Formazione 8 Luglio 2021 15:58

La presa di posizione di Bassetti contro i sanitari non vaccinati: «Non si aggiornano, vanno allontanati dalla professione»

Per il primario di malattie infettive del San Martino di Genova alla base del rifiuto del vaccino ci sarebbe un problema culturale: «Necessario rivedere la formazione»

di Federica Bosco
La presa di posizione di Bassetti contro i sanitari non vaccinati: «Non si aggiornano, vanno allontanati dalla professione»

«I sanitari che non si vaccinano dimostrano di ignorare la materia scientifica, il che implica la necessità di un cambio di passo anche nella formazione». Non usa mezze parole Matteo Bassetti, primario di malattie infettive del San Martino di Genova, nel cercare una spiegazione ad un fenomeno che a suo parere chiama in causa Università e Governo.

«È un problema culturale perché buona parte dei medici che si esprimono contro i vaccini sono di una generazione che addirittura all’università non ha dovuto sostenere l’esame sulle malattie infettive, diventato obbligatorio negli anni 1988/1989. Quindi, i primi laureati con una formazione completa in tema di malattie infettive e di conseguenza sulla patogenesi, sulla fisiopatologia, sull’epidemiologia, sulle terapie e sui vaccini risalgono al 1994, i cinquantenni di oggi. Chi è più grande e ancora in attività avrebbe dovuto aggiornarsi su questi temi tramite il programma di ECM, invece il nostro è un sistema burocratico e perverso che fa sì che la gente paghi per partecipare a dei congressi e poi si faccia dare le risposte ai quesiti da qualcun altro. In questo modo abbiamo creato un meccanismo non premiale, come invece è in altri paesi».

«Manca la board review certification»

Per Bassetti il modello anglosassone con la cosiddetta board review certification sarebbe funzionale per permettere di verificare ogni cinque anni un aggiornamento adeguato. «Da noi un medico che ha preso una specializzazione in qualunque materia si laurea a 30 anni e va in pensione a 70 senza mai essere sottoposto a verifiche. È chiaro che in un contesto come questo movimenti altamente antiscientifici, privi di una valenza culturale come sono i no Vax e i vaccino-scettici, trovino terreno fertile. È molto facile demolirli, ma non intendo più mettermi a confronto con loro».

«Ci sono coloro che sostengono che l’autismo dipende dal vaccino contro il morbillo, ci sono quelli che dicono che nei vaccini ci sono i metalli pesanti, altri secondo cui i vaccini anti-Covid sono farmaci sperimentali. Insomma, sono argomenti da bar alimentati da movimenti di persone che formano organizzazioni non scientifiche. Sono ciarlatani. Non hanno nulla da dire ma per farsi ascoltare non usano i sistemi convenzionali, ovvero le riviste scientifiche internazionali che reputano essere parte di “big pharma”, ma utilizzano i social come Facebook e Twitter dove non ci sono filtri e chiunque può pubblicare o dire qualunque cosa».

«La legge c’è, ma non si applica»

L’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari è diventato legge in Italia, ma non sembra aver risolto il problema: «Se c’è una legge, un paese civile e rispettabile deve farla applicare. Oggi invece mi risulta che la maggior parte dei sanitari non vaccinati continui ad esercitare nelle strutture sanitarie e questo è inaccettabile. Chi non rispetta le leggi dovrebbe essere allontanato dalla professione senza se e senza ma allo stesso modo di chi rifiuta l’aggiornamento».

«Necessario stabilire le sanzioni per chi non si aggiorna»

Il Bassetti pensiero quindi è chiaro, e lo ribadisce a più riprese: chi rifiuta l’aggiornamento e non segue i corsi non merita di esercitare. «Abbiamo creato gli ECM con l’obbligo di fare un numero di crediti nel triennio, dopodiché se non si stabiliscono e non si rispettano le sanzioni per chi non è in regola non ne usciremo mai. In realtà l’Italia è un paese complicato e quando i nodi vengono al pettine, come è accaduto in questo anno e mezzo di pandemia da Covid, ci rendiamo conto di quanto il sistema sanitario e formativo sia fragile».

«Neppure le assicurazioni, minacciando rivalse nei confronti dei medici non aggiornati, avrebbero abbastanza forza – sostiene Bassetti -. Qui ci vuole una riorganizzazione del sistema dando la possibilità di licenziare chi non si aggiorna, perché significa ignorare la materia, come dimostrano i professionisti sanitari che non si vaccinano contro il Covid. Quindi credo che, e mi assumo le mie responsabilità, chi è contro i vaccini lo sia solo perché è profondamente ignorante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Agenas al lavoro per migliorare l’offerta ECM. Di Falco: «Fondamentale la sinergia con i provider»
Il direttore dell’Ufficio Formazione ECM di Agenas: «Dal prossimo anno verifiche e sanzioni per chi non è in regola con i trienni prorogati al 31 dicembre. Imparare a pianificare aggiornamento per non ridursi all’ultimo»
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»
«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»
di Federica Bosco
Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini valuteranno sanzioni per chi non è in regola»
Il segretario della Federazione degli Ordini dei medici: «Siamo enti sussidiari dello Stato, non possiamo che applicare le leggi»
Il Consiglio di Stato apre le porte all’obbligo della terza dose per i professionisti sanitari?
Secondo Federico Gelli l’obbligo di inoculazione della dose “booster” anche per gli operatori sanitari sarebbe, alla luce di questa sentenza, «doveroso». Ma è davvero così? Cosa dice la sentenza? Lo abbiamo chiesto all’avv. Andrea Marziale, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario
«Legittimo l’obbligo vaccinale per il personale sanitario», Consiglio di Stato boccia ricorso medici
Respinta l'istanza presentata da medici e farmacisti del Friuli-Venezia Giulia. Per i giudici l’obbligo vaccinale «non si fonda solo sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e personale sanitario, ma anche sul più generale dovere di solidarietà che grava su tutti i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano