Lavoro 28 Luglio 2015

«18 ore in corsia e una pressione insostenibile». Tutta la verità sui turni massacranti

Le testimonianze dei medici mentre il governo prepara nuovi tagli: «Necessario un cambio di rotta per il bene della professione». Ondata di ricorsi per la violazione della direttiva europea 2003/88

Immagine articolo

Coscienza, spirito di sacrificio e professionalità. Così i medici vanno avanti nonostante le tante difficoltà che devono affrontare. Non da ultimi i tagli alla sanità nella manovra attualmente in discussione che, se da un lato – nelle intenzioni dell’esecutivo – andranno a colpire «sprechi e doppioni», dall’altro potrebbero gravare ancora di più su un personale medico già ridotto all’osso.


Ed uno dei problemi più sentiti resta quello dei turni massacranti: a causa della riduzione del personale e del turn over bloccato, si lavora ben oltre i limiti fisici ed anche quelli orari, imposti dalla direttiva europea 2003/88. Una violazione che sta già producendo una valanga di ricorsi e ha smosso anche il mondo delle istituzioni. Nel frattempo ai microfoni di Sanità informazione continuano ad arrivare le testimonianze dei diretti interessati. Come nel caso della dottoressa Antonia Francesca Braione e il dottor Antonio Laborante.

«Ora sforo solo di qualche ora – racconta la dottoressa Braione, specialista in diabetologia – non facendo più i turni di notte. Quando li facevo, invece, arrivavo anche alle 18 ore di lavoro ininterrotto. Lavoravo non solo la notte, ma anche il mattino successivo».

«Credo che il medico debba lavorare in serenità – osserva invece il dottor Laborante, oftalmologo – ma in molti ospedali, purtroppo, gli orari di lavoro sono davvero insostenibili: ho testimonianze di coordinatori infermieristici e di altri miei colleghi responsabili di reparto che hanno difficoltà a far quadrare i turni». Fatto, questo, che «determina una ingiustizia lavorativa», per colpa della quale «il professionista trova difficoltà nell’esprimere al meglio le proprie potenzialità», con conseguente aumento dei rischi corsi dal paziente: «Quando si lavora con poca serenità e con la pressione di turni lavorativi eccessivi aumentano,  purtroppo, le possibilità di errore».

E con il super carico di lavoro, aumenta a dismisura anche lo stress dei camici bianchi, che arrivano spremuti davanti a pazienti con la denuncia sempre più facile. Ed anche se statisticamente sono quasi tutte infondate e la percentuale delle condanne infinitesimale, si genera comunque un circola vizioso.

«Non è un problema di mera turnazione – continua il dottor Laborante – ma di mentalità. Ed è una mentalità che allontana i medici dalle sale operatorie. A meno di un’inversione di tendenza, ci saranno sempre meno chirurghi disposti a correre rischi eccessivi. L’atteggiamento persecutorio nei confronti dell’intera categoria medica è controproducente. E’ giusto colpire il singolo se sbaglia – conclude il medico – ma è anche opportuno distinguere quando, spesso, le responsabilità sono organizzative o amministrative».

Appare evidente, però, che nei professionisti sanitari sottoposti a questo tipo di orari di lavoro scatti una molla che li spinge, qualunque cosa accada, a non fermarsi mai: «Abbiamo davanti esseri umani – osserva la dottoressa Braione – e in certe cose il lavoro non può essere fatto a metà. Non è come una pratica che lasci in un cassetto e la ritrovi il giorno dopo. Il “giorno dopo”, con un paziente, potrebbe essere troppo tardi».

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Medici bersagli di studi legali, l’avvocato Spangaro: «Drastico calo della deontologia»
L'avvocato fiduciario di Cisl Medici Lazio: «Ci sono troppi legali e non c'è lavoro per tutti, quindi prendono in giro i malati»
di Vanessa Seffer
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Calvizie femminile, AME: «Gli androgeni non sono sempre una “spia”»
In Italia ne soffrono 4 milioni di donne. Gli esperti di AME: «È meglio intervenire tempestivamente, quando il danno è ancora limitato»
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...