Lavoro 7 Ottobre 2020

Covid-19, Arcuri: «Casi cresceranno. Avviato piano per altri 3500 posti in terapie intensive e 4200 in sub-intensive»

Il Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri al Congresso Fimmg illustra il piano per i nuovi posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza»

«Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza. Uno sforzo che devono fare tutti, cittadini e istituzioni. Il livello di attenzione e di responsabilità è molto alto, siamo comunque in presenza di una recrudescenza dell’epidemia che ha limiti e accenti diversi rispetto ad altri Paesi Ue». Queste le prime parole del Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri quando si è fermato a parlare con i giornalisti a margine del Congresso della Federazione italiana di medici di Medicina Generale in corso a Villasimius.

I NUOVI RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA

Arcuri, che ha più volte ringraziato i medici per quello che hanno fatto «nei giorni terribili della pandemia, lavorando giorno e notte con dedizione sconosciuta», ha quindi fatto il punto sulla situazione dei posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «All’inizio dell’epidemia erano 5179, cui si aggiungevano circa 6000 posti nei reparti di malattie infettive e pneumologiche. Al picco dell’epidemia siamo arrivati a 9500 posti in terapia intensiva e 30mila posti in questi reparti. Si tratta di un risultato straordinario. Ora ci siamo stabilizzati sui 7mila posti in terapia intensiva e 15mila nelle sub-intensive, ma abbiamo avviato un piano che porterà altri 3500 posti stabili in terapia intensiva e 4200 nelle su-intensive. Abbiamo concluso l’offerta per le attrezzature e redatto 21 accordi quadro per 600 interventi civili, spesso piccoli, alcuni dei quali potranno iniziare già dal prossimo mese».

Al momento sono circa 300 gli italiani ricoverati in rianimazione, quindi siamo ai limiti della normale gestione».

«Poi, ovviamente – ha aggiunto Arcuri – non servono solo i metri quadrati e le attrezzature ma anche e soprattutto risorse qualificate. E stiamo lavorando molto affinché anche questo possa succedere».

VACCINI ANTI-INFLUENZA E TERRITORIO

Arcuri ha quindi detto che la sua struttura da una settimana è stata coinvolta dal Ministro Speranza anche nell’acquisizione di un numero importante di vaccini antinfluenzali per correre in soccorso a quelle regioni, come la Lombardia, che non hanno un numero sufficiente di dosi.

E sul rafforzamento della medicina del territorio: «Occorre dotarla di strumenti di primo intervento. Oggi, rischiamo di meno l’entropia nelle terapie intensive e di più nei presidi ospedalieri. Quella dei medici di famiglia quindi è una funzione sempre più centrale nel contenimento della seconda ondata. Se abbiamo un filtro, riusciamo di più e meglio ad affrontare la situazione».

Infine, un passaggio sul lavoro fatto in questi mesi in merito alle mascherine e ai respiratori: «Dobbiamo essere orgogliosi di avere raggiunto un’autonomia nazionale. Ogni giorno distribuiamo 11 milioni di mascherine in 18mila scuole, e le produciamo da soli. In nessun altro luogo del mondo è stata fatta questa riconversione industriale. Su questo – ha concluso – dobbiamo stare tranquilli».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
Covid-19, Rostan (Iv): «Emergenza  non metta a rischio altre patologie»
«Ancora tante le strutture ospedaliere sprovviste di percorsi in sicurezza Covid con pazienti che occupano i triage dei Pronto soccorso o le corsie di reparti» segnala la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Covid, Gimbe: «Raddoppiano positivi e decessi, virus corre più veloce dei Dpcm»
Incremento esponenziale anche questa settimana secondo Fondazione Gimbe. Dal 7,8% della Provincia Autonoma di Trento al 44,9% della Campania. Raddoppia il tasso di positività
Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»
Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridurre la capienza dei mezzi pubblici. Ma dico no a un nuovo lockdown». Poi ammonisce: «Attenzione a dimenticare le altre patologie o rischiamo guai peggiori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...