Salute 24 Febbraio 2022 15:55

Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni

Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni

Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni

Riunioni più frequenti e precedenza ai casi più gravi. Queste sono le priorità emerse ieri durante la prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (Cceps), la cui attività è rimasta sostanzialmente bloccata per circa due anni. «E’ stata una riunione più che altro conoscitiva e organizzativa», riferisce Ferruccio Berto, tra i membri confermati alla Cceps che si occupa degli affari concernenti la professione di Odontoiatria. «Abbiamo stabilito le priorità, consapevoli che abbiamo tanto lavoro da recuperare», aggiunge Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale e membro della Cceps che si occupa degli affari concernenti la professione di Medico Chirurgo.

Miglia di pratiche arretrate accumulati in questi ultimi due anni

«Sono diverse migliaia le pratiche rimaste in sospeso, provvedimenti disciplinari in attesa di giudizio», spiega Scotti. La Cceps, infatti, è una sorta di Corte d’Appello che valuta i ricorsi presentati dai professionisti sanitari contro provvedimenti disciplinari. Quest’ultimi rimangono sospesi in attesa che la Cceps si esprima. «Le pratiche da smaltire che riguardano la professione di Odontoiatra sono più di 500», riferisce Berto. «Mentre quelle che riguardano i medici sono diverse migliaia», aggiunge Scotti. Due anni di arretrati che richiederanno probabilmente altrettanto tempo per essere recuperati. «Con riunioni che si terranno a 45 giorni circa a distanza l’una dall’altra e il bisogno di studiare e analizzare ogni pratica, a cui si aggiunge anche la necessità a volte di convocare l’accusato e il suo legale, più il tempo per decidere e per scrivere, ci vorrà diverso tempo per smaltire le pratiche», ammette Berto.

Priorità ai casi gravi di radiazione

Da qui la decisione di aumentare la frequenza delle riunioni e dare priorità ai casi più gravi. «Anziché fare valutazioni temporali, ci occuperemo prima di tutto delle pratiche più gravi: casi di radiazione legate ad esempio ad accuse di molestie sessuali», spiega Scotti. «Con un’accusa di tale gravità non possiamo pensare di rimandare ulteriormente la valutazione di queste pratiche. Ricordiamo – continua Scotti – che questi medici hanno presentato ricorso e, per questo, continuano a esercitare la professione medica a garanzia dei cittadini».

La carenza di personale ostacola il recupero delle pratiche in sospeso

La Cceps ha una missione davvero ambiziosa, da portare a termine nonostante una grave carenza di personale a supporto. Non di professionisti sanitari, ma di addetti alla segreteria e alla logistica in generale. «Dopo ogni decisione dobbiamo scrivere la sentenza, protocollarla e inviarla agli interessanti», spiega Berto. «E poi ci sono i verbali delle riunioni… insomma tanto lavoro e pochi dipendenti», aggiunge. «La Cceps si occupa di ben 29 professioni sanitarie e con anni di lavoro arretrato, in effetti il personale è davvero scarso», conferma Scotti, che garantisce comunque che «da parte nostra ci sarà il massimo impegno nello svolgere questo ruolo importante».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
17 anni e un sogno: il camice bianco. La storia del più giovane aspirante medico della Campania
«Passione, preparazione, relazioni umane: così costruirò la mia carriera e il mio futuro»
Il Test di ingresso a Medicina è illegittimo? «Nel bando c’è un errore clamoroso»
La denuncia dei legali: «Già negli scorsi anni i giudici amministrativi del Consiglio di Stato hanno accolto i ricorsi, ritenendo l’errato calcolo del fabbisogno elemento ostativo al diritto allo studio e causa della conseguente carenza di medici»
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
Nas nelle RSA: 42 sanzioni per mancata vaccinazione di medici e infermieri
Ispezionate dai Nas 536 attività sociosanitarie e assistenziali: segnalate 107 irregolarità. Sanzionate 52 persone per violazioni penali e 87 per illeciti amministrativi per un totale di 80 mila euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 novembre 2022, sono 642.871.819 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.633.645 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa