Salute 24 Febbraio 2022 15:55

Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni

Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni

Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni

Riunioni più frequenti e precedenza ai casi più gravi. Queste sono le priorità emerse ieri durante la prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (Cceps), la cui attività è rimasta sostanzialmente bloccata per circa due anni. «E’ stata una riunione più che altro conoscitiva e organizzativa», riferisce Ferruccio Berto, tra i membri confermati alla Cceps che si occupa degli affari concernenti la professione di Odontoiatria. «Abbiamo stabilito le priorità, consapevoli che abbiamo tanto lavoro da recuperare», aggiunge Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale e membro della Cceps che si occupa degli affari concernenti la professione di Medico Chirurgo.

Miglia di pratiche arretrate accumulati in questi ultimi due anni

«Sono diverse migliaia le pratiche rimaste in sospeso, provvedimenti disciplinari in attesa di giudizio», spiega Scotti. La Cceps, infatti, è una sorta di Corte d’Appello che valuta i ricorsi presentati dai professionisti sanitari contro provvedimenti disciplinari. Quest’ultimi rimangono sospesi in attesa che la Cceps si esprima. «Le pratiche da smaltire che riguardano la professione di Odontoiatra sono più di 500», riferisce Berto. «Mentre quelle che riguardano i medici sono diverse migliaia», aggiunge Scotti. Due anni di arretrati che richiederanno probabilmente altrettanto tempo per essere recuperati. «Con riunioni che si terranno a 45 giorni circa a distanza l’una dall’altra e il bisogno di studiare e analizzare ogni pratica, a cui si aggiunge anche la necessità a volte di convocare l’accusato e il suo legale, più il tempo per decidere e per scrivere, ci vorrà diverso tempo per smaltire le pratiche», ammette Berto.

Priorità ai casi gravi di radiazione

Da qui la decisione di aumentare la frequenza delle riunioni e dare priorità ai casi più gravi. «Anziché fare valutazioni temporali, ci occuperemo prima di tutto delle pratiche più gravi: casi di radiazione legate ad esempio ad accuse di molestie sessuali», spiega Scotti. «Con un’accusa di tale gravità non possiamo pensare di rimandare ulteriormente la valutazione di queste pratiche. Ricordiamo – continua Scotti – che questi medici hanno presentato ricorso e, per questo, continuano a esercitare la professione medica a garanzia dei cittadini».

La carenza di personale ostacola il recupero delle pratiche in sospeso

La Cceps ha una missione davvero ambiziosa, da portare a termine nonostante una grave carenza di personale a supporto. Non di professionisti sanitari, ma di addetti alla segreteria e alla logistica in generale. «Dopo ogni decisione dobbiamo scrivere la sentenza, protocollarla e inviarla agli interessanti», spiega Berto. «E poi ci sono i verbali delle riunioni… insomma tanto lavoro e pochi dipendenti», aggiunge. «La Cceps si occupa di ben 29 professioni sanitarie e con anni di lavoro arretrato, in effetti il personale è davvero scarso», conferma Scotti, che garantisce comunque che «da parte nostra ci sarà il massimo impegno nello svolgere questo ruolo importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
Nas nelle RSA: 42 sanzioni per mancata vaccinazione di medici e infermieri
Ispezionate dai Nas 536 attività sociosanitarie e assistenziali: segnalate 107 irregolarità. Sanzionate 52 persone per violazioni penali e 87 per illeciti amministrativi per un totale di 80 mila euro
Test Medicina, piano B per 4 studenti su 5: oltre la metà rinuncia al sogno del camice
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «C'è un'altra strada, quella del ricorso, che porta all'ammissione alla Facoltà di Medicina». Poche settimane per partecipare al ricorso
Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»
Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali