Lavoro 7 Ottobre 2020

Covid-19, Arcuri: «Casi cresceranno. Avviato piano per altri 3500 posti in terapie intensive e 4200 in sub-intensive»

Il Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri al Congresso Fimmg illustra il piano per i nuovi posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza»

«Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza. Uno sforzo che devono fare tutti, cittadini e istituzioni. Il livello di attenzione e di responsabilità è molto alto, siamo comunque in presenza di una recrudescenza dell’epidemia che ha limiti e accenti diversi rispetto ad altri Paesi Ue». Queste le prime parole del Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri quando si è fermato a parlare con i giornalisti a margine del Congresso della Federazione italiana di medici di Medicina Generale in corso a Villasimius.

I NUOVI RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA

Arcuri, che ha più volte ringraziato i medici per quello che hanno fatto «nei giorni terribili della pandemia, lavorando giorno e notte con dedizione sconosciuta», ha quindi fatto il punto sulla situazione dei posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «All’inizio dell’epidemia erano 5179, cui si aggiungevano circa 6000 posti nei reparti di malattie infettive e pneumologiche. Al picco dell’epidemia siamo arrivati a 9500 posti in terapia intensiva e 30mila posti in questi reparti. Si tratta di un risultato straordinario. Ora ci siamo stabilizzati sui 7mila posti in terapia intensiva e 15mila nelle sub-intensive, ma abbiamo avviato un piano che porterà altri 3500 posti stabili in terapia intensiva e 4200 nelle su-intensive. Abbiamo concluso l’offerta per le attrezzature e redatto 21 accordi quadro per 600 interventi civili, spesso piccoli, alcuni dei quali potranno iniziare già dal prossimo mese».

Al momento sono circa 300 gli italiani ricoverati in rianimazione, quindi siamo ai limiti della normale gestione».

«Poi, ovviamente – ha aggiunto Arcuri – non servono solo i metri quadrati e le attrezzature ma anche e soprattutto risorse qualificate. E stiamo lavorando molto affinché anche questo possa succedere».

VACCINI ANTI-INFLUENZA E TERRITORIO

Arcuri ha quindi detto che la sua struttura da una settimana è stata coinvolta dal Ministro Speranza anche nell’acquisizione di un numero importante di vaccini antinfluenzali per correre in soccorso a quelle regioni, come la Lombardia, che non hanno un numero sufficiente di dosi.

E sul rafforzamento della medicina del territorio: «Occorre dotarla di strumenti di primo intervento. Oggi, rischiamo di meno l’entropia nelle terapie intensive e di più nei presidi ospedalieri. Quella dei medici di famiglia quindi è una funzione sempre più centrale nel contenimento della seconda ondata. Se abbiamo un filtro, riusciamo di più e meglio ad affrontare la situazione».

Infine, un passaggio sul lavoro fatto in questi mesi in merito alle mascherine e ai respiratori: «Dobbiamo essere orgogliosi di avere raggiunto un’autonomia nazionale. Ogni giorno distribuiamo 11 milioni di mascherine in 18mila scuole, e le produciamo da soli. In nessun altro luogo del mondo è stata fatta questa riconversione industriale. Su questo – ha concluso – dobbiamo stare tranquilli».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Scudo penale, arriva Ddl con ‘clausola di salvaguardia’ per operatori sanitari. Russo (FI): «Ma non sarà colpo di spugna»
Il parlamentare ha annunciato che, oltre al disegno di legge, presenterà un emendamento alla legge di Bilancio: «Credo sia il tempo giusto per poter garantire questo ombrello di dignità. Ai familiari dei pazienti deceduti per Covid sarà garantito il diritto a chiedere l’eventuale possibile risarcimento»
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Covid, il biofisico Bianconi: «Con le “leggi dello sviluppo dei sistemi viventi” abbiamo capito come si muove l’epidemia»
Il biofisico, attraverso studi quantitativi, si è concentrato sulla velocità di crescita o rallentamento dell’epidemia. E, dati alla mano, ha scoperto che il metodo applicato in Oriente, il “Case Finding and Mobile Tracing”, è molto più efficace nel contenimento dell’epidemia rispetto al “Lockdown Stop and Go”
Vacanze natalizie, cosa succederebbe in Europa se venissero eliminate le restrizioni? Lo scenario dell’ECDC
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha stilato un report in cui mette in guardia i governi Ue dall’allentare la presa. Il Premier Conte: «Vacanze sulla neve impensabili ma sì allo scambio dei doni»
La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»
La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli