Salute 21 Febbraio 2022 17:19

Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»

È previsto per domani l’insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d’Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno

Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»

Da domani inizia il processo di «scongelamento» dei ricorsi che da oltre un anno hanno permesso ai medici sospesi o radiati di continuare a esercitare. Mercoledì infatti è previsto l’insediamento della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie (Cceps), l’organo che decide, tra l’altro, sui ricorsi dei professionisti sanitari contro le sanzioni disciplinari irrogate dagli Ordini territoriali. La precedente commissione era decaduta alla fine del 2020 e per questo le sanzioni degli ordini sono sostanzialmente cadute nel vuoto. Le sanzioni vengono infatti sospese quando il professionista sanitario presenta ricorso alla Cceps.

La Corte d’Appello dei professionisti sanitari è rimasta ferma 1 anno

«In pratica, abbiamo un anno di buco in cui i medici che non hanno rispettato l’obbligo vaccinale contro Covid-19 o che hanno intenzionalmente diffuso false informazioni sulla pandemia hanno continuato a lavorare», riferisce il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli. «La Commissione nazionale per gli esercenti le professioni sanitarie – spiega Anelli – è sostanzialmente la “Corte d’appello” che esamina i ricorsi nei confronti delle decisioni assunte dalle commissioni disciplinari dei vari Ordini provinciali di tutte le professioni sanitarie». Un secondo grado di giudizio rimasto fermo per più di un anno.

Sono migliaia le sanzioni rimaste in sospeso

«Con l’insediamento della nuova commissione – dice il presidente di Fnomceo – si rimette in moto un percorso di normalità che consentirà agli Ordini di poter vedere espressa sino in fondo la loro attività disciplinare e che permetterà ai professionisti sanitari di poter esercitare il loro diritto alla difesa». Con il ritorno all’operatività della Cceps si ripristinerà quindi un principio fondamentale: la certezza della pena o l’eventuale revisione della sanzione. «Non sappiamo con precisione quante siano le sanzioni sospese», dice Anelli. Ma probabilmente sono diverse migliaia. «Basta pensare che gli operatori sanitari non vaccinati siano dai 3mila ai 5mila su un totale di 460mila», spiega Anelli. «A questi vanno aggiunti tutti quelli sanzionati per altre ragioni. E’ evidente che la nuova commissione – conclude – avrà tanto lavoro da recuperare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
«Il decreto specializzandi è una soluzione tampone. No al task shifting». Intervista a Filippo Anelli
Il presidente della FNOMCeO: «Chiediamo una ristrutturazione della formazione specialistica: va esercitata all’interno degli ospedali. Il task shifting può essere adottato solo nei Paesi del terzo mondo o nei teatri di guerra. Il tempo della comunicazione fra il medico e paziente, così come per legge, è tempo di cura»
Stati generali comunicazione Salute, Speranza: «In emergenza contrastato il virus della disinformazione. Facciamone tesoro»
La due giorni organizzata da Federsanità ha preso il via al Policlinico Umberto I di Roma. Frittelli: «Solo se impareremo l’importanza della comunicazione per la salute, potremo contribuire alla salvaguardia del nostro SSN. Se sapremo comunicarlo, in ogni occasione, sarà più facile in ogni sede riuscire a difenderlo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 giugno, sono 543.612.507 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.329.069 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali