Lavoro 7 Ottobre 2020 16:53

Covid-19, Arcuri: «Casi cresceranno. Avviato piano per altri 3500 posti in terapie intensive e 4200 in sub-intensive»

Il Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri al Congresso Fimmg illustra il piano per i nuovi posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza»

«Stiamo facendo ogni sforzo per evitare il ritorno della drammaticità dei primi mesi di emergenza. Uno sforzo che devono fare tutti, cittadini e istituzioni. Il livello di attenzione e di responsabilità è molto alto, siamo comunque in presenza di una recrudescenza dell’epidemia che ha limiti e accenti diversi rispetto ad altri Paesi Ue». Queste le prime parole del Commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri quando si è fermato a parlare con i giornalisti a margine del Congresso della Federazione italiana di medici di Medicina Generale in corso a Villasimius.

I NUOVI RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA

Arcuri, che ha più volte ringraziato i medici per quello che hanno fatto «nei giorni terribili della pandemia, lavorando giorno e notte con dedizione sconosciuta», ha quindi fatto il punto sulla situazione dei posti in terapia intensiva e sub-intensiva: «All’inizio dell’epidemia erano 5179, cui si aggiungevano circa 6000 posti nei reparti di malattie infettive e pneumologiche. Al picco dell’epidemia siamo arrivati a 9500 posti in terapia intensiva e 30mila posti in questi reparti. Si tratta di un risultato straordinario. Ora ci siamo stabilizzati sui 7mila posti in terapia intensiva e 15mila nelle sub-intensive, ma abbiamo avviato un piano che porterà altri 3500 posti stabili in terapia intensiva e 4200 nelle su-intensive. Abbiamo concluso l’offerta per le attrezzature e redatto 21 accordi quadro per 600 interventi civili, spesso piccoli, alcuni dei quali potranno iniziare già dal prossimo mese».

Al momento sono circa 300 gli italiani ricoverati in rianimazione, quindi siamo ai limiti della normale gestione».

«Poi, ovviamente – ha aggiunto Arcuri – non servono solo i metri quadrati e le attrezzature ma anche e soprattutto risorse qualificate. E stiamo lavorando molto affinché anche questo possa succedere».

VACCINI ANTI-INFLUENZA E TERRITORIO

Arcuri ha quindi detto che la sua struttura da una settimana è stata coinvolta dal Ministro Speranza anche nell’acquisizione di un numero importante di vaccini antinfluenzali per correre in soccorso a quelle regioni, come la Lombardia, che non hanno un numero sufficiente di dosi.

E sul rafforzamento della medicina del territorio: «Occorre dotarla di strumenti di primo intervento. Oggi, rischiamo di meno l’entropia nelle terapie intensive e di più nei presidi ospedalieri. Quella dei medici di famiglia quindi è una funzione sempre più centrale nel contenimento della seconda ondata. Se abbiamo un filtro, riusciamo di più e meglio ad affrontare la situazione».

Infine, un passaggio sul lavoro fatto in questi mesi in merito alle mascherine e ai respiratori: «Dobbiamo essere orgogliosi di avere raggiunto un’autonomia nazionale. Ogni giorno distribuiamo 11 milioni di mascherine in 18mila scuole, e le produciamo da soli. In nessun altro luogo del mondo è stata fatta questa riconversione industriale. Su questo – ha concluso – dobbiamo stare tranquilli».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: Rt a 0,81. Sardegna in zona rossa
Brusaferro (ISS): «Ricoveri area medica sotto soglia critica. Calano anche terapie intensive». Rezza (Ministero Salute): «Non si può escludere aumento casi. No al liberi tutti»
Vaccinazioni, Bologna (PP): «Ho chiesto a Speranza di istituire un tavolo di lavoro con tutte le professioni coinvolte»
«La campagna vaccinale per contrastare il Covid-19 sta accelerando, le regioni cercano di raggiungere gli obiettivi programmati e i numeri in assoluto sono in miglioramento. Questa crescita la dobbiamo senza dubbio al modello organizzativo unitario nazionale che sta funzionando nell’ambito degli hub vaccinali e degli ospedali grazie alla collaborazione di medici e infermieri che gestiscono […]
Il diritto alla felicità. Un film dedicato a Unicef
Una storia di amicizia sincera tra due generazioni, culture ed esperienze diverse che oltrepassa i confini della vita. Questo il soggetto del film “Il diritto alla Felicità”, prodotto da Imago Film con il patrocinio di Federfarma e il supporto non condizionato di Sanofi. I protagonisti sono Libero, un appassionato venditore di libri usati interpretato da […]
Vaccini, Regimenti (Lega): «Diversificare acquisto e non limitarsi a quelli a mRNA, serve migliore offerta per cittadini»
L'eurodeputata della Lega chiede chiarimenti alla Commissaria alla Salute Kyriakides «sul contratto stipulato recentemente con Pfizer solleverebbe l’azienda da qualsiasi responsabilità una volta consegnate le dosi»
Covid-19, gli effetti sulla salute mentale (uno studio italiano)
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 aprile, sono 144.767.231 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.072.522 i decessi. Ad oggi, oltre 950,65 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...