetti riceve da mesi offese e minacce sul telefono e sui social; gli investigatori sono al lavoro per scoprire chi si nasconde dietro cellulari e nickname.

AMOlp chiede l’intervento delle istituzioni. «Individuare i responsabili»

«L’intensificarsi delle minacce che ci vengono segnalate e che raccogliamo desta molta preoccupazione» sostiene l’Associazione Medici ed Odontoiatri liberi professionisti. L‘AMOlp condanna «qualsiasi forma d’intolleranza e intimidazione nei confronti dei colleghi vaccinatori e di tutta la categoria medica e auspica con fermezza che gli organi di vigilanza competenti si adoperino nel contrastare questi vergognosi atti di intolleranza e nell’individuare i responsabili».

No Green pass, il 1° settembre stazioni dei treni a rischio

La protesta No vax intanto impensierisce il Viminale. A giorni il ministro Lamorgese convocherà il Centro di Coordinamento per le attività di monitoraggio sugli atti intimidatori contro i giornalisti. Sale l’apprensione per due date: il 1° settembre è stato organizzato un “blocco ferroviario” in 54 stazioni italiane contro l’obbligo di Green Pass e il 15 settembre è stata convocata a Roma la manifestazione nazionale contro la Certificazione verde. Il Viminale assicura «sempre la libertà di manifestare pacificamente nel rispetto delle regole» ma precisa che «non saranno ammessi atti di violenza e minacce».

La proposta del Lazio contro i No vax: «Chi rifiuta il vaccino si paghi il ricovero»

Il Lazio si mantiene tra le regioni con il maggior numero di vaccinati contro Covid-19. Nonostante i numeri confermino inconfondibilmente che il vaccino protegge dalle forme gravi della malattia, resta uno zoccolo duro di indecisi, diffidenti e no-vax convinti.

Nel Lazio sono 250.152 i residenti tra i 50 e i 79 anni che non hanno prenotato la vaccinazione, ai quali l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato non risparmia critiche. «È ora di mettere un punto – precisa perentorio al Messaggero -. La Regione sta studiando il modo per contestare ai No vax le spese per le cure mediche. Lo faremo» promette.

Secondo D’Amato, i contrari all’immunizzazione «si rendono conto del dramma e del pericolo che stanno correndo nel momento esatto in cui finiscono ricoverate e tutti si pentono di non essersi vaccinati». Per questo, la linea dura: «Queste persone che rifiutano la vaccinazione mettendo a rischio le libertà altrui devono assumersi la responsabilità delle proprie scelte e azioni fino in fondo» spiega.

La sua è «un’idea a cui stiamo lavorando» che si fa sempre più concreta. «Ci sono dei modelli a cui faremo riferimento – continua D’Amato -. Sono quelli della Lombardia, dove un tempo veniva spedito a casa del paziente, prima ricoverato e poi dimesso, una sorta di memorandum su quanto fosse costata la sua degenza all’ente regionale» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Omceo Pa: «Intimidazioni sui muri della sede. Raid nella notte dei no vax»
Il presidente Toti Amato: «Un attacco vile, già partite le denunce alle forze dell’ordine»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola