Lavoro 2 Aprile 2021 13:42

Obbligo vaccinale sanitari: quando scattano trasferimento e sospensione di stipendio

Dal 7 aprile entra in vigore l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari. Medici, infermieri, farmacisti dovranno provvedere a effettuare la vaccinazione anti-Covid entro i successivi 20 giorni. Esaminiamo quali sono i prossimi passaggi

Obbligo vaccinale sanitari: quando scattano trasferimento e sospensione di stipendio

Arriva l’obbligo vaccinale per medici, infermieri, farmacisti, professionisti e operatori sanitari. Con l’ultimo decreto, in vigore dal 7 aprile e con scadenza 31 dicembre 2021, si introducono sanzioni e procedure per i lavoratori della salute che rifiuteranno il vaccino anti-Covid.

Tra le possibilità, il trasferimento in un ufficio amministrativo, dove si possa evitare il contatto con i pazienti, fino alla sospensione dello stipendio per i casi più gravi. Nel decreto, infatti, la vaccinazione viene annotata come «requisito essenziale» per lo svolgimento della professione, somministrata sempre gratuitamente e secondo le indicazioni regionali. Fanno eccezione i casi di «accertato pericolo per la salute», documentati e comprovati da un medico di medicina generale.

Primo step: 5 giorni per gli elenchi professionali

Gli ordini professionali del territorio avranno cinque giorni, dopo l’approvazione del decreto, per trasmettere l’elenco degli iscritti con residenza alla Regione o Provincia autonoma di riferimento. I singoli datori di lavoro di operatori socio-sanitari, socio-assistenziali, lavoratori di strutture private e pubbliche, farmacie e parafarmacie dovranno fare lo stesso per i propri dipendenti.

Secondo step: le verifiche sullo stato vaccinale

Nei successivi 10 giorni, ricevuto l’elenco, le Regioni verificheranno lo stato vaccinale dei soggetti trasmessi. Coloro che risulteranno non vaccinati contro Sars-CoV-2 verranno segnalati all’azienda sanitaria locale di residenza. Quest’ultima provvederà a invitare la persona interessata a fornire, entro cinque giorni dalla comunicazione, una documentazione che provi la vaccinazione effettuata o, in caso di differimento, la richiesta effettuata o i documenti necessari per l’impossibilità di effettuarla.

Alla scadenza delle cinque giornate, se un riscontro non sarà stato prodotto, sarà l’Asl a «invitare formalmente l’interessato a sottoporsi alla vaccinazione, indicando modalità e termini entro i quali adempiere l’obbligo». Dopo aver effettuato la vaccinazione, entro tre giorni bisognerà trasmettere i documenti di attestazione necessari.

Terzo step: comunicazione di inadempienza e provvedimenti

Se così non sarà, l’azienda sarà obbligata a trasmettere l’inosservanza dell’obbligo vaccinale all’interessato, al luogo di lavoro e all’Ordine professionale. Con l’atto di accertamento l’Asl determina anche la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni con contatti interpersonali e che potrebbero diffondere il contagio. Di seguito l’Ordine comunicherà «immediatamente la sospensione».

Appresa la notizia, il datore di lavoro avrà possibilità di spostare il soggetto coinvolto su mansioni diverse e non a contatto con il pubblico. Anche di tipo inferiore rispetto a quelle precedentemente svolte e con corrispondente trattamento economico. In caso questo non si mostri possibile, «per il periodo di sospensione non è dovuta retribuzione, compenso o emolumento».

Sulla durata della sospensione le scadenze possono essere tre: l’assolvimento dell’obbligo vaccinale, la conclusione del piano vaccinale nazionale o, in extremis, la scadenza di validità (31 dicembre 2021).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ini Grottaferrata, consegnati attestati di merito ai sanitari impegnati nella campagna vaccinale
«La parola simbolo è gratitudine. È la vittoria di un sistema senza differenze tra pubblico e privato». Così Alessio D’Amato assessore alla sanità della Regione Lazio
Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente
Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è […]
«Ecco perché ampliare l’obbligo del vaccino anti-Covid è possibile»
Intervista all'avvocato Fabio Frattini, penalista di Tivoli e componente della Giunta Nazionale dell'Unione Camere Penali Italiane (UCPI)
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Draghi in conferenza conferma: prossimi passi estensione obbligo vaccinale e terza dose
Draghi ringrazia i più giovani per l'adesione fiduciosa alla campagna vaccinale e dice un sì convinto all'estensione del Green pass per nuove categorie di lavoratori e poi all'obbligo. Intanto a scuola, ricorda, se si sarà tutti vaccinati si potrà stare senza mascherine
Ricorsi contro l’obbligo vaccinale respinti in tutta Europa. No della CEDU ai pompieri francesi
La Corte europea dei diritti umani ha respinto il ricorso dei pompieri francesi contro l'obbligo vaccinale. Nessuna causa vinta neppure in Italia dai ricorrenti al TAR contro le sospensioni. E intanto si parla di prolungare la durata del Green pass da 9 a 12 mesi (solo per i vaccinati)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco