Politica 5 Maggio 2022 16:18

DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale

Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo

di Francesco Torre
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale

Primo via libera alla Camera per il Decreto Riaperture che tra le altre cose disciplina la fine dello stato di emergenza, avvenuta il 31 marzo. I voti a favore sono stati 316, 48 i contrari, sei gli astenuti. Il testo ora passa al Senato. Il Decreto 24 del 24 marzo 2022 segna il superamento delle misure adottate in questi anni di emergenza pandemica: dal sistema delle regioni a colori al Green pass (che resterà in alcuni limitati casi), dall’obbligo delle mascherine alle USCA. Non indolore il passaggio in commissione, dove si è registrata una spaccatura sul tema della possibilità per le farmacie di somministrare i vaccini contro l’influenza: Lega- Forza Italia-Pd-Fdi e Leu hanno votato a favore della misura, contro MoVimento 5 stelle, Alternativa e Coraggio Italia. Come auspicato da tutte le forze politiche, è stata reintrodotta fino al 30 giugno la proroga dello smart working per i lavoratori fragili. Queste le misure nel dettaglio.

Termine stato di emergenza

Allo scopo di adeguare le misure alla mutata evoluzione epidemiologica e preservare la necessaria capacità operativa e di pronta reazione delle strutture durante la fase di progressivo rientro nell’ordinario consente, entro il 31 dicembre 2022 e su richiesta motivata delle Amministrazioni competenti, l’adozione di che, comunicate tempestivamente alle camere, possono contenere misure derogatorie con efficacia limitata fino al 31 dicembre 2022 e nel limite delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente. Nel corso dell’esame in sede referente è stata introdotta la precisazione che le ordinanze siano adottate nel rispetto dei princìpi di adeguatezza e di proporzionalità. Cessano le funzioni del Commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19. Al suo posto viene istituita una Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l’adozione di altre misure di contrasto alla pandemia, che opera dal 1° aprile fino al 31 dicembre 2022, quale struttura con adeguate capacità di risposta a possibili aggravamenti del contesto epidemiologico.

Vaccini antinfluenzali nelle farmacie

Nel corso dell’esame in sede referente è stata introdotta una disposizione che consente la somministrazione, con oneri a carico degli assistiti, presso le farmacie da parte di farmacisti opportunamente formati a seguito del superamento di specifico corso abilitante e di successivi aggiornamenti annuali, organizzati dall’Istituto superiore di sanità, di vaccini anti Sars-CoV-2 e di vaccini antinfluenzali nei confronti dei soggetti di età non inferiore a diciotto anni e previa presentazione di documentazione comprovante la pregressa somministrazione di analoga tipologia di vaccini.

Isolamento e autosorveglianza

È disposto dal 1° aprile 2022 il divieto di mobilità, fino alla guarigione, per le persone sottoposte alla misura dell’isolamento poiché positive al Sars-CoV-2 (l’isolamento termina a seguito di tampone negativo trasmesso al dipartimento di prevenzione competente), salvo che per il ricovero in una struttura sanitaria o altra struttura allo scopo destinata. Per i contatti stretti di positivi si applica il regime dell’auto sorveglianza, con obbligo di indossare DPI FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti per 10 giorni e di effettuare un tampone se compaiono i sintomi. Si demanda alla circolare del ministero della salute la definizione delle modalità attuative.

Nuove normative sui DPI

L’articolo 5 introduce misure relative ai dispositivi di protezione delle vie respiratorie prevedendo che:

  • fino al 15 giugno 2022 – anziché 30 aprile 2022, è obbligatorio indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per l’accesso ai seguenti mezzi di traporto e per il loro utilizzo: aeromobili, navi, treni, autobus, mezzi del trasporto pubblico locale o regionale, mezzi di trasporto scolastico;
  • fino al 30 aprile 2022, per funivie, cabinovie e seggiovie;
  • dal 1° maggio 2022 al 15 giugno 2022, per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso;
  • per gli altri luoghi al chiuso, incluse le discoteche e ad eccezione del momento del ballo, con esclusione delle abitazioni private, è obbligatorio indossare i DPI.
  • fino al 15 giugno 2022, hanno l’obbligo di indossare i DPI i lavoratori, gli utenti e i visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti.

Eliminazione Green pass base

Il decreto disciplina la graduale eliminazione del Green pass base e del green pass rafforzato che verranno eliminati dal primo maggio quasi ovunque. Prorogate al 31 dicembre 2022 le disposizioni che consentono l’accesso dei visitatori a strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice e ai reparti di degenza delle strutture ospedaliere, esclusivamente ai soggetti muniti di green pass rafforzato con dose di richiamo ovvero con un tampone delle 48 ore precedenti. A tal proposito, viene delimitato il potere del direttore sanitario delle strutture sanitarie il quale potrà adottare misure precauzionali più restrittive in relazione allo specifico contesto epidemiologico, previa comunicazione al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria locale competente per territorio, che, ove ritenga non sussistenti le condizioni di rischio sanitario addotte, ordina, nel termine perentorio di tre giorni, con provvedimento motivato, che non si dia corso alle misure più restrittive.

Obblighi vaccinali

L’articolo 8 disciplina gli obblighi vaccinali. In particolare:

  • proroga fino al 31 dicembre 2022 l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario, per i lavoratori impiegati in strutture residenziali, socio-assistenziali e socio-sanitarie e per il personale delle strutture autorizzate all’esercizio di attività sanitarie e sociosanitarie e, conseguentemente, anche l’efficacia della sospensione che la disposizione in esame, inoltre, fa cessare temporaneamente per intervenuta guarigione sino alla scadenza del termine in cui la vaccinazione è differita;
  • proroga al 31 dicembre 2022 anche la disposizione che qualifica l’adempimento dell’obbligo vaccinale quale requisito ai fini dell’iscrizione all’ordine professionale;
  • proroga invece fino al 15 giugno 2022 l’obbligo vaccinale per il personale scolastico, per il personale della difesa e sicurezza, per il personale penitenziario, delle università, delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica e degli istituti tecnici superiori, nonché’ al personale dei Corpi forestali delle regioni a statuto speciale;
  • in relazione al personale docente ed educativo della scuola, dispone che la vaccinazione costituisce requisito essenziale per lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni demandando ai dirigenti scolastici il rispetto del predetto obbligo; l’atto di accertamento dell’inadempimento della vaccinazione impone al dirigente scolastico, dal 1° aprile 2022 fino al termine delle lezioni dell’anno scolastico 2021/2022, di utilizzare il docente inadempiente in attività di supporto alla istituzione scolastica e di sostituire, il personale docente e educativo non vaccinato. In sede referente si è introdotta la disposizione volta a chiarire che l’atto di accertamento si interpreta nel senso che ai docenti inadempienti si applica, per quanto compatibile, il regime stabilito per i docenti dichiarati temporaneamente inidonei alle proprie funzioni.

Casi positivi a scuola

Dal 1° aprile 2022, fino alla conclusione dell’anno scolastico 2021-2022, ferma restando per il personale scolastico l’applicazione del regime dell’autosorveglianza, e fermo restando lo svolgimento in presenza delle attività educative e didattiche e la possibilità di svolgere uscite didattiche e viaggi di istruzione, ivi compresa la partecipazione a manifestazioni sportive, nelle scuole dell’infanzia, nelle scuole primarie, secondarie e nel sistema di istruzione e formazione professionale con almeno 4 postivi nella classe, l’attività educativa e didattica prosegue in presenza per tutti con mascherine FFP2 per dieci giorni dall’ultimo contatto (alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo all’ultimo contatto, va effettuato un tampone il cui esito negativo è attestato con una autocertificazione).

Gli alunni in isolamento in seguito all’infezione possono seguire l’attività scolastica nella modalità della didattica digitale integrata su richiesta della famiglia o dello studente, se maggiorenne. La riammissione in classe è subordinata alla sola dimostrazione di avere effettuato un tampone con esito negativo.

Fino alla conclusione dell’anno scolastico 2021-2022, nelle istituzioni scolastiche è fatto obbligo di utilizzo delle mascherine chirurgiche fatta eccezione per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei predetti dispositivi e per lo svolgimento delle attività sportive ed è raccomandato il rispetto di una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro salvo che le condizioni strutturali-logistiche degli edifici non lo consentano.

Lavoro agile per i fragili

Nel corso dell’esame in sede referente, per volontà trasversale di tutti i gruppi politici si è riusciti a prorogare, fino al 30 giugno 2022, il lavoro agile per i lavoratori fragili e l’equiparazione al ricovero ospedaliero dell’assenza per quei lavoratori fragili che non possono svolgere le loro mansioni in modalità agile e le cui patologie siano tra quelle elencate dal decreto ministeriale già emanato.

Incarichi di lavoro autonomo a medici

Prorogata al 31 dicembre 2022 la possibilità di conferire incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, a dirigenti medici, veterinari e sanitari nonché al personale del ruolo sanitario del comparto sanità, collocati in quiescenza, anche ove non iscritti al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo, nonché agli operatori socio-sanitari collocati in quiescenza; si contente inoltre il cumulo tra pensione e compensi per gli incarichi avuti anche per tutto l’anno 2022 anziché solo per il primo trimestre del 2022.

Proroga delle Usca

Viene abrogata la disposizione che limita l’efficacia delle USCA alla durata dello stato di emergenza e fa salva la disposizione della legge di bilancio 2022 che proroga le USCA al 30 giugno 2022, nei limiti di spesa per singola regione e provincia autonoma indicati nell’allegato annesso alla medesima legge di bilancio;

Soppressa inoltre la disposizione che circoscrive il riconoscimento del periodo di attività svolto dai medici specializzandi esclusivamente durante stato di emergenza ai fini del ciclo di studi che conduce al conseguimento del diploma di specializzazione. Si supera quindi una incongruenza derivante dal fatto che a fronte della proroga degli istituti previsti che consentono le predette attività, ai fini del ciclo di studi che conduce al conseguimento del diploma di specializzazione, sarà valutata soltanto l’attività svolta durante il periodo emergenziale, che però è in scadenza il 31 marzo 2022;

Prorogata al 31 dicembre 2024 la possibilità per i corsisti in medicina generale di partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali, subordinatamente ai medici in possesso del relativo diploma e agli altri medici aventi, a qualsiasi titolo, diritto all’inserimento nella graduatoria regionale. L’emendamento in relazione alla predetta possibilità modifica quindi il massimale degli assistiti

Protocollo per le relazioni con i familiari

In sede referente è stata soppressa l’abrogazione del protocollo per le relazioni con i familiari dei pazienti affetti da Covid-19 presso le strutture sanitarie ossa dell’art. 2-ter del DL 52/2021 relativa al protocollo per le relazioni con i familiari dei pazienti affetti da Covid-19 presso le strutture sanitarie. Questa disposizione era stata introdotta a garanzia delle relazioni tra pazienti Covid-19 e familiare al fine di evitare che l’isolamento dei malati di Covid-19.

Persone con spettro autistico

È stato stabilito che le risorse già previste dalla legge di bilancio del 2016, come successivamente incrementate, siano destinate, in quote differenziate, allo sviluppo di progetti di ricerca, all’incremento di personale, allo sviluppo di una rete di cura territoriale e a progetti di vita individualizzati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Dl Aiuti Ter e proroga Decreto Calabria al centro dei lavori parlamentari
In settimana attesa per l’informativa del ministro dell’Interno Piantedosi sui migranti dopo i fatti di Catania. In commissione Sanità e Lavoro anche la proroga della permanenza in carica dei componenti delle commissioni consultive presso l’AIFA
Commissioni: al Senato Zaffini (Fdi) a Sanità e Lavoro, alla Camera Cappellacci (Fi) agli Affari sociali
L’ex governatore della Sardegna è il nome indicato da Forza Italia: «Più forza alla famiglia e al diritto alla salute». Al Senato tocca a Francesco Zaffini: «Le priorità: valorizzazione del personale sanitario e stop alle morti sul lavoro»
Parlamento, attesa per l’elezione dei presidenti di commissione
A Palazzo Madama e Montecitorio il giorno fissato è quello di mercoledì 9 novembre, con orari diversi. Al Senato, Sanità e Lavoro sono state accorpate dopo l’adeguamento del regolamento, alla Camera invariata la XII Affari sociali
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa