Giovani 7 Settembre 2022 18:05

17 anni e un sogno: il camice bianco. La storia del più giovane aspirante medico della Campania

«Passione, preparazione, relazioni umane: così costruirò la mia carriera e il mio futuro»

Esce dall’aula sereno, sorridente di quel sorriso che non è strafottenza, e con una tranquillità che non è indolenza. Nonostante il caldo torrido, nonostante le quattro ore di attesa prima di cimentarsi nel test (a Napoli gli ingressi erano schedulati alle 9 ed il test si è svolto dalle 13 in poi). È accompagnato dal fratello maggiore, sorridente anche lui, e dalla madre, che si tiene con discrezione a distanza, orgogliosa. È impossibile non rimanere colpiti dalla positività emanata dal più giovane aspirante medico della Campania, un ragazzo di appena 17 anni (compiuti da due settimane), che ieri ha varcato i cancelli di Monte Sant’Angelo con un sogno in tasca e tutti i numeri per realizzarli: è vestito di nero, non è superstizioso e a dispetto della sua età anagrafica non appare solo come il candidato più giovane, ma quello più a suo agio. Ecco la sua storia raccontata alle nostre telecamere.

Prima volta alle prese col test di accesso a Medicina?

«Sì, è la prima volta che sostengo il test, mi sono appena maturato al liceo scientifico e sono molto entusiasta e fiducioso. Ho compiuto da poco 17 anni, so che di opportunità nella vita ce ne saranno sempre, ma sono soddisfatto del mio studio di questi mesi e del mio impegno».

Il Test è un po’ cambiato quest’anno rispetto agli anni precedenti, con meno domande di cultura generale e più domande di chimica, biologia…

«Sicuramente è un bene che il test si basi maggiormente su argomenti inerenti a quelli che lo studente affronterà durante il corso della laurea in Medicina o in odontoiatria. In generale, penso che delle domande più mirate aiutino lo studente durante la sua preparazione, perché molte domande di cultura generale possono essere anche dispersive, in un certo senso».

Che ruolo gioca la fortuna rispetto alla preparazione nel superare il test di accesso a Medicina?

«La preparazione è fondamentale. Vero è che molti argomenti non si trovano all’interno delle domande su cui ci si è preparati, e qui la fortuna può giocare un ruolo, ma la preparazione, che sia frutto di un corso universitario, di un corso individuale, o di gruppo, credo sia il fattore più influente sul punteggio dei test».

Se dovesse registrarsi qualche irregolarità saresti pronto a fare ricorso per coronare il tuo sogno di diventare medico?

«Penso di sì. Fare ricorso è un diritto dello studente di fronte a un errore che può esserci all’interno di un test, che lo studente fa bene ad evidenziare».

Il tuo sogno di diventare medico quando è nato?

«Qualche anno fa, dall’amore per la biologia e la chimica ma soprattutto per la relazione umana che intercorre tra medico e paziente. Sono fermamente convinto che l’aspetto della comunicazione sia alla base di questo tipo di rapporto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Test medicina: da quesiti errati a procedure ambigue, valanga di segnalazioni a Consulcesi
Arriva il form dedicato per raccogliere segnalazioni. Tortorella (presidente Consulcesi): «Pronti a sostenere i candidati fin da subito per accedere alla graduatoria finale»
Diventare medico: ecco come nasce un sogno
Dalle tradizioni familiari alla vocazione post pandemia, i racconti da tutta Italia dei ragazzi che si sono cimentati nei test di accesso a Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi