Contributi e Opinioni 14 Gennaio 2022 15:46

Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?

Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L’ASL può infatti annullare l’atto se non ben redatto

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?

L’operatore sanitario che per motivi di salute è esentato dalla profilassi vaccinale anti-Covid-19 ha l’obbligo di presentare alla propria ASL di competenza un certificato di esenzione dal vaccino. Ma attenzione alla sua corretta ed adeguata compilazione. Una recente sentenza del Consiglio di Stato, la n. 8454/2021, sostiene che in esso dev’essere espressamente indicata la patologia che motiva l’esonero vaccinale.

Certificato di esonero vaccinale: quale iter seguire?

Chi può certificare l’esenzione dalla profilassi anti-Covid-19 per gravi motivi di salute? A tale compito sono preposti sia i medici vaccinatori dei servizi vaccinali delle Aziende ed Enti dei Servizi Sanitari Regionali, sia i medici di medicina generale (nonché i pediatri di libera scelta). Ovviamente il documento di esenzione non ha un costo e – come riporta una circolare del Ministero della Salute – deve indicare:

  • i dati anagrafici dell’assistito;
  • la dicitura: “soggetto esente alla vaccinazione anti SARS-CoV-2. Certificazione valida per
    consentire l’accesso ai servizi e attività di cui al comma 1, art. 3 del DECRETO-LEGGE 23
    luglio 2021, n 105″;
  • la dicitura: “certificazione valida fino al ___________”, con indicata la data di fine validità;
  • dati relativi al Servizio vaccinale della Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale in cui opera come vaccinatore Covid-19 (denominazione del Servizio – Regione);
  • timbro e firma del medico certificatore (anche digitale);
  • numero di iscrizione all’ordine o codice fiscale del medico certificatore.

La succitata circolare conclude: «[i] certificati non possono contenere altri dati sensibili del soggetto interessato (es. motivazione clinica della esenzione)».

Chi può essere esentato dalla vaccinazione?

L’esenzione dalla profilassi riguarda tutti coloro che, per gravi motivi di salute, non possono ricevere il vaccino (o completarne il ciclo) al fine di ottenere la certificazione verde Covid-19. A certificare quanto sopra, abbiamo visto, dev’essere un medico di medicina generale o – al limite – un medico vaccinatore, il quale agisce sulla base di “specifiche condizioni cliniche documentate”.

Il caso

La vicenda che ha coinvolto il Consiglio di Stato prende le mosse da un ricorso presentato da un medico convenzionato ASL, che si è visto sospendere dal lavoro – con decorrenza immediata e senza retribuzione – perché non vaccinatosi. Tutto ciò nonostante la presentazione di un certificato di esonero vaccinale, giudicato però dalla ASL non idoneo. Sia il TAR sia il Consiglio di Stato hanno confermato il giudizio dell’Azienda sanitaria, rigettando il ricorso del medico.

La motivazione del rigetto

Nel dar ragione al comportamento dell’Azienda sanitaria, la sentenza specifica: «[…] poiché la norma, nella sua formulazione testuale, attribuisce al medico di medicina generale il compito di attestare l’ “accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate”, ne deriva che di tali elementi costitutivi della fattispecie di esonero deve darsi espressamente atto nella certificazione all’uopo rilasciata […]». In particolare, «[…] l’ “attestazione” delle “specifiche condizioni cliniche documentate”, quindi, non consiste nella […] mera dichiarazione della loro esistenza ab externo, essendo necessario, ai fini del perfezionamento della fattispecie esoneratrice, che delle “specifiche condizioni cliniche documentate” sia dato riscontro nella certificazione […]». Ciò significa, in altre parole, che deve essere garantito all’Amministrazione pubblica un minimo potere di controllo in relazione alle «specifiche condizioni cliniche documentate». Essa deve poter cioè giudicare l’attendibilità della rispondenza della certificazione alla finalità per la quale è prevista. Per tale motivo, non può essere omessa l’indicazione della patologia che motiva l’esonero.

Conclusione

Abbiamo ampiamente trattato i rischi a cui vanno incontro i medici no vax in un precedente intervento. Qui la questione è però un po’ diversa. Si è di fronte ad un caso di un medico che ha diritto all’esonero, ma che ha presentato una certificazione giudicata non idonea. Ci domandiamo a questo punto quanta responsabilità abbia il medico certificatore nella vicenda. Una buona polizza di responsabilità civile professionale, magari messa a punto grazie alla consulenza esperta di un intermediario capace, potrebbe fare la differenza se chiamati in causa in una vicenda come questa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia
La vaccinazione pediatrica non decolla. Fino ad oggi sono stati vaccinati poco più del 35% dei bambini 5-11 anni. Su 6.726.393 dosi disponibili, ne sono state usate 2.595.995. L'Italia dona 150mila dosi alla Tunisia
Vaiolo delle scimmie, al via la campagna vaccinale in Italia
Da oggi, vaccini allo Spallanzani di Roma, in settimana a Milano. Le dosi attualmente disponibili, 16 mila, saranno suddivise tra le Regioni con il più alto numero di casi segnalati: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna e Veneto. Personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus, persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) tra i primi a ricevere la vaccinazione
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi