Lavoro 2 Aprile 2021 13:42

Obbligo vaccinale sanitari: quando scattano trasferimento e sospensione di stipendio

Dal 7 aprile entra in vigore l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari. Medici, infermieri, farmacisti dovranno provvedere a effettuare la vaccinazione anti-Covid entro i successivi 20 giorni. Esaminiamo quali sono i prossimi passaggi

Obbligo vaccinale sanitari: quando scattano trasferimento e sospensione di stipendio

Arriva l’obbligo vaccinale per medici, infermieri, farmacisti, professionisti e operatori sanitari. Con l’ultimo decreto, in vigore dal 7 aprile e con scadenza 31 dicembre 2021, si introducono sanzioni e procedure per i lavoratori della salute che rifiuteranno il vaccino anti-Covid.

Tra le possibilità, il trasferimento in un ufficio amministrativo, dove si possa evitare il contatto con i pazienti, fino alla sospensione dello stipendio per i casi più gravi. Nel decreto, infatti, la vaccinazione viene annotata come «requisito essenziale» per lo svolgimento della professione, somministrata sempre gratuitamente e secondo le indicazioni regionali. Fanno eccezione i casi di «accertato pericolo per la salute», documentati e comprovati da un medico di medicina generale.

Primo step: 5 giorni per gli elenchi professionali

Gli ordini professionali del territorio avranno cinque giorni, dopo l’approvazione del decreto, per trasmettere l’elenco degli iscritti con residenza alla Regione o Provincia autonoma di riferimento. I singoli datori di lavoro di operatori socio-sanitari, socio-assistenziali, lavoratori di strutture private e pubbliche, farmacie e parafarmacie dovranno fare lo stesso per i propri dipendenti.

Secondo step: le verifiche sullo stato vaccinale

Nei successivi 10 giorni, ricevuto l’elenco, le Regioni verificheranno lo stato vaccinale dei soggetti trasmessi. Coloro che risulteranno non vaccinati contro Sars-CoV-2 verranno segnalati all’azienda sanitaria locale di residenza. Quest’ultima provvederà a invitare la persona interessata a fornire, entro cinque giorni dalla comunicazione, una documentazione che provi la vaccinazione effettuata o, in caso di differimento, la richiesta effettuata o i documenti necessari per l’impossibilità di effettuarla.

Alla scadenza delle cinque giornate, se un riscontro non sarà stato prodotto, sarà l’Asl a «invitare formalmente l’interessato a sottoporsi alla vaccinazione, indicando modalità e termini entro i quali adempiere l’obbligo». Dopo aver effettuato la vaccinazione, entro tre giorni bisognerà trasmettere i documenti di attestazione necessari.

Terzo step: comunicazione di inadempienza e provvedimenti

Se così non sarà, l’azienda sarà obbligata a trasmettere l’inosservanza dell’obbligo vaccinale all’interessato, al luogo di lavoro e all’Ordine professionale. Con l’atto di accertamento l’Asl determina anche la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni con contatti interpersonali e che potrebbero diffondere il contagio. Di seguito l’Ordine comunicherà «immediatamente la sospensione».

Appresa la notizia, il datore di lavoro avrà possibilità di spostare il soggetto coinvolto su mansioni diverse e non a contatto con il pubblico. Anche di tipo inferiore rispetto a quelle precedentemente svolte e con corrispondente trattamento economico. In caso questo non si mostri possibile, «per il periodo di sospensione non è dovuta retribuzione, compenso o emolumento».

Sulla durata della sospensione le scadenze possono essere tre: l’assolvimento dell’obbligo vaccinale, la conclusione del piano vaccinale nazionale o, in extremis, la scadenza di validità (31 dicembre 2021).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omissione sanitaria e decesso: come accertare il nesso causale
Una recente sentenza della Cassazione fa il punto sull'accertamento del nesso causale fra l'omissione sanitaria e il decesso
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Obbligo vaccinale, primo via libera alla Camera. Dalla validità del Green pass alla quarantena a scuola, tutte le novità del decreto
Il provvedimento ora atteso al Senato per il via libera definitivo. Spaccatura nella maggioranza, la Lega si è astenuta. Tra le novità l’estensione del Green pass rafforzato per accedere agli uffici postali, bancari e finanziari, alle attività commerciali. Test antigenici gratuiti nelle scuole fino al 28 febbraio
di Francesco Torre
Tamponi nelle parafarmacie, indennità, consenso informato. Così i partiti vogliono cambiare il decreto sull’obbligo vaccinale
Centinaia gli emendamenti presentati al DL 1 del 2022 che introduce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Coraggio Italia chiede di estendere l’obbligo agli over 18. Mentre il M5S chiede tamponi calmierati in base al reddito. Richiesta bipartisan per consentire anche a chi ha il Green pass base di fruire dei trasporti marittimi
di Francesco Torre
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Terapia intensiva neonatale allo stremo a Napoli. Peperoni (SUMAI): «Ora obbligo vaccinale per donne incinte»
L'Ospedale Federico II è l’unico sul territorio destinato a partorienti e neonati Covid. «Sovraffollamento e rischio focolai, la Regione individui altri presìdi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...